logo la mia finanza
giovedì 18/12/2014 Anno 9° n.352 Direttrice: Silvia Sindaco  
Le obbligazioni su logo EuroTLX
 
    
Tutte le quotazioni di oggi
 

Foto
Lamiafinanza ospita gli scatti di alcuni “narratori visivi” della realtà del nostro tempo.
Oggi le fotografie accanto agli articoli sono di Leo Torri

 




 


SALA STAMPA
 
  • 17/12/2014
    Igd Siiq
    Nulla osta da Banca d’Italia all’acquisizione del 20% del capitale sociale di UnipolSai Investimenti Sgr


  • 17/12/2014
    BlackRock
    Nel 2014 il patrimonio investito in Etp a livello globale cresce del 15% a oltre 2.700 miliardi di dollari


  • 17/12/2014
    Cgpa Europe
    Un portale tutto italiano per gli intermediari


  • 17/12/2014
    Swiss & Global Asset Management
    Affidata a State Street la fornitura di servizi di investimento per asset pari a 70 miliardi di dollari


  • 17/12/2014
    La Française
    Siglato un accordo di distribuzione con Copernico Sim


  • 17/12/2014
    Pkb
    Giovanni Castellino è il nuovo responsabile asset management


  • 17/12/2014
    Morningstar
    Sondaggio gestori, migliora il sentiment sull’Europa


  • 17/12/2014
    Raiffeisen Capital Management
    Raiffeisen Fund Conservative supera i 200 milioni di euro


  • 17/12/2014
    Banca Nuova
    Aggiudicata la gestione del servizio di cassa dell’Assemblea regionale siciliana


  • 17/12/2014
    Compagnia della Ruota
    Perfezionato conferimento a favore di Cdr Replay di 1.820.099 azioni Borgosesia


  • 16/12/2014
    Poste Italiane
    Presentato il nuovo piano strategico a cinque anni


  • 16/12/2014
    Fineco
    Campagna di solidarietà a favore di quattro progetti importanti


  • 16/12/2014
    Ministero dell'Economia e delle Finanze
    Prevenzione dell'usura, oltre 32 milioni a imprese e famiglie con fondi derivanti da sanzioni antiriciclaggio


  • 16/12/2014
    Banca Popolare di Vicenza
    Rinnovato l'accordo con Apindustria Mantova a sostegno delle Pmi associate


  • 16/12/2014
    Enel Green power
    Ceduta la partecipazione in La Geo


  • 16/12/2014
    State Street Global Advisors
    Ridotto il Ter di altri due Spdr Etf europei


  • 16/12/2014
    Fiat Group Automobiles
    Nasce Fca Italy


  • 16/12/2014
    IwBank
    Lanciata SmartYou, innovativa piattaforma commerciale di sviluppo e fidelizzazione


  • 16/12/2014
    Italia Independent Group
    Firmato accordo con Gm Venture (Brasile)


  • 16/12/2014
    Iccrea Holding - Italfondiario
    Accordo per la gestione dei crediti problematici delle Bcc


    
Tutti i comunicati
 

Lamiafinanza.it
Registrazione del Tribunale di Milano
n° 775 del 15 dicembre 2006
DisclaimerContatti | Chi Siamo
FB LinkedIn

CBS CBS Associati srl
viale Premuda, 46 - 20129 Milano
P.Iva 04721910968
ROC n° 16951

La mia Finanza La mia Previdenza
La mia Finanza Green

La mia Finanza Ch

Feed Rss
comunicati stampa 17/01/2011
Algebris Investments
Comunicati stampa

Alessandro Lasagna nominato partner. Svilupperà il business europeo
Condividi su... Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa Invia Aumenta dimensione del carattere Diminuisci dimensione del carattere
 

La boutique di asset management specializzata in investimenti alternativi punta al mercato italiano 

Algebris Investments (UK) LLP, fondata nel 2006 da Davide Serra ed Eric Halet, ha affidato ad Alessandro Lasagna, in qualità di partner, l’incarico di sviluppare da Londra il business europeo di Algebris, a partire dall’Italia. Le successive tappe della strategia di espansione saranno la Spagna e la Svizzera.

Algebris, con circa 1,4 miliardi di dollari in gestione, ha registrato una crescita esponenziale negli ultimi quattro anni con l’apertura, dopo Londra, degli uffici di New York e Singapore e lo sviluppo del team, che ad oggi conta 17 professionisti di elevato standing. La Società punta ad ampliare il proprio business per posizionarsi quale boutique di asset management specializzata negli investimenti alternativi.

Alessandro Lasagna, 42 anni, già membro del Consiglio di Amministrazione di Algebris Global Financials Fund dal 2006, vanta una lunga esperienza nel mondo degli investimenti alternativi grazie tra l’altro al suo ruolo di partner fondatore, e membro del CdA di IN Alternative SGR, dove, dal 2006, si è occupato di accrescere gli asset dei fondi di fondi hedge gestiti dalla SGR italiana.

Prima di approdare a IN Alternative SGR, dal 2003 al 2006 ha lavorato in Schroders Londra quale Executive Director responsabile per il team Internazionale della Private Bank e membro dell'Executive Committee e del Comitato d'Investimento. Dal 1997 al 2003, è stato in Merrill Lynch per i primi tre anni a Milano e dal 2000 in qualità di Director presso Merrill Lynch Investment Managers a Londra.

Lasagna è laureato in Economia Monetaria presso la London School of Economics e ha conseguito un Master in Economia presso la School of Advanced International Studies dell’Università Johns Hopkins di Washington. Ha anche una laurea in Scienze Politiche conseguita presso La Sapienza di Roma.

“Riteniamo che dopo quattro anni di forte crescita con il raggiungimento di significativi asset in gestione - commenta Davide Serra, Partner fondatore di Algebris Investments - sia giunto il momento di guardare all’Europa e ad un più ampio spettro di investitori. In Italia, in particolare, pensiamo di offrire a breve la possibilità di accedere alla nostra expertise negli investimenti alternativi attraverso soluzioni ad hoc”.

Oggi Algebris gestisce un fondo long-short equities in titoli finanziari, Algebris Global Financials Fund, che dal suo lancio (ottobre 2006) ha riportato un rendimento del 55%, sovraperformando l’indice dei titoli finanziari, che nello stesso periodo ha perso il 50%. All’inizio del 2010 la Società ha lanciato un fondo long-short financials focalizzato sui mercati emergenti, Algebris Emerging Market Financials Fund, che ad oggi ha registrato una performance cumulativa del 30%.


Archivio articoli
Mercati Usa: misurare i più rischiosi
Per l’investitore, Standard&Poor’s e Nasdaq sono circa quattro volte più pericolosi rispetto al Dow Jones, che non contiene titoli hi-tech ad alta volatilità. Ecco perché e come approfittarne
tutti gli articoli
Furto e incendio: proteggere la casa
Quali eventi sono effettivamente compresi in queste polizze? E come funzionano i contratti? Ecco i punti cui prestare attenzione
tutti gli articoli
I vantaggi di un approccio combinato
Una strategia che investa contemporaneamente in titoli in valuta locale e hard currency, in obbligazioni corporate e debito sovrano consente di realizzare un’ampia diversificazione e di massimizzare il rendimento per il livello di rischio
tutti gli articoli
Come coniugare crescita, reddito e stabilità
È guardando a questi tre bisogni fondamentali dei risparmiatori che Fidelity ha costruito la sua offerta. Ce lo spiega Francesca Martignoni, country head per l’Italia
tutti gli articoli
Le dinamiche sul listino
I certificati si caratterizzano per la presenza di diverse combinazioni di opzioni in un solo strumento, oltre a un sottostante prescelto. Ecco le principali variabili da tenere d’occhio per investire con successo
tutti gli articoli
Salvate l’oro della Svizzera
Un referendum chiede che le riserve aurifere della Banca centrale siano pari ad almeno il 20% degli attivi e che all’istituto sia vietato venderle. Se vincessero i sì, gli effetti si farebbero sentire soprattutto sui cambi
tutti gli articoli
Un’asset allocation strategica e tattica
Grazie agli Etf è possibile diversificare il proprio portafoglio e ottenere una combinazione ottimale per rischio-rendimento e orizzonte temporale. Ma anche cogliere le opportunità nel breve periodo
tutti gli articoli
La turbolenza non è finita
Secondo Giordano Lombardo, Group Chief Investment Officer di Pioneer Investments, la volatilità sui mercati è destinata a durare. Almeno finché non cambieranno le politiche monetarie e fiscali
tutti gli articoli
Europa: tre ostacoli sulla strada della ripresa
Secondo John Greenwood, capo economista Invesco, austerità, indebitamento del settore privato e super euro continuano a frenare l’economia del continente
tutti gli articoli
Azioni, una questione di “stile”
I titoli “growth”, storicamente, hanno offerto un rendimento complessivo maggiore rispetto sia ai “value”, sia a un investimento standard, grazie al contributo degli alti dividendi distribuiti
tutti gli articoli