Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    With the notable exception of the upcoming royal wedding, it would be pretty difficult to find a topic that is +
  • Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    The stars were perfectly aligned for the financial markets in 2017. Strong and synchronous growth around the globe, no signs +
  • US sanctions to be restrictive for European companies

    US sanctions to be restrictive for European companies

    Donald Trump’s announced sanctions on Iran are proving to be quite a headache for European companies that had re-expanded their +
  • Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    In any European country whose public finances are fragile, a government elected on the promise of fiscal easing has every +
  • Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    On April 27, North and South Korea brokered peace talks in a joint summit, the first of its kind in +
  • Some thoughts about US nuclear deal with Iran

    Some thoughts about US nuclear deal with Iran

    The appointments of Pompeo and Bolton have made a lenient stance on the Iran regime inconceivable. +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti. Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative. Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali. Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium. In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite. In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial. Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

L’indice Ftse Mib accentua il ribasso e cede circa il 2%. Pesanti Banco Popolare, Bpm e Ubi. In rosso anche Mediaset

Piazza Affari sembra intenzionata a rimangiarsi i guadagni di ieri: a metà mattina l’indice Ftse Mib, partito già male, ha ampliato le perdite e cede poco meno del 2%. Deboli anche le altre borse europee, con cali tuttavia più contenuti.

Ad appesantire il listino milanese sono ancora una volta le banche, a cominciare da Banco Popolare, che cede quasi l’8% dopo essere passato in asta di volatilità. Il Cda di ieri ha approvato i conti del primo trimestre, sui quali si fanno sentire le forti rettifiche straordinarie adottate in seguito alle indicazioni della Bce in funzione del progetto di fusione con la Popolare di Milano. Anche la banca milanese è in deciso ribasso (meno 5,8%), sebbene i suoi conti siano stati migliori delle aspettative.

Nel comparto, giù anche Ubi e Banca Mps, con cali superiori ai quattro punti percentuali.

Le vendite colpiscono poi Mediaset (meno 4,8%); dopo la chiusura della borsa il gruppo ha comunicato i risultati del primo trimestre, che presentano un rosso di 18 milioni di euro a causa di perdite superiori alle stime da Mediaset Premium.

In decisa controtendenza Moncler, su del 3,6%; nel primo trimestre il gruppo ha sorpreso grazie a un forte aumento delle vendite.

In buon rialzo anche Leonardo Finmeccanica e Cnh Industrial.

Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund è stabile a 138 punti base, in linea con la chiusura di ieri, in attesa della prima delle aste di metà mese, nella quale il Tesoro offrirà Bot a 12 mesi per un importo di 6,5 miliardi.

Click to listen highlighted text!