Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Turkey: the road to a persistent crisis

    Turkey: the road to a persistent crisis

    The sell-off on the Turkish lira continues. The exchange rate against the dollar was above seven (7.2 in Asia) last Read More
  • The combined future of finance and sustainability

    The combined future of finance and sustainability

    Is growth sustainable? Since the 1970s, society has been aware that we are not living in a world with finite Read More
  • The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    Central bankers are progressively adopting a pro-cyclical behavior. The global growth momentum is now lower and central banks’ strategy now Read More
  • Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    It’s been nearly five months since the Italian general elections, with the result and the process of forming a coalition Read More
  • Growth and football – what will if France become the world champion?

    Growth and football – what will if France become the world champion?

    The French football team is all set for the FIFA World Cup final in Moscow on Sunday, but would a Read More
  • Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    The global sukuk market experienced a significant slowdown in issuance in the first half of 2018, as we predicted in Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! FtseMib e AllShare hanno terminato -1,57 e -1,39%. A picco Unicredit, Telecom, Ubi, Exor e Intesa. Bene Yoox, Mediaset, Mps e Tenaris. Spread a 121 punti E’ stata una seduta a grandissima volatilità quella conclusa alla Borsa di Milano.Gli indici maggiori hanno archiviato gli scambi in ribasso di circa un punto e mezzo percentuale. Nettamente migliori le chiusure degli altri listini Ue: Parigi ha segnato +0,77%, Francoforte +0,81% e Londra ha terminato a +0,68%.Lo spread viaggia a 121 punti. E’ durato un attimo l’entusiasmo in Piazza Affari per la decisione governativa di creare un fondo (Atlante) per sostenere le banche soprattutto sul versante degli aumenti di capitale e dei crediti deteriorati.Già in mattinata sono scattate le prese di profitto che hanno regalato al listini milanese la maglia nera della giornata. Nel paniere dell’FtseMib i titoli più brillanti sono stati Yoox-Nap e Mediaset che hanno segnato rispettivamente +3,52 e +2,62%.Bene anche Mps, Tenaris e Eni con progressi compresi tra +1,16 e +0,54%. Sul versante dei ribassi, sempre nel paniere maggiore, guidano la classifica dei peggiori Unicredit e Telecom che hanno terminato a -5,15 e -4,73% rispettivamente.In profondo rosso anche Ubi Banca, Exor e Intesa Sanpaolo con perdite comprese tra -4,40 e -4,11%. Qui tutte le quotazioni

FtseMib e AllShare hanno terminato -1,57 e -1,39%. A picco Unicredit, Telecom, Ubi, Exor e Intesa. Bene Yoox, Mediaset, Mps e Tenaris. Spread a 121 punti

E’ stata una seduta a grandissima volatilità quella conclusa alla Borsa di Milano.
Gli indici maggiori hanno archiviato gli scambi in ribasso di circa un punto e mezzo percentuale.

Nettamente migliori le chiusure degli altri listini Ue: Parigi ha segnato +0,77%, Francoforte +0,81% e Londra ha terminato a +0,68%.
Lo spread viaggia a 121 punti.

E’ durato un attimo l’entusiasmo in Piazza Affari per la decisione governativa di creare un fondo (Atlante) per sostenere le banche soprattutto sul versante degli aumenti di capitale e dei crediti deteriorati.
Già in mattinata sono scattate le prese di profitto che hanno regalato al listini milanese la maglia nera della giornata.

Nel paniere dell’FtseMib i titoli più brillanti sono stati Yoox-Nap e Mediaset che hanno segnato rispettivamente +3,52 e +2,62%.
Bene anche Mps, Tenaris e Eni con progressi compresi tra +1,16 e +0,54%.

Sul versante dei ribassi, sempre nel paniere maggiore, guidano la classifica dei peggiori Unicredit e Telecom che hanno terminato a -5,15 e -4,73% rispettivamente.
In profondo rosso anche Ubi Banca, Exor e Intesa Sanpaolo con perdite comprese tra -4,40 e -4,11%.

Qui tutte le quotazioni

Click to listen highlighted text!