Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Share buybacks are one of this year’s red hot topics in the US and regularly hit the headlines, amid claims Read More
  • Trump and the Federal Reserve

    Trump and the Federal Reserve

    Donald Trump hit out again recently at the Federal Reserve for its monetary policy management, taking it to task for Read More
  • Three points on Italy, its budget and the European Commission

    Three points on Italy, its budget and the European Commission

    The European Commission has just told Italy to revise its 2019 budget plan: the deficit does not look excessive (2.4%), Read More
  • 10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    On October 10, global equity markets tumbled, led by the US, with the S&P 500 Index declining -3.3%. The VIX Read More
  • French public debt stands at 100% of GDP

    French public debt stands at close to 100% of GDP, but is this really a cause for concern? Read More
  • Italy: Growth expectations are too optimistic

    Italy: Growth expectations are too optimistic

    Here is the frightening part of the Italian budget: growth figures. In an interview Giovanni Tria said that growth forecasts Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti. Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative. Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali. Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium. In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite. In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial. Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset

Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti.

Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative.

Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali.

Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium.

In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite.

In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial.

Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

Click to listen highlighted text!