Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    After weeks of negotiations, the anti-establishment 5Star Movement (M5S) and the far-right League reached a deal on a government platform +
  • The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    With the notable exception of the upcoming royal wedding, it would be pretty difficult to find a topic that is +
  • Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    The stars were perfectly aligned for the financial markets in 2017. Strong and synchronous growth around the globe, no signs +
  • US sanctions to be restrictive for European companies

    US sanctions to be restrictive for European companies

    Donald Trump’s announced sanctions on Iran are proving to be quite a headache for European companies that had re-expanded their +
  • Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    In any European country whose public finances are fragile, a government elected on the promise of fiscal easing has every +
  • Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    On April 27, North and South Korea brokered peace talks in a joint summit, the first of its kind in +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano lindice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa unora dallapertura perdono circa un punto percentuale. Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare laccelerazione delleconomia degli Stati Uniti. Leuro è sceso a 1,1196 dollari, e lapprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche loro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari loncia.  In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%. La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%. Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper

Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano l'indice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa un'ora dall'apertura perdono circa un punto percentuale.

Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare l'accelerazione dell'economia degli Stati Uniti.

L'euro è sceso a 1,1196 dollari, e l'apprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche l'oro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari l'oncia. 

In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%.

La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%.

Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Click to listen highlighted text!