Le sottoscrizioni sono state pari al 99,8%

È stato sottoscritto al 99,8%, per un totale di 12.968.720.936,60 euro l’aumento di capitale di Unicredit da 13 miliardi. Lo ha comunicato lo stesso istituto in una nota diffusa nella serata di ieri.

L'operazione è destinata a chiudersi con un completo successo, visto che, al termine del periodo di opzione chiuso ieri, l'inoptato era pari soltanto allo 0,2% (per un controvalore di 30,9 milioni), e sarà collocato entro il 10 marzo. 

In dettaglio sono stati esercitati 616.559.900 di diritti e, quindi, sottoscritte complessivamente 1.603.055.740 nuove azioni, con ancora 1.469.645 diritti non esercitati e relativi alla sottoscrizione di 3.821.077 nuove azioni. I diritti rimasti saranno quindi offerti da Unicredit in borsa nelle sedute del 27 e del 28 febbraio e dell’1, 2 e 3 marzo, salvo chiusura anticipata dell’offerta in caso di vendita integrale dei diritti stessi.

I diritti acquistati potranno essere utilizzati per la sottoscrizione, al prezzo di 8,09 euro per ciascuna azione, di 13 nuove azioni ordinarie ogni 5 diritti acquistati. L’esercizio dei diritti acquistati nell’ambito dell’offerta e conseguentemente la sottoscrizione delle nuove azioni dovranno essere effettuati, a pena di decadenza, entro e non oltre lunedì 6 marzo. 

In Borsa oggi il titolo è tuttavia in sofferenza, e a fine mattina segna un calo di oltre il 3%.