Click to listen highlighted text!

NEWS: Now, it's possible to listen the content clicking on the "audio" icon

Click to reach LMF La mia finanza web site
  • Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    Economic Outlook — Growth Broadens, Returning to Trend

    More than 10 years after the first tremors of what would become the global financial crisis (GFC), we expect global +
  • Disrupting the momentum

    Disrupting the momentum

    With the end of 2017 near, the leaders of our investment platforms gathered to talk about the evolution of the +
  • Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    Is the US Federal Reserve about to spoil the global growth party?

    The next twelve months are likely to see continued synchronised global growth across both developed and emerging markets, says Stephen +
  • ECB, Monetary Policy and Germany

    ECB, Monetary Policy and Germany

    Mario Draghi’s stance is guarded. His latest press conference gave no indication of the change in communication tone that we +
  • Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Synchronised Global Growth and Central Bank Support Keep Asian Equities Attractive in 2018

    Major equity markets rallied sharply in 2017 as early-year expectations of protectionist policies never materialised while commodity prices and global +
  • Bitcoin as Money

    Bitcoin as Money

    At the root of much of the debate about Bitcoin is confusion about the nature of money. +
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Most traded bonds

Name Currency Close
ISP-TV SUB 26ST24EUR100.4500
UCG-FIX FLOAT 30GN23EUR100.0500
UCG TV CALL SUB 03MG25EUR102.6500
ASTALDI 7.125% CALL 01DC20EUR86.9000
WIND TRE 3.125% CALL 20GE25EUR93.0400
OBLIGACIONES 2.15% 31OT25EUR108.2500
UNIPOL GRUPPO 3.5% CALL 29NV27EUR100.8900
UCG-FIX FLOAT 31AG24EUR99.8000
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 30DC20EUR96.4500
BTP 4.25% 01FB19EUR104.7480

  Click to listen highlighted text! L’operazione da un miliardo si chiuderà il 22 giugno. Obiettivo, rafforzare il patrimonio in vista della fusione con Bpm Parte oggi laumento di capitale da un miliardo di euro (per la precisione 996,34 milioni) del Banco Popolare. Le nuove azioni sono emesse al valore di 2,14 euro luna, con uno sconto del 29,3% rispetto al Terp (il valore dell’azione al netto dei diritti). Per i vecchi soci l’opzione è di nove nuove azioni ogni sette già possedute. I diritti saranno negoziabili fino al 16 giugno, mentre laumento potrà essere sottoscritto fino al 22 giugno. Loperazione è stata voluta dalla Bce (alla quale spetta la vigilanza sulle banche dell’Unione europea) in vista delle nozze con la Banca popolare di Milano, una fusione, prevista per il prossimo autunno, dalla quale nascerà il terzo gruppo bancario italiano. Il Banco popolare ha i conti appesantiti da una massa importante di crediti deteriorati, o non performing loan (Npl): di qui, secondo la Bce, la necessità di dotarsi di “spalle più forti”. Come ricorda il prospetto informativo dell’aumento di capitale, “la Bce ha richiesto che la nuova capogruppo, sin dall’inizio abbia una forte dotazione patrimoniale che consenta di fronteggiare condizioni finanziarie avverse” e che “disponga di un convincente piano di riduzione dell’attuale elevato ammontare di crediti deteriorati, che non potranno essere più elevati o caratterizzati da un livello di copertura inferiore al valore medio delle banche italiane di equivalente importanza”. Il prospetto rivela inoltre che il 12 maggio scorso gli ispettori Bce hannoeffettuato una nuova verifica sul Banco, per valutare la gestione dei rischi di credito, il sistema di controllo dei rischi e l’accuratezza delle modalità di calcolo della posizione patrimoniale. Il prospetto inoltre non esclude la possibilità che la vigilanza europea avanzi richieste di modifica del piano strategico, che potrebbero avere un impatto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della nuova capogruppo o sulla realizzabilità stessa della fusione con Bpm. Questa mattina, dopo un avvio in netto calo (meno 2%, dopo il meno 5% di venerdì scorso) i titoli del Banco viaggiano in lieve ribasso (meno 0,29%), a 2,926 euro. Più marcato il ribasso dei diritti, scesi del 13% a 0,88 euro dal prezzo di riferimento a 1,02 euro. A vendere i diritti, scrive Reuters, potrebbero essere i piccoli azionisti.

L’operazione da un miliardo si chiuderà il 22 giugno. Obiettivo, rafforzare il patrimonio in vista della fusione con Bpm

Parte oggi l'aumento di capitale da un miliardo di euro (per la precisione 996,34 milioni) del Banco Popolare. Le nuove azioni sono emesse al valore di 2,14 euro l'una, con uno sconto del 29,3% rispetto al Terp (il valore dell’azione al netto dei diritti). Per i vecchi soci l’opzione è di nove nuove azioni ogni sette già possedute.

I diritti saranno negoziabili fino al 16 giugno, mentre l'aumento potrà essere sottoscritto fino al 22 giugno.

L'operazione è stata voluta dalla Bce (alla quale spetta la vigilanza sulle banche dell’Unione europea) in vista delle nozze con la Banca popolare di Milano, una fusione, prevista per il prossimo autunno, dalla quale nascerà il terzo gruppo bancario italiano.

Il Banco popolare ha i conti appesantiti da una massa importante di crediti deteriorati, o non performing loan (Npl): di qui, secondo la Bce, la necessità di dotarsi di “spalle più forti”.

Come ricorda il prospetto informativo dell’aumento di capitale, “la Bce ha richiesto che la nuova capogruppo, sin dall’inizio abbia una forte dotazione patrimoniale che consenta di fronteggiare condizioni finanziarie avverse” e che “disponga di un convincente piano di riduzione dell’attuale elevato ammontare di crediti deteriorati, che non potranno essere più elevati o caratterizzati da un livello di copertura inferiore al valore medio delle banche italiane di equivalente importanza”.

Il prospetto rivela inoltre che il 12 maggio scorso gli ispettori Bce hannoeffettuato una nuova verifica sul Banco, per valutare la gestione dei rischi di credito, il sistema di controllo dei rischi e l’accuratezza delle modalità di calcolo della posizione patrimoniale.

Il prospetto inoltre non esclude la possibilità che la vigilanza europea avanzi richieste di modifica del piano strategico, che potrebbero avere un impatto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della nuova capogruppo o sulla realizzabilità stessa della fusione con Bpm.

Questa mattina, dopo un avvio in netto calo (meno 2%, dopo il meno 5% di venerdì scorso) i titoli del Banco viaggiano in lieve ribasso (meno 0,29%), a 2,926 euro. Più marcato il ribasso dei diritti, scesi del 13% a 0,88 euro dal prezzo di riferimento a 1,02 euro. A vendere i diritti, scrive Reuters, potrebbero essere i piccoli azionisti.

Click to listen highlighted text!