Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Greece, the future remains bleak

    Greece, the future remains bleak

    After years of recession, the Greek economy is back to growth as the first graph shows. But the 2017 figure Read More
  • China – US: the battle is just beginning

    China – US: the battle is just beginning

    Donald Trump’s threats to world trade are a desperate attempt from the US to maintain the country’s world economic leadership. Read More
  • Oil Price Volatility Can Present a Buying Opportunity Ahead of the June OPEC Meeting

    Oil Price Volatility Can Present a Buying Opportunity Ahead of the June OPEC Meeting

    Oil continues to make headlines this year as price volatility has shone a light on uncertain supply and demand dynamics Read More
  • A turbulent relationship for the equities/bonds couple

    A turbulent relationship for the equities/bonds couple

    Since the beginning of the year, US 10-year Treasury yields have increased from 2.4% to 3.1%, driving the year-to-date return Read More
  • Italy’s President Throws the Dice

    Italy’s President Throws the Dice

    Political events moved quickly in Italy over last weekend. Read More
  • Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    After weeks of negotiations, the anti-establishment 5Star Movement (M5S) and the far-right League reached a deal on a government platform Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Happen in Milan

  • 1
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano lindice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa unora dallapertura perdono circa un punto percentuale. Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare laccelerazione delleconomia degli Stati Uniti. Leuro è sceso a 1,1196 dollari, e lapprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche loro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari loncia.  In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%. La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%. Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper

Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano l'indice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa un'ora dall'apertura perdono circa un punto percentuale.

Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare l'accelerazione dell'economia degli Stati Uniti.

L'euro è sceso a 1,1196 dollari, e l'apprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche l'oro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari l'oncia. 

In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%.

La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%.

Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Click to listen highlighted text!