La classifica di Brand Finance, in partnership con FDI Intelligence-Financial Times, ogni anno ordina i brand nazione per valore monetario con lo standard ISO 10668

  • La Cina ha il brand nazione con maggiore incremento di valore monetario, oltre $3.000 miliardi in più dello scorso anno.
  • il dominio del brand USA è minacciato dalla presidenza Trump;

Il 19° Congresso Nazionale del partito comunista cinese segnerà la fine del mandato di cinque anni del comitato centrale, che ha visto un cambiamento rivoluzionario nell'approccio della Cina al brand. Nel precedente congresso del 2012, il presidente Xi ha dichiarato che la Cina non avrebbe più dovuto essere solo un luogo per produrre componenti dei prodotti occidentali, avrebbe dovuto sviluppare delle proprie marche leader mondiali.

Infatti da quest’anno ogni 10 maggio, sarà celebrato il “Chinese Brands Day” e il paese ha un Consiglio nazionale per lo sviluppo dei brand, dedicato sia alla ricerca & sviluppo sia alla valutazione del brand. Nel 2008 nella Brand Finance Global 500 c’erano solo 8 marche cinesi, oggi sono 50 e quattro dei loro brand guidano questi settori: banche (ICBC), spirits (Moutai), assicurazioni (PingAn) e immobili (Dalian Wanda).

In un circolo virtuoso, le marche cinesi e l'immagine della Cina come potenza mondiale emergente si stanno rafforzando l'un l'altro e contribuiscono ulteriormente all'attrattività del paese tra gli investitori e i turisti.

Dalla Brand Finance Nation Brands 2017, con un incremento di oltre $3.000 miliardi, la Cina è il brand nazione con la maggiore crescita assoluta in valore rispetto all’anno passato. Questa cifra corrisponde all'intero valore del brand nazione britannico. il valore del brand nazione della Cina è cresciuto del 44% anno su anno, ad un ritmo 20 volte superiore rispetto agli Stati Uniti. Tuttavia $ 10.000 miliardi, il valore del brand Cina, è ancora solo la metà di quella americano e la crescita sostenuta sarà fondamentale per ridurre il divario.

 brandfinance l inarrestabile ascesa del brand cina