Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Turkey: the road to a persistent crisis

    Turkey: the road to a persistent crisis

    The sell-off on the Turkish lira continues. The exchange rate against the dollar was above seven (7.2 in Asia) last Read More
  • The combined future of finance and sustainability

    The combined future of finance and sustainability

    Is growth sustainable? Since the 1970s, society has been aware that we are not living in a world with finite Read More
  • The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    The monetary policy procyclicality: a new source of concern

    Central bankers are progressively adopting a pro-cyclical behavior. The global growth momentum is now lower and central banks’ strategy now Read More
  • Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    Should Italian yields really be more Greek than Spanish?

    It’s been nearly five months since the Italian general elections, with the result and the process of forming a coalition Read More
  • Growth and football – what will if France become the world champion?

    Growth and football – what will if France become the world champion?

    The French football team is all set for the FIFA World Cup final in Moscow on Sunday, but would a Read More
  • Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    Why The Global Sukuk Market Is Stalling In 2018

    The global sukuk market experienced a significant slowdown in issuance in the first half of 2018, as we predicted in Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%. Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari. In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset. Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai). Leuro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l1,48%.

A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset

Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%.

Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari.

In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset.

Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai).

L'euro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l'1,48%.

Click to listen highlighted text!