Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    With the notable exception of the upcoming royal wedding, it would be pretty difficult to find a topic that is +
  • Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    The stars were perfectly aligned for the financial markets in 2017. Strong and synchronous growth around the globe, no signs +
  • US sanctions to be restrictive for European companies

    US sanctions to be restrictive for European companies

    Donald Trump’s announced sanctions on Iran are proving to be quite a headache for European companies that had re-expanded their +
  • Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    In any European country whose public finances are fragile, a government elected on the promise of fiscal easing has every +
  • Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    On April 27, North and South Korea brokered peace talks in a joint summit, the first of its kind in +
  • Some thoughts about US nuclear deal with Iran

    Some thoughts about US nuclear deal with Iran

    The appointments of Pompeo and Bolton have made a lenient stance on the Iran regime inconceivable. +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! FtseMib e AllShare hanno terminato -1,57 e -1,39%. A picco Unicredit, Telecom, Ubi, Exor e Intesa. Bene Yoox, Mediaset, Mps e Tenaris. Spread a 121 punti E’ stata una seduta a grandissima volatilità quella conclusa alla Borsa di Milano.Gli indici maggiori hanno archiviato gli scambi in ribasso di circa un punto e mezzo percentuale. Nettamente migliori le chiusure degli altri listini Ue: Parigi ha segnato +0,77%, Francoforte +0,81% e Londra ha terminato a +0,68%.Lo spread viaggia a 121 punti. E’ durato un attimo l’entusiasmo in Piazza Affari per la decisione governativa di creare un fondo (Atlante) per sostenere le banche soprattutto sul versante degli aumenti di capitale e dei crediti deteriorati.Già in mattinata sono scattate le prese di profitto che hanno regalato al listini milanese la maglia nera della giornata. Nel paniere dell’FtseMib i titoli più brillanti sono stati Yoox-Nap e Mediaset che hanno segnato rispettivamente +3,52 e +2,62%.Bene anche Mps, Tenaris e Eni con progressi compresi tra +1,16 e +0,54%. Sul versante dei ribassi, sempre nel paniere maggiore, guidano la classifica dei peggiori Unicredit e Telecom che hanno terminato a -5,15 e -4,73% rispettivamente.In profondo rosso anche Ubi Banca, Exor e Intesa Sanpaolo con perdite comprese tra -4,40 e -4,11%. Qui tutte le quotazioni

FtseMib e AllShare hanno terminato -1,57 e -1,39%. A picco Unicredit, Telecom, Ubi, Exor e Intesa. Bene Yoox, Mediaset, Mps e Tenaris. Spread a 121 punti

E’ stata una seduta a grandissima volatilità quella conclusa alla Borsa di Milano.
Gli indici maggiori hanno archiviato gli scambi in ribasso di circa un punto e mezzo percentuale.

Nettamente migliori le chiusure degli altri listini Ue: Parigi ha segnato +0,77%, Francoforte +0,81% e Londra ha terminato a +0,68%.
Lo spread viaggia a 121 punti.

E’ durato un attimo l’entusiasmo in Piazza Affari per la decisione governativa di creare un fondo (Atlante) per sostenere le banche soprattutto sul versante degli aumenti di capitale e dei crediti deteriorati.
Già in mattinata sono scattate le prese di profitto che hanno regalato al listini milanese la maglia nera della giornata.

Nel paniere dell’FtseMib i titoli più brillanti sono stati Yoox-Nap e Mediaset che hanno segnato rispettivamente +3,52 e +2,62%.
Bene anche Mps, Tenaris e Eni con progressi compresi tra +1,16 e +0,54%.

Sul versante dei ribassi, sempre nel paniere maggiore, guidano la classifica dei peggiori Unicredit e Telecom che hanno terminato a -5,15 e -4,73% rispettivamente.
In profondo rosso anche Ubi Banca, Exor e Intesa Sanpaolo con perdite comprese tra -4,40 e -4,11%.

Qui tutte le quotazioni

Click to listen highlighted text!