Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site
  • Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    More than 10 years after the first tremors of what would become the global financial crisis (GFC), we expect global +
  • Disrupting the momentum

    Disrupting the momentum

    With the end of 2017 near, the leaders of our investment platforms gathered to talk about the evolution of the +
  • Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    The next twelve months are likely to see continued synchronised global growth across both developed and emerging markets, says Stephen +
  • ECB, Monetary Policy and Germany

    ECB, Monetary Policy and Germany

    Mario Draghi’s stance is guarded. His latest press conference gave no indication of the change in communication tone that we +
  • Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Major equity markets rallied sharply in 2017 as early-year expectations of protectionist policies never materialised while commodity prices and global +
  • Bitcoin as Money

    Bitcoin as Money

    At the root of much of the debate about Bitcoin is confusion about the nature of money. +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Most traded bonds

Name Currency Close
ISP-TV SUB 26ST24EUR100.4500
UCG-FIX FLOAT 30GN23EUR100.0500
UCG TV CALL SUB 03MG25EUR102.6500
ASTALDI 7.125% CALL 01DC20EUR86.9000
WIND TRE 3.125% CALL 20GE25EUR93.0400
OBLIGACIONES 2.15% 31OT25EUR108.2500
UNIPOL GRUPPO 3.5% CALL 29NV27EUR100.8900
UCG-FIX FLOAT 31AG24EUR99.8000
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 30DC20EUR96.4500
BTP 4.25% 01FB19EUR104.7480

  Click to listen highlighted text! Cairo Communication lancia l’Ops sulla società editrice del Corriere della Sera. Accordo Berlusconi-Vivendi per la cessione di Premium Il settore dei media è più che mai sotto i riflettori in queste ore, dopo le notizie arrivate venerdì sera, a mercati chiusi, su Rcs Mediagroup, con l’offerta di scambio lanciata da Cairo Communication, e Mediaset, che ha concluso l’accordo con Vivendi per uno scambio azionario tra i due gruppi e la cessione ai francesi della pay tv Premium. In piazza affari i titoli Rcs non sono riusciti a fare prezzo nei primi scambi, e a fine mattina viaggiano in rialzo del 22% a 0,588 euro. In rialzo anche Mediaset, ma solo di un punto percentuale. Il patron di Cairo Communication (gruppo del quale fa parte La7), punta ad acquisire la totalità delle azioni Rcs, di cui oggi possiede il 4,7%. L’operazione dovrebbe avvenire senza esborso di denaro: Cairo offre azioni della sua società in cambio di quelle di Rcs. In dettaglio, l’offerta è di una azione Cairo Communication ogni 8,333 azioni Rcs, che sarebbe dunque valorizzata circa 280 milioni; a questi si aggiungono però i 487 di debiti che Cairo si accollerebbe. Considerando i prezzi dei titoli interessati a venerdì scorsole azioni Rcs sono valorizzate 0,551 euro (e le quotazioni oggi si stanno avvicinando velocemente a tale prezzo). Secondo i giornali, gli attuali grandi soci dell’editrice del Corriere, da Unipol a Mediobanca, hanno accolto piuttosto freddamente la proposta, non ritenendo adeguato il prezzo. Quanto a Mediaset, dopo giorni di indiscrezioni, venerdì è arrivato l’accordo della famiglia Berlusconi con Vincent Bolloré, patron di Vivendi, per lo scambio incrociato del 3,5% del capitale tra Mediaset e Vivendi. Mediaset conferirà però a Vivendi (data la differenza di valore tra le quote azionarie scambiate) anche la pay tv Premium. Vivendi punta a creare un’alternativa nel Sud Europa a Netflix, il canale tv via internet recentemente sbarcato anche in Italia.

Cairo Communication lancia l’Ops sulla società editrice del Corriere della Sera. Accordo Berlusconi-Vivendi per la cessione di Premium

Il settore dei media è più che mai sotto i riflettori in queste ore, dopo le notizie arrivate venerdì sera, a mercati chiusi, su Rcs Mediagroup, con l’offerta di scambio lanciata da Cairo Communication, e Mediaset, che ha concluso l’accordo con Vivendi per uno scambio azionario tra i due gruppi e la cessione ai francesi della pay tv Premium.

In piazza affari i titoli Rcs non sono riusciti a fare prezzo nei primi scambi, e a fine mattina viaggiano in rialzo del 22% a 0,588 euro. In rialzo anche Mediaset, ma solo di un punto percentuale.

Il patron di Cairo Communication (gruppo del quale fa parte La7), punta ad acquisire la totalità delle azioni Rcs, di cui oggi possiede il 4,7%. L’operazione dovrebbe avvenire senza esborso di denaro: Cairo offre azioni della sua società in cambio di quelle di Rcs. In dettaglio, l’offerta è di una azione Cairo Communication ogni 8,333 azioni Rcs, che sarebbe dunque valorizzata circa 280 milioni; a questi si aggiungono però i 487 di debiti che Cairo si accollerebbe. Considerando i prezzi dei titoli interessati a venerdì scorsole azioni Rcs sono valorizzate 0,551 euro (e le quotazioni oggi si stanno avvicinando velocemente a tale prezzo).

Secondo i giornali, gli attuali grandi soci dell’editrice del Corriere, da Unipol a Mediobanca, hanno accolto piuttosto freddamente la proposta, non ritenendo adeguato il prezzo.

Quanto a Mediaset, dopo giorni di indiscrezioni, venerdì è arrivato l’accordo della famiglia Berlusconi con Vincent Bolloré, patron di Vivendi, per lo scambio incrociato del 3,5% del capitale tra Mediaset e Vivendi. Mediaset conferirà però a Vivendi (data la differenza di valore tra le quote azionarie scambiate) anche la pay tv Premium. Vivendi punta a creare un’alternativa nel Sud Europa a Netflix, il canale tv via internet recentemente sbarcato anche in Italia.

Click to listen highlighted text!