Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site
  • Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    More than 10 years after the first tremors of what would become the global financial crisis (GFC), we expect global +
  • Disrupting the momentum

    Disrupting the momentum

    With the end of 2017 near, the leaders of our investment platforms gathered to talk about the evolution of the +
  • Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    The next twelve months are likely to see continued synchronised global growth across both developed and emerging markets, says Stephen +
  • ECB, Monetary Policy and Germany

    ECB, Monetary Policy and Germany

    Mario Draghi’s stance is guarded. His latest press conference gave no indication of the change in communication tone that we +
  • Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Major equity markets rallied sharply in 2017 as early-year expectations of protectionist policies never materialised while commodity prices and global +
  • Bitcoin as Money

    Bitcoin as Money

    At the root of much of the debate about Bitcoin is confusion about the nature of money. +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Most traded bonds

Name Currency Close
ISP-TV SUB 26ST24EUR100.4500
UCG-FIX FLOAT 30GN23EUR100.0500
UCG TV CALL SUB 03MG25EUR102.6500
ASTALDI 7.125% CALL 01DC20EUR86.9000
WIND TRE 3.125% CALL 20GE25EUR93.0400
OBLIGACIONES 2.15% 31OT25EUR108.2500
UNIPOL GRUPPO 3.5% CALL 29NV27EUR100.8900
UCG-FIX FLOAT 31AG24EUR99.8000
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 30DC20EUR96.4500
BTP 4.25% 01FB19EUR104.7480

  Click to listen highlighted text! Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano lindice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa unora dallapertura perdono circa un punto percentuale. Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare laccelerazione delleconomia degli Stati Uniti. Leuro è sceso a 1,1196 dollari, e lapprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche loro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari loncia.  In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%. La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%. Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,95%. Pesanti Saipem, Eni e Tenaris, vendite su Yoox e Bper

Chiusura in rosso per piazza Affari e le borse europee. A Milano l'indice Ftse Mib termina in ribasso dello 0,95%. Peggio di piazza Affari fanno Londra (meno 1,7%) e Francoforte (meno 1,4%), mentre Parigi cede lo 0,75%. Negativa anche New York, dove Dow Jones e Nasdaq a circa un'ora dall'apertura perdono circa un punto percentuale.

Sotto i riflettori il cambio euro/dollaro, con la valuta europea in calo dopo che i verbali della Federal Reserve hanno rivelato che la banca centrale Usa potrebbe procedere a un aumento dei tassi di interesse già il prossimo giugno, se i dati dovessero confermare l'accelerazione dell'economia degli Stati Uniti.

L'euro è sceso a 1,1196 dollari, e l'apprezzamento della valuta Usa ha avuto effetti anche sul petrolio e sulle altre materie prime che, essendo scambiate nelle valuta Usa, tendono a perdere terreno quando il dollaro si apprezza. I future sul greggio sono in calo di oltre il 2,5%: il Brent viaggia a 47,69 dollari, il Wti a 47 dollari esatti. Giù anche l'oro, a meno 1,80% a 1.250,83 dollari l'oncia. 

In calo anche i titoli del comparto petrolifero, compresi quelli quotati alla borsa milanese: Saipem ha ceduto il 3,55%, Tenaris il 2,28% ed Eni il 3,09%.

La maglia nera del Ftse Mib va tuttavia alla Popolare Emilia Romagna, che ha ceduto il 4,68%. Tra i bancari giù anche Unicredit (meno 1,48%) mentre Intesa Sanpaolo ha chiuso con un progresso del 2,41%.

Pesanti anche titoli del lusso come Yoox Net à porter (meno 4,13%) e Ferrari (meno 3,11%).

Click to listen highlighted text!