Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Share buybacks are one of this year’s red hot topics in the US and regularly hit the headlines, amid claims Read More
  • Trump and the Federal Reserve

    Trump and the Federal Reserve

    Donald Trump hit out again recently at the Federal Reserve for its monetary policy management, taking it to task for Read More
  • Three points on Italy, its budget and the European Commission

    Three points on Italy, its budget and the European Commission

    The European Commission has just told Italy to revise its 2019 budget plan: the deficit does not look excessive (2.4%), Read More
  • 10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    On October 10, global equity markets tumbled, led by the US, with the S&P 500 Index declining -3.3%. The VIX Read More
  • French public debt stands at 100% of GDP

    French public debt stands at close to 100% of GDP, but is this really a cause for concern? Read More
  • Italy: Growth expectations are too optimistic

    Italy: Growth expectations are too optimistic

    Here is the frightening part of the Italian budget: growth figures. In an interview Giovanni Tria said that growth forecasts Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! Seduta positiva per Stm, Banco popolare e Ferrari, in rosso Saipem. In calo il prezzo del petrolio Finale di settimana in lieve ribasso per la borsa milanese. Lindice Ftse Mib ha chiuso con un calo dello 0,39%, in linea con il Cac di Parigi (meno 0,36%), il Dax di Francoforte (meno 0,42%) e il Ftse 100 di Londra (meno 0,34%). Poco mossa New York nelle prime battute della seduta. Leuro ha recuperato terreno rispetto alla mattinata, salendo a 1,1290 dollari. Stabile il rendimento dei Btp decennali sul mercato secondario, ma il calo del tasso sul Bund fa salire leggermente lo spread a 122 punti base. Tra i principali titoli di piazza Affari, termina in buon progresso StMicroelectronics (più 4,69%); secondo indiscrezioni lattuale presidente e Ad Carlo Bozotti potrebbe essere sostituito a breve. Seduta positiva per Ferrari (più 3,2%) mentre Fiat Chrysler Automobiles ha chiuso in calo (meno 1,62%) dopo i dati sulle immatricolazioni in Europa nel mese di marzo. Bene anche Banco Popolare, su del 4,61%, in una seduta in cui prevalgono i segni più nel comparto bancario: in verde Banca Mps (più 1,95%), Ubi banca (più 1,67%), Unicredit (più 1%), Intesa Sanpaolo (più 0,49%) e Popolare Milano (più 0,39%). Fanno eccezione Mediobanca (meno 1,79%) e Popolare Emilia Romagna (meno 2,22%).  Negativi i titoli petroliferi, e in particolare Saipem (meno 2,89%); il prezzo del greggio oggi è in calo di circa il 3%, in attesa del vertice dei paesi produttori che si terrà domenica a Doha, con lobiettivo di fissare un limite alla produzione per sostenere i prezzi. Secondo le agenzie di stampa internazionali però, al vertice non parteciperà il ministro del Petrolio iraniano.       

Seduta positiva per Stm, Banco popolare e Ferrari, in rosso Saipem. In calo il prezzo del petrolio

Finale di settimana in lieve ribasso per la borsa milanese. L'indice Ftse Mib ha chiuso con un calo dello 0,39%, in linea con il Cac di Parigi (meno 0,36%), il Dax di Francoforte (meno 0,42%) e il Ftse 100 di Londra (meno 0,34%). Poco mossa New York nelle prime battute della seduta.

L'euro ha recuperato terreno rispetto alla mattinata, salendo a 1,1290 dollari.

Stabile il rendimento dei Btp decennali sul mercato secondario, ma il calo del tasso sul Bund fa salire leggermente lo spread a 122 punti base.

Tra i principali titoli di piazza Affari, termina in buon progresso StMicroelectronics (più 4,69%); secondo indiscrezioni l'attuale presidente e Ad Carlo Bozotti potrebbe essere sostituito a breve. Seduta positiva per Ferrari (più 3,2%) mentre Fiat Chrysler Automobiles ha chiuso in calo (meno 1,62%) dopo i dati sulle immatricolazioni in Europa nel mese di marzo.

Bene anche Banco Popolare, su del 4,61%, in una seduta in cui prevalgono i segni più nel comparto bancario: in verde Banca Mps (più 1,95%), Ubi banca (più 1,67%), Unicredit (più 1%), Intesa Sanpaolo (più 0,49%) e Popolare Milano (più 0,39%). Fanno eccezione Mediobanca (meno 1,79%) e Popolare Emilia Romagna (meno 2,22%). 

Negativi i titoli petroliferi, e in particolare Saipem (meno 2,89%); il prezzo del greggio oggi è in calo di circa il 3%, in attesa del vertice dei paesi produttori che si terrà domenica a Doha, con l'obiettivo di fissare un limite alla produzione per sostenere i prezzi. Secondo le agenzie di stampa internazionali però, al vertice non parteciperà il ministro del Petrolio iraniano. 

 

 

 

Click to listen highlighted text!