Click to listen highlighted text!

Click to reach LMF La mia finanza web site

  • Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Are share buybacks a key factor in the continued rise in US equities?

    Share buybacks are one of this year’s red hot topics in the US and regularly hit the headlines, amid claims Read More
  • Trump and the Federal Reserve

    Trump and the Federal Reserve

    Donald Trump hit out again recently at the Federal Reserve for its monetary policy management, taking it to task for Read More
  • Three points on Italy, its budget and the European Commission

    Three points on Italy, its budget and the European Commission

    The European Commission has just told Italy to revise its 2019 budget plan: the deficit does not look excessive (2.4%), Read More
  • 10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    10 Thoughts on the October 10 Market Selloff

    On October 10, global equity markets tumbled, led by the US, with the S&P 500 Index declining -3.3%. The VIX Read More
  • French public debt stands at 100% of GDP

    French public debt stands at close to 100% of GDP, but is this really a cause for concern? Read More
  • Italy: Growth expectations are too optimistic

    Italy: Growth expectations are too optimistic

    Here is the frightening part of the Italian budget: growth figures. In an interview Giovanni Tria said that growth forecasts Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Click to listen highlighted text! A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%. Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari. In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset. Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai). Leuro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l1,48%.

A Milano l’indice Ftse Mib guadagna l’1,4%. Rcs risale al prezzo dell’Opa. Volano le banche con Ubi, Bper e Mps. Bene anche Mediaset

Il rally del petrolio spinge al rialzo i mercati. Dopo le chiusure positive di Wall street (più 1% il Dow Jones, più 1,22% il Nasdaq) e Tokyo (più 1,13%), anche le borse europee sono partite in deciso rialzo questa mattina. A Milano, a un’ora dall’avvio degli scambi, l’indice principale, il Ftse Mib, sale dell’1,3%. Bene anche Parigi e Francoforte, su di circa un punto percentuale, mentre Londra sale dello 0,8%.

Gli investitori sembrano ritrovare fiducia grazie soprattutto al recupero del prezzo del greggio, che viaggia verso quota 50 dollari al barile, spinto da un lato dagli incendi in Canada, che hanno bloccato la produzione, dall’altro gli attacchi armati agli impianti petroliferi in Nigeria. Il Wti è scambiato a 48,2 dollari, il Brent a 49,22, con un recupero di oltre il 60% rispetto all’inizio di febbraio, quando l’oro nero era sceso sotto i 30 dollari.

In piazza Affari a trainare il listino sono soprattutto i bancari: gli acquisti si concentrano soprattutto sul Ubi Banca, Popolare Emilia Romagna, Banca Mps e Unicredit. In deciso rialzo anche Mediaset.

Riflettori puntati poi su Rcs MediaGroup che, dopo il rialzo di ieri, in avvio di seduta è arrivata al valore dell’Opa (0,70 euro) lanciata ieri da Investindustrial e da quattro dei maggiori soci (Della Valle, Mediobanca, Pirelli e UnipolSai).

L'euro ha aperto sopra 1,13 dollari. Lo spread Btp-Bund è stabile a 132,8 punti con il decennale italiano che rende l'1,48%.

Click to listen highlighted text!