Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    Italy: the new populist government poses a threat for the Eurozone

    After weeks of negotiations, the anti-establishment 5Star Movement (M5S) and the far-right League reached a deal on a government platform +
  • The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    The front-end of the US Treasuries curve: short and sweet?

    With the notable exception of the upcoming royal wedding, it would be pretty difficult to find a topic that is +
  • Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    Healthcare Sector: Review of 2017 & Outlook for 2018

    The stars were perfectly aligned for the financial markets in 2017. Strong and synchronous growth around the globe, no signs +
  • US sanctions to be restrictive for European companies

    US sanctions to be restrictive for European companies

    Donald Trump’s announced sanctions on Iran are proving to be quite a headache for European companies that had re-expanded their +
  • Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    Which path for Italy? Portugal rather than Greece

    In any European country whose public finances are fragile, a government elected on the promise of fiscal easing has every +
  • Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    Korea: Peace talks have muted impact on economic activity

    On April 27, North and South Korea brokered peace talks in a joint summit, the first of its kind in +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%. Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari. In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset. Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai). Leuro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l1,48%.

A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset

Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%.

Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari.

In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset.

Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai).

L'euro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l'1,48%.

Click to listen highlighted text!