Forex, il mercato delle valute con Directa Sim

Le operazioni sui mercati non regolamentati

Negoziare le valute sull’Over the Counter (Otc): niente quotazioni ufficiali, né contrattazioni standardizzate o camera di compensazione. Opportunità ma anche maggiori rischi

Le caratteristiche specifiche nelle operazioni OTC (Over the Counter) sono: l'assenza di quotazioni ufficiali, la presenza di contrattazioni non standardizzate (relativamente a importi e scadenze precise) e mancanza di organismi centrali di compensazione.

Tutto può essere trattato nelle operazioni OTC. Oggi la maggior parte dei contratti sui cambi valutari nell'OTC sono tipicamente i “foward”, termine con cui si indicano quei contratti che prevedono la consegna di una determinata quantità di un certo sottostante a un determinato prezzo (il prezzo di consegna) e a una data (la data di scadenza o maturity date). Ad esempio un certo ammontare di sterline verrà pagato tot dollari ad una data precisa, che verrà concordata tra le due controparti.
I mercati regolamentati si contrappongono all'OTC.

Possiamo vedere l'inizio della nascita dei mercati regolamentati già a partire dal Medioevo, ad esempio, nelle fiere dello Champagne del XII secolo. Gli step di negoziazione sono diversi. In un primo momento venivano presi gli accordi di compravendita tra i mercanti, in un secondo step ci si accordava sul prezzo e a fine fiera si cercava di compensare i conti con la certificazione dei notai (riconoscibile come l'attuale “camera di compensazione”), in modo da permettere ai mercanti di viaggiare senza portare con sé una grande quantità di denaro.
Possiamo dire che questa è la nascita del processo moderno di Clearing e Settlement.

I contratti foward sui mercati regolamentati generalmente sono riconosciuti come “future”.
I future sono contratti standardizzati quindi uguali per oggetto (ossia sottostante di riferimento), dimensione, date di scadenza e regole di negoziazione (orari di contrattazione, variazioni minimi di prezzo o tick, luoghi di consegna, etc). Ad esempio, verrà consegnato un certo ammontare di sterline in cambio di un certo ammontare di dollari a una data prestabilita, uguale per qualsiasi controparte. Ad esempio 100.000 sterline verranno consegnate a 140.000 dollari al prezzo di mercato a una precisa scadenza sul CME (generalmente gli scambi sul CME sulle valute hanno una scadenza trimestrale) e queste condizioni sono prestabilite per tutti.

Nei mercati non regolamentati può esserci il rischio che una delle controparti non onori gli impegni presi, questo non può avvenire nei mercati regolamentati. Ad esempio per l'IDEM, mercato regolamentato e gestito da Borsa Italiana o MTA (Mercato Telematico Azionario) esiste la cassa di compensazione (in inglese “clearing house”) che è un meccanismo che consente il buon fine delle transazioni.

Un'altro esempio di mercato regolamentato che tratta la compravendita di valute e di materie prime con una cassa di compensazione e con un processo di Clearing e Settlement è Lmax Exchange. È l'unico mercato di tipo MTF, il circuito di negoziazione “Multilateral Trading Facilities”, gestito da soggetti privati, che permette l'acquisto e la vendita, tramite l'incontro di interessi di negoziazione proveniente da una pluralità di soggetti, di strumenti finanziari di titoli già quotati presso altri mercati.

Le puntate precedenti:

Euro, dollaro, sterlina e persino lira: quale logica nei prezzi?

Comprare e vendere valute: ciò che occorre sapere

Forex: vantaggi, trappole e segreti

Il commercio delle valute: flussi e transazioni

fidelity education
aberdeen education
euro tlx tutorial
unipol eos education