Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Share buybacks are one of this year’s red hot topics in the US and regularly hit the headlines, amid claims Read More
  • Trump and the Federal Reserve

    Trump and the Federal Reserve

    Donald Trump hit out again recently at the Federal Reserve for its monetary policy management, taking it to task for Read More
  • Three points on Italy, its budget and the European Commission

    Three points on Italy, its budget and the European Commission

    The European Commission has just told Italy to revise its 2019 budget plan: the deficit does not look excessive (2.4%), Read More
  • 10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    On October 10, global equity markets tumbled, led by the US, with the S&P 500 Index declining -3.3%. The VIX Read More
  • French public debt stands at 100% of GDP

    French public debt stands at close to 100% of GDP, but is this really a cause for concern? Read More
  • Italy: Growth expectations are too optimistic

    Italy: Growth expectations are too optimistic

    Here is the frightening part of the Italian budget: growth figures. In an interview Giovanni Tria said that growth forecasts Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano lindice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa unora dallapertura perdono circa un punto percentuale. Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare laccelerazione delleconomia degli Stati Uniti. Leuro è sceso a 1,1196 dollari, e lapprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche loro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari loncia.  In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%. La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%. Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper

Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano l'indice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa un'ora dall'apertura perdono circa un punto percentuale.

Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare l'accelerazione dell'economia degli Stati Uniti.

L'euro è sceso a 1,1196 dollari, e l'apprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche l'oro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari l'oncia. 

In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%.

La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%.

Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Click to listen highlighted text!