Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Ten Years on

    Ten Years on

    On September 15, 2008, the collapse of Lehman brothers set off a shockwave that rippled out right across the world Read More
  • September round-up of the summer’s events

    September round-up of the summer’s events

    Let’s start with the global outlook – are signs on the world economy still as robust as they were? Read More
  • Saudi Aramco IPO: Loss for Equities, Gain for Fixed Income?

    Saudi Aramco IPO: Loss for Equities, Gain for Fixed Income?

    News that Saudi Aramco is unlikely to list its shares in the foreseeable future may be a loss for equity Read More
  • Businesses in Greece: finally, a fresh start?

    Businesses in Greece: finally, a fresh start?

    With Greece about to pull out of its third bailout package, signs of economic recovery are multiplying: 2017 was a Read More
  • Venezuela: The crisis is far from being over

    Venezuela: The crisis is far from being over

    Venezuela is in crisis. Its economic activity is collapsing, its inflation rate is skyrocketing and the value of its currency Read More
  • Goldman Sachs Asset Management Market Update: Turkey

    Goldman Sachs Asset Management Market Update: Turkey

    A combination of domestic political and policy uncertainty alongside a diplomatic dispute with the US has contributed the latest sell-off Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano lindice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa unora dallapertura perdono circa un punto percentuale. Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare laccelerazione delleconomia degli Stati Uniti. Leuro è sceso a 1,1196 dollari, e lapprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche loro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari loncia.  In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%. La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%. Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper

Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano l'indice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa un'ora dall'apertura perdono circa un punto percentuale.

Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare l'accelerazione dell'economia degli Stati Uniti.

L'euro è sceso a 1,1196 dollari, e l'apprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche l'oro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari l'oncia. 

In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%.

La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%.

Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Click to listen highlighted text!