Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Turkey: the road to a persistent crisis

    Turkey: the road to a persistent crisis

    The sell-off on the Turkish lira continues. The exchange rate against the dollar was above seven (7.2 in Asia) last Read More
  • The combined future of finance and sustainability

    The combined future of finance and sustainability

    Is growth sustainable? Since the 1970s, society has been aware that we are not living in a world with finite Read More
  • The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    Central bankers are progressively adopting a pro-cyclical behavior. The global growth momentum is now lower and central banks’ strategy now Read More
  • Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    It’s been nearly five months since the Italian general elections, with the result and the process of forming a coalition Read More
  • Growth and football – what will if France become the world champion?

    Growth and football – what will if France become the world champion?

    The French football team is all set for the FIFA World Cup final in Moscow on Sunday, but would a Read More
  • Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    The global sukuk market experienced a significant slowdown in issuance in the first half of 2018, as we predicted in Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti. Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative. Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali. Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium. In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite. In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial. Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset

Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti.

Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative.

Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali.

Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium.

In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite.

In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial.

Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

Click to listen highlighted text!