Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site
  • Positive reforms in China

    Positive reforms in China

    Despite ongoing concerns about China’s economy and debt levels, M&G is becoming more optimistic about China amid signs that the +
  • Asia’s new era of sustainable growth

    Asia’s new era of sustainable growth

    As the 2018 Chinese New Year celebrations begin on 16 February and the Winter Olympics are under way in South +
  • Jay Powell, the US economy’s new leader

    Jay Powell, the US economy’s new leader

    The stockmarkets took a real rollercoaster ride the week of February 5, with the Dow Jones plummeting more than 1,100 +
  • Enhancing the performance of alternatives with gold

    Enhancing the performance of alternatives with gold

    In recent years, buy-and-hold investors such as pension funds, endowments, insurance companies, and sovereign wealth funds (SWFs) have gradually increased +
  • Absence (of market volatility) made the heart grow fonder

    Absence (of market volatility) made the heart grow fonder

    Investors are fearful that inflation will rise faster than expected due to the impact of a weak dollar on import +
  • Latin America 2018: a dual narrative of short-term political uncertainty and ongoing economic recovery

    Latin America 2018: a dual narrative of short-term political uncertainty and ongoing economic recovery

    2018 is set to be an eventful year for Latin America. The region is facing a full calendar of political +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Most traded bonds

Name Currency Close
UCG TV CALL SUB 03MG25EUR101.9800
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 29GE21EUR97.0200
UCG-FIX FLOAT 30GN23EUR100.3600
PORTUGAL TELECOM INT FIN 5% 04NV19EUR35.3600
BTP 3.75% 01AG21EUR111.7060
TELECOM ITALIA 5.25% 17MZ55EUR117.7300
ISP-TV SUB 30GN22EUR104.0300
OBLIGACIONES 6% 31GE29EUR144.4700
BTP 4.25% 01FB19EUR104.3960
UCG-FIX FLOAT 31AG24EUR99.9400

  Click to listen highlighted text! Cairo Communication lancia l’Ops sulla società editrice del Corriere della Sera. Accordo Berlusconi-Vivendi per la cessione di Premium Il settore dei media è più che mai sotto i riflettori in queste ore, dopo le notizie arrivate venerdì sera, a mercati chiusi, su Rcs Mediagroup, con l’offerta di scambio lanciata da Cairo Communication, e Mediaset, che ha concluso l’accordo con Vivendi per uno scambio azionario tra i due gruppi e la cessione ai francesi della pay tv Premium. In piazza affari i titoli Rcs non sono riusciti a fare prezzo nei primi scambi, e a fine mattina viaggiano in rialzo del 22% a 0,588 euro. In rialzo anche Mediaset, ma solo di un punto percentuale. Il patron di Cairo Communication (gruppo del quale fa parte La7), punta ad acquisire la totalità delle azioni Rcs, di cui oggi possiede il 4,7%. L’operazione dovrebbe avvenire senza esborso di denaro: Cairo offre azioni della sua società in cambio di quelle di Rcs. In dettaglio, l’offerta è di una azione Cairo Communication ogni 8,333 azioni Rcs, che sarebbe dunque valorizzata circa 280 milioni; a questi si aggiungono però i 487 di debiti che Cairo si accollerebbe. Considerando i prezzi dei titoli interessati a venerdì scorsole azioni Rcs sono valorizzate 0,551 euro (e le quotazioni oggi si stanno avvicinando velocemente a tale prezzo). Secondo i giornali, gli attuali grandi soci dell’editrice del Corriere, da Unipol a Mediobanca, hanno accolto piuttosto freddamente la proposta, non ritenendo adeguato il prezzo. Quanto a Mediaset, dopo giorni di indiscrezioni, venerdì è arrivato l’accordo della famiglia Berlusconi con Vincent Bolloré, patron di Vivendi, per lo scambio incrociato del 3,5% del capitale tra Mediaset e Vivendi. Mediaset conferirà però a Vivendi (data la differenza di valore tra le quote azionarie scambiate) anche la pay tv Premium. Vivendi punta a creare un’alternativa nel Sud Europa a Netflix, il canale tv via internet recentemente sbarcato anche in Italia.

Cairo Communication lancia l’Ops sulla società editrice del Corriere della Sera. Accordo Berlusconi-Vivendi per la cessione di Premium

Il settore dei media è più che mai sotto i riflettori in queste ore, dopo le notizie arrivate venerdì sera, a mercati chiusi, su Rcs Mediagroup, con l’offerta di scambio lanciata da Cairo Communication, e Mediaset, che ha concluso l’accordo con Vivendi per uno scambio azionario tra i due gruppi e la cessione ai francesi della pay tv Premium.

In piazza affari i titoli Rcs non sono riusciti a fare prezzo nei primi scambi, e a fine mattina viaggiano in rialzo del 22% a 0,588 euro. In rialzo anche Mediaset, ma solo di un punto percentuale.

Il patron di Cairo Communication (gruppo del quale fa parte La7), punta ad acquisire la totalità delle azioni Rcs, di cui oggi possiede il 4,7%. L’operazione dovrebbe avvenire senza esborso di denaro: Cairo offre azioni della sua società in cambio di quelle di Rcs. In dettaglio, l’offerta è di una azione Cairo Communication ogni 8,333 azioni Rcs, che sarebbe dunque valorizzata circa 280 milioni; a questi si aggiungono però i 487 di debiti che Cairo si accollerebbe. Considerando i prezzi dei titoli interessati a venerdì scorsole azioni Rcs sono valorizzate 0,551 euro (e le quotazioni oggi si stanno avvicinando velocemente a tale prezzo).

Secondo i giornali, gli attuali grandi soci dell’editrice del Corriere, da Unipol a Mediobanca, hanno accolto piuttosto freddamente la proposta, non ritenendo adeguato il prezzo.

Quanto a Mediaset, dopo giorni di indiscrezioni, venerdì è arrivato l’accordo della famiglia Berlusconi con Vincent Bolloré, patron di Vivendi, per lo scambio incrociato del 3,5% del capitale tra Mediaset e Vivendi. Mediaset conferirà però a Vivendi (data la differenza di valore tra le quote azionarie scambiate) anche la pay tv Premium. Vivendi punta a creare un’alternativa nel Sud Europa a Netflix, il canale tv via internet recentemente sbarcato anche in Italia.

Click to listen highlighted text!