Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! La Liguria, ha fra le sue principali preoccupazioni il rischio di subire danni ai propri beni a causa di eventi esterni, quali allagamenti o incendi: una percezione probabilmente alimentata dai tragici eventi che hanno interessato la zona nell’ultimo periodo. L’evidenza è rilevata da Ipsos sulla base di dati riferiti al secondo semestre 2018, che mostrano come solo il 35% della popolazione del Nord-Ovest, Liguria inclusa, dichiari di essere preoccupata per occupazione ed economia, 10% in meno rispetto alla media italiana del 45%. Mentre secondo il 63% degli abitanti della zona, la priorità per un futuro sostenibile dovrebbe essere la riduzione di inquinamento, emissioni e rifiuti; segue la riduzione degli sprechi, riconosciuta cruciale dal 55% della popolazione locale. Complessivamente, la sostenibilità è considerata un tema rilevante dagli abitanti del Nord-Ovest: il 16% della popolazione ritiene di sapere molto bene di cosa si tratti ed il 96% la considera molto o abbastanza importante. Chi dovrebbe farsi carico dello sviluppo sostenibile? Innanzi tutto le istituzioni nazionali, lo dichiara il 72% delle persone, ma anche quelle locali (46% dei rispondenti). Un aspetto centrale in questa riflessione è quello relativo alle partnership per lo sviluppo sostenibile (Goal 17 Agenda ONU 2030): infatti solo attraverso l’attivazione di un reale dialogo multistakeholder si potranno ottenere risultati duraturi nel tempo in risposta ai grandi temi sociali e ambientali del nostro tempo. Esperienze e progetti concreti per uno sviluppo sostenibile in Liguria sono al centro de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale che si tiene domani, 24 maggio, a Genova, Palazzo della Meridiana (Salita San Francesco 4) a partire dalle ore 9. L’incontro, inserito nel programma del Festival dello sviluppo sostenibile 2019, è organizzato in collaborazione con Eticlab e con il patrocinio del Comune di Genova, della Regione Liguria e dell’Università degli Studi di Genova. “A Genova, dove concludiamo il Giro d’Italia della CSR che nel 2019 ha toccato 12 tappe attraverso tutto il Paese, è attiva da anni una delle più dinamiche reti multistakeholder per lo sviluppo sostenibile – afferma Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone – Le reti territoriali che aggregano progetti, organizzazioni, energie attorno ai temi della sostenibilità stimola la collaborazione tra gli attori sociali del territorio e facilita la diffusione di esperienze spesso replicabili e scalabili. Un contributo fondamentale per la diffusione della cultura della sostenibilità e il raggiungimento dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030”. Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

La Liguria, ha fra le sue principali preoccupazioni il rischio di subire danni ai propri beni a causa di eventi esterni, quali allagamenti o incendi: una percezione probabilmente alimentata dai tragici eventi che hanno interessato la zona nell’ultimo periodo. L’evidenza è rilevata da Ipsos sulla base di dati riferiti al secondo semestre 2018, che mostrano come solo il 35% della popolazione del Nord-Ovest, Liguria inclusa, dichiari di essere preoccupata per occupazione ed economia, 10% in meno rispetto alla media italiana del 45%. Mentre secondo il 63% degli abitanti della zona, la priorità per un futuro sostenibile dovrebbe essere la riduzione di inquinamento, emissioni e rifiuti; segue la riduzione degli sprechi, riconosciuta cruciale dal 55% della popolazione locale.

Complessivamente, la sostenibilità è considerata un tema rilevante dagli abitanti del Nord-Ovest: il 16% della popolazione ritiene di sapere molto bene di cosa si tratti ed il 96% la considera molto o abbastanza importante. Chi dovrebbe farsi carico dello sviluppo sostenibile? Innanzi tutto le istituzioni nazionali, lo dichiara il 72% delle persone, ma anche quelle locali (46% dei rispondenti).

Un aspetto centrale in questa riflessione è quello relativo alle partnership per lo sviluppo sostenibile (Goal 17 Agenda ONU 2030): infatti solo attraverso l’attivazione di un reale dialogo multistakeholder si potranno ottenere risultati duraturi nel tempo in risposta ai grandi temi sociali e ambientali del nostro tempo.

Esperienze e progetti concreti per uno sviluppo sostenibile in Liguria sono al centro de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale che si tiene domani, 24 maggio, a Genova, Palazzo della Meridiana (Salita San Francesco 4) a partire dalle ore 9. L’incontro, inserito nel programma del Festival dello sviluppo sostenibile 2019, è organizzato in collaborazione con Eticlab e con il patrocinio del Comune di Genova, della Regione Liguria e dell’Università degli Studi di Genova.

“A Genova, dove concludiamo il Giro d’Italia della CSR che nel 2019 ha toccato 12 tappe attraverso tutto il Paese, è attiva da anni una delle più dinamiche reti multistakeholder per lo sviluppo sostenibile – afferma Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone – Le reti territoriali che aggregano progetti, organizzazioni, energie attorno ai temi della sostenibilità stimola la collaborazione tra gli attori sociali del territorio e facilita la diffusione di esperienze spesso replicabili e scalabili. Un contributo fondamentale per la diffusione della cultura della sostenibilità e il raggiungimento dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030”.


Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Premi per ascoltare l'articolo!