Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Il Porto Turistico Marina di Pescara, Bandiera Blu 2019, aderisce all’iniziativa LifeGate PlasticLess®, il progetto dedicato alla salvaguardia dei mari italiani, nei quali convogliano quasi 90 tonnellate di plastica ogni giorno.È stato posizionato oggi, nel porto abruzzese, l’innovativo Seabin di LifeGate, dispositivo in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm.L’iniziativa legata a LifeGate PlasticLess®, sostenuta da Volvo Car Italia e dalle concessionarie Volvo, si inserisce in un impegno ad ampio respiro di Volvo Cars a favore del ridotto impatto ambientale e della sostenibilità, rafforzando la collaborazione fra Volvo Car Italia e LifeGate, società di riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile, in collaborazione con le amministrazioni locali più sensibili alla tematica della salvaguardia dei mari.L’incontro è stata l’occasione per parlare dell’urgenza legata al problema della plastica nei mari, proponendo soluzioni concrete come l’installazione del dispositivo Seabin di LifeGate PlasticLess®, nel contempo favorendo un dibattito tra pubblico e privato sulle tematiche connesse alla salvaguardia del pianeta.“Siamo felici di consolidare la nostra collaborazione con Volvo Car Italia che prosegue nell’impegno rivolto alla sostenibilità e negli obiettivi del progetto LifeGate PlasticLess®, la prima sfida italiana volta alla pulizia dei mari dai rifiuti plastici - il commento di Enea Roveda, CEO di LifeGate - Quest’anno siamo orgogliosi di condividere la nostra missione anche con i concessionari, chiamati a svolgere un ruolo attivo di salvaguardia del territorio e di sensibilizzazione a livello locale’’.“L’abolizione della plastica è una cosa buona e giusta per la tutela del territorio e degli ecosistemi ambientali - Così il sindaco Marco Alessandrini- Pescara ha ingaggiato in questi ultimi anni azioni serratissime affinché la raccolta differenziata potesse raggiungere i limiti stabiliti dalla legge – spiega Paola Marchegiani, Assessore Igiene e Decoro Urbano Comune di Pescara - Quando ci siamo insediati, cinque anni fa, avevamo una raccolta differenziata con una percentuale bassissima, pari a circa il 26% a fronte di un 60% richiesto dalle normative nazionali, europee e internazionali. Oggi siamo al 50% e in alcune zone della città superiamo il 70. Bisogna fare uno sforzo in più, a cui noi stiamo procedendo anche grazie alla fusione delle società di gestione del servizio rifiuti sul territorio, cosa che vedrà per il prossimo anno andare a regime una nuova piattaforma di impianti che consentirà un ulteriore passo avanti nella raccolta. Liberare anche i mari dalla plastica è dunque un impegno che noi vogliamo sottoscrivere, per occuparci attivamente del nostro futuro e di un bene comune che dobbiamo tutelare per primi come istituzioni, ma insieme a tutta la collettività. Ognuno deve fare la sua parte perché è una battaglia che salverà tutti”.“La vocazione echo-friendly del Marina di Pescara si rafforza ulteriormente, a pochi giorni dalla conferma della Bandiera Blu anche per il 2019/20 – conferma Luca di Tecco, Presidente del CdA Marina di Pescara - Abbiamo fortemente voluto questo accordo con LifeGate perché siamo convinti che il mondo possa cambiare partendo dalle piccole cose, e il Seabin appena entrato in funzione nel nostro marina fa parte di quei piccoli gesti che però lanciano grandi messaggi e lasciano tracce profonde”.Il Marina di Pescara rappresenta un vanto per noi e la nostra regione. Terzo porto turistico in Italia, è un esempio di virtuosismo e sostenibilità, fregiandosi di progetti allavanguardia come LifeGate PlasticLess® o come il primo cicloporto in Abruzzo, inaugurato di recente con la collaborazione di Legambiente - ha dichiarato Carmine Salce, Vice Presidente Camera di Commercio Chieti Pescara – È fuori discussione, ormai, come ribadito dalle recenti direttive europee sulleconomia circolare che le imprese green corrono più delle altre, sono più competitive ed innovano di più. Ma non solo: con la recente riforma dei porti turistici in Marina Resort, il Marina di Pescara potrebbe diventare un naturale elemento di attrazione in una regione, la più verde dEuropa, in cui lofferta turistica si costruisce sulla vacanza attiva e la qualità della vita. “Il nostro company purpose è ben definito: Freedom to Move in a Personal, Sustainable and Safe way - afferma Chiara Angeli, Direttore Sales & Marketing Volvo Car Italia - La sostenibilità, ancora una volta è ribadita elemento fondamentale della filosofia di Volvo ed è condivisa da tutti gli elementi della filiera, dalla Casa madre alle filiali nazionali fino ai concessionari della rete Volvo. Per questo motivo, proprio insieme ad alcuni concessionari abbiamo deciso di contribuire concretamente al progetto di pulizia dei mari, rafforzando il nostro impegno nell’iniziativa LifeGate PlasticLess®. È uno dei modi con i quali Volvo contribuisce a migliorare la qualità della vita nell’ambiente che ci circonda, nel territorio nel quale viviamo e operiamo, coerentemente con l’attenzione alle persone che è propria del nostro Brand”. Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Il Porto Turistico Marina di Pescara, Bandiera Blu 2019, aderisce all’iniziativa LifeGate PlasticLess®, il progetto dedicato alla salvaguardia dei mari italiani, nei quali convogliano quasi 90 tonnellate di plastica ogni giorno.

È stato posizionato oggi, nel porto abruzzese, l’innovativo Seabin di LifeGate, dispositivo in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm.

L’iniziativa legata a LifeGate PlasticLess®, sostenuta da Volvo Car Italia e dalle concessionarie Volvo, si inserisce in un impegno ad ampio respiro di Volvo Cars a favore del ridotto impatto ambientale e della sostenibilità, rafforzando la collaborazione fra Volvo Car Italia e LifeGate, società di riferimento in Italia per lo sviluppo sostenibile, in collaborazione con le amministrazioni locali più sensibili alla tematica della salvaguardia dei mari.

L’incontro è stata l’occasione per parlare dell’urgenza legata al problema della plastica nei mari, proponendo soluzioni concrete come l’installazione del dispositivo Seabin di LifeGate PlasticLess®, nel contempo favorendo un dibattito tra pubblico e privato sulle tematiche connesse alla salvaguardia del pianeta.

“Siamo felici di consolidare la nostra collaborazione con Volvo Car Italia che prosegue nell’impegno rivolto alla sostenibilità e negli obiettivi del progetto LifeGate PlasticLess®, la prima sfida italiana volta alla pulizia dei mari dai rifiuti plastici - il commento di Enea Roveda, CEO di LifeGate - Quest’anno siamo orgogliosi di condividere la nostra missione anche con i concessionari, chiamati a svolgere un ruolo attivo di salvaguardia del territorio e di sensibilizzazione a livello locale’’.

“L’abolizione della plastica è una cosa buona e giusta per la tutela del territorio e degli ecosistemi ambientali - Così il sindaco Marco Alessandrini- Pescara ha ingaggiato in questi ultimi anni azioni serratissime affinché la raccolta differenziata potesse raggiungere i limiti stabiliti dalla legge – spiega Paola Marchegiani, Assessore Igiene e Decoro Urbano Comune di Pescara - Quando ci siamo insediati, cinque anni fa, avevamo una raccolta differenziata con una percentuale bassissima, pari a circa il 26% a fronte di un 60% richiesto dalle normative nazionali, europee e internazionali. Oggi siamo al 50% e in alcune zone della città superiamo il 70. Bisogna fare uno sforzo in più, a cui noi stiamo procedendo anche grazie alla fusione delle società di gestione del servizio rifiuti sul territorio, cosa che vedrà per il prossimo anno andare a regime una nuova piattaforma di impianti che consentirà un ulteriore passo avanti nella raccolta. Liberare anche i mari dalla plastica è dunque un impegno che noi vogliamo sottoscrivere, per occuparci attivamente del nostro futuro e di un bene comune che dobbiamo tutelare per primi come istituzioni, ma insieme a tutta la collettività. Ognuno deve fare la sua parte perché è una battaglia che salverà tutti”.

“La vocazione echo-friendly del Marina di Pescara si rafforza ulteriormente, a pochi giorni dalla conferma della Bandiera Blu anche per il 2019/20 – conferma Luca di Tecco, Presidente del CdA Marina di Pescara - Abbiamo fortemente voluto questo accordo con LifeGate perché siamo convinti che il mondo possa cambiare partendo dalle piccole cose, e il Seabin appena entrato in funzione nel nostro marina fa parte di quei piccoli gesti che però lanciano grandi messaggi e lasciano tracce profonde”.

"Il Marina di Pescara rappresenta un vanto per noi e la nostra regione. Terzo porto turistico in Italia, è un esempio di virtuosismo e sostenibilità, fregiandosi di progetti all'avanguardia come LifeGate PlasticLess® o come il primo cicloporto in Abruzzo, inaugurato di recente con la collaborazione di Legambiente - ha dichiarato Carmine Salce, Vice Presidente Camera di Commercio Chieti Pescara – È fuori discussione, ormai, come ribadito dalle recenti direttive europee sull'economia circolare che le imprese green corrono più delle altre, sono più competitive ed innovano di più. Ma non solo: con la recente riforma dei porti turistici in Marina Resort, il Marina di Pescara potrebbe diventare un naturale elemento di attrazione in una regione, la più verde d'Europa, in cui l'offerta turistica si costruisce sulla vacanza attiva e la qualità della vita".

“Il nostro company purpose è ben definito: Freedom to Move in a Personal, Sustainable and Safe way - afferma Chiara Angeli, Direttore Sales & Marketing Volvo Car Italia - La sostenibilità, ancora una volta è ribadita elemento fondamentale della filosofia di Volvo ed è condivisa da tutti gli elementi della filiera, dalla Casa madre alle filiali nazionali fino ai concessionari della rete Volvo. Per questo motivo, proprio insieme ad alcuni concessionari abbiamo deciso di contribuire concretamente al progetto di pulizia dei mari, rafforzando il nostro impegno nell’iniziativa LifeGate PlasticLess®. È uno dei modi con i quali Volvo contribuisce a migliorare la qualità della vita nell’ambiente che ci circonda, nel territorio nel quale viviamo e operiamo, coerentemente con l’attenzione alle persone che è propria del nostro Brand”.


Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Premi per ascoltare l'articolo!