Secondo il Sole24Ore il governo valuterebbe alternative all’Ipo del 30% della società, decidendo per un dividendo straordinario. E il titolo vola in Piazza Affari

Poste Italiane brilla in Piazza Affari con un rialzo di oltre il 4%. A spingere il titolo sarebbero indiscrezioni di stampa che ipotizzano l’abbandono da parte del governo del programma di collocamento in Borsa di un ulteriore 30% del capitale della società, peraltro più volte annunciato e rimandato.

Secondo quanto riporta il Sole24Ore il Tesoro, esplorando alternative all’Ipo, penserebbe alla distribuzione di un dividendo straordinario con il quale la Cassa Depositi e Prestiti potrebbe finanziare l'acquisto del 15% del capitale.

In Piazza Affari gli scambi su Poste Italiane sono stati molto sostenuti fin dall’avvio delle contrattazioni. Dopo mezz’ora di contrattazioni erano già stati scambiati 2,6 milioni di pezzi, da una media giornaliera di 3 milioni di pezzi.