Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  • Previdenza complementare e direttiva shareholder rights

    Previdenza complementare e direttiva shareholder rights

    E’ in pubblica consultazione fino al prossimo 18 dicembre sul sito del Ministero dell’Economia lo schema di decreto che recepisce Leggi
  • Che cosa devono temere i mercati?

    Che cosa devono temere i mercati?

    Sui mercati finanziari aleggia da inizio anno un sentore di “strana guerra”. In questo periodo compreso tra il settembre del Leggi
  • OPEC, la vera sfida non è l’uscita del Qatar

    OPEC, la vera sfida non è l’uscita del Qatar

    L'OPEC ha un compito molto impegnativo di quadratura del cerchio. L’abbandono del gruppo da parte del Qatar è un problema, Leggi
  • COP24: 10 cose da sapere sui rischi sociali ed economici del cambiamento climatico

    COP24: 10 cose da sapere sui rischi sociali ed economici del cambiamento climatico

  • Mercato USA in rialzo da 10 anni, parliamo di fine del ciclo o continua crescita?

    Mercato USA in rialzo da 10 anni, parliamo di fine del ciclo o continua crescita?

    Quando si guarda al mercato americano, da tempo molte persone credono che si sia ormai in una fase avanzata del Leggi
  • U n quarto trimestre in crescita per gli asset di rischio

    U n quarto trimestre in crescita per gli asset di rischio

    Dal nostro punto di vista, i mercati si trovano in una condizione interessante. Azioni, obbligazioni ad alto rendimento e credito Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Outlook 2019

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    • Modello Global Dividend
    • Modello Global Equity
    • Modello Balanced (50/50)

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  • M&G lancia un fondo multi asset sostenibile

    M&G lancia un fondo multi asset sostenibile

    M&G Investments, tra le società leader a livello internazionale nella gestione degli investimenti, annuncia il lancio di un fondo multi-asset

    Leggi
  • Ecco i tre megatrend che stanno cambiando il mondo

    Ecco i tre megatrend che stanno cambiando il mondo

    In tema di sostenibilità, i cambiamenti climatici rimangono la principale sfida per l’uomo, con effetto “terremoto” sui modelli di business.

    Leggi
  • Food: I Millennials e la Gen Z cercano qualità, trasparenza e sostenibilità

    Food: I Millennials e la Gen Z cercano qualità, trasparenza e sostenibilità

    Qualità dei prodotti, trasparenza nella comunicazione e sostenibilità ambientale e sociale sono i driver che guidano le scelte d’acquisto sul

    Leggi
  • Il cambiamento climatico vale 26.000 miliardi di dollari

    Il cambiamento climatico vale 26.000 miliardi di dollari

    Uno studio condotto dalla Global Commission on the Economy and Climate afferma che i sistemi economici chiave per generare valore

    Leggi
  • Degroof Petercam: la nuova classifica di sostenibilità dei Paesi Ocse. Italia ancora al palo

    Degroof Petercam: la nuova classifica di sostenibilità dei Paesi Ocse. Italia ancora al palo

    Confermato il terzetto di testa, composto da Norvegia, Danimarca e Svizzera, mentre la Francia di Macron scivola nuovamente fuori dall’universo

    Leggi
  • DWS chiede alle banche centrali di svolgere un ruolo più attivo negli investimenti sostenibili

    DWS chiede alle banche centrali di svolgere un ruolo più attivo negli investimenti sostenibili

    Secondo Michael Lewis, Head of ESG Thematic Research di DWS, il cambiamento climatico continuerà a essere uno dei principali fattori

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • Giovani e previdenza, le possibili novità e le scelte da operare

    Giovani e previdenza, le possibili novità e le scelte da operare

    I giovani costituiscono una delle categorie maggiormente esposte al rischio previdenziale. Essendo infatti il metodo di calcolo da applicare il

    Leggi
  • Come investono le Casse di previdenza

    Come investono le Casse di previdenza

    Fondi pensione e Casse di previdenza dei liberi professionisti sono portatori di un “capitale paziente” che può essere, nel rispetto

    Leggi
  • Ricerca BNP Paribas Cardif “Salute 4.0: curarsi nell’era digitale, generazioni a confronto”

    Ricerca BNP Paribas Cardif “Salute 4.0: curarsi nell’era digitale, generazioni a confronto”

    L’innovazione tecnologica e l’aumento delle aspettative di vita hanno cambiato profondamente il rapporto degli italiani con la propria salute e

    Leggi
  • La manovra finanziaria incentiva gli investimenti nella economia reale degli Enti previdenziali privati

    La manovra finanziaria incentiva gli investimenti nella economia reale degli Enti previdenziali privati

    La manovra finanziaria trasmessa in Parlamento prevede tra le diverse misure anche un aumento degli investimenti qualificati cui possono accedere

    Leggi
  • Premi di produttività e previdenza complementare

    Premi di produttività e previdenza complementare

    Uno dei profili di maggiore criticità del nostro sistema economico è rappresentato dalla necessità di rilanciare la produttività del lavoro.

    Leggi
  • Le scelte di investimento delle famiglie italiane

    Le scelte di investimento delle famiglie italiane

    Nell'ambito delle iniziative promosse per il Mese dell'educazione finanziaria 2018 la Consob ha organizzato un seminario per la presentazione del

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  Premi per ascoltare l'articolo! Il Congresso del Partito Comunista Cinese, aperto lo scorso 18 ottobre, punta i riflettori sulle politiche che determineranno la direzione del Paese per i prossimi cinque anni e Fidelity International pone le Sue riflessioni sulle implicazioni dellevento per gli investitori. “Durante il precedente Congresso nazionale, il presidente Xi aveva annunciato ladozione di nuove iniziative, perciò questa volta è quasi certo che assisteremo a una riconferma delle politiche presentate in precedenza. Pechino continuerà a perseguire politiche volte a migliorare lo sviluppo del mercato dei capitali e le riforme economiche”, commenta Catherine Yeung, Investment Director, Fidelity International. “Uno dei rischi principali potrebbe riguardare il settore immobiliare, pilastro delleconomia cinese”. “Siamo tutti esposti alla Cina, direttamente o indirettamente”, aggiunge Bryan Collins, gestore di portafoglio, Obbligazionario, Fidelity International. “Gli investitori possono esprimere le proprie opinioni investendo su numerosi strumenti, dai titoli di Stato a alle small cap (che offrono, in particolare, opportunità di crescita assenti nel resto del mondo), ma è importante che abbiano una visione chiara di alcune delle sfide che la Cina si trova ad affrontare e delle diverse opinioni al riguardo. Il Paese ha una grande economia, complessa e sfaccettata”. Quali sono, dunque, le sfide che la Cina dovrà affrontare nei prossimi cinque anni e che potrebbero essere sullagenda della sua leadership? Indebitamento / Deleveraging “Si tratta di un problema noto per la Cina”, prosegue Collins, “che viene affrontato con iniziative operative per la gestione dei rischi, come lo sviluppo di mercati dei capitali nazionali per migliorare i costi e come lallocazione di capitale. La maggior parte del debito cinese è denominata in Renmimbi (RMB) ed è in mano ad enti pubblici, cioè sotto il controllo del Governo, questo riduce moltissimo i rischi. Laspetto interessante, però, è che se da una parte il deleveraging (la riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie) può avere ripercussioni sulla crescita, dall’altra rappresenta, sul piano teorico, una condizione ideale per gli investimenti in titoli obbligazionari e di credito”. “Si tratta di un tema che è stato già affrontato con ladozione di politiche fiscali e una riforma delle imprese di Stato”, aggiunge Yeung, “perciò sarà essenziale accrescere la responsabilità dei mutuatari attraverso la struttura di allocazione del capitale”. Industria manifatturiera e commercio: “Uno dei rischi, seppur limitati, è la flessione della domanda globale.” prosegue l’Investment Director di Fidelity, “limpatto di una possibile battuta d’arresto è assorbito dal mercato interno dove i produttori locali sono ora maggiormente concentrati. La strategia di produzione Made in China 2025 e la maggiore innovatività delle aziende cinesi rispetto alla concorrenza globale sono un dato di fatto. Un rapido aumento dei salari in un segmento del mercato del lavoro, ad esempio nella categoria degli ingegneri, potrebbe gravare sul processo di crescita, ma al momento si tratta di un rischio minimo”. “La Cina sta scalando velocemente la catena del valore”, aggiunge Bryan Collins, “trasformandosi da fabbricante in innovatore. Liniziativa “One Belt One Road” (o Nuova via della seta) e soprattutto la costante urbanizzazione offrono un sostegno strutturale ai consumi, che porterà la Cina a svolgere lattività produttiva in maniera crescente sul proprio territorio, per sé e i paesi limitrofi”. Settore immobiliare e urbanizzazione: “Nei prossimi cinque anni”, afferma Yeung, “il rischio principale per la Cina sarà costituito da un’eventuale espansione o contrazione del segmento immobiliare e delle politiche correlate. Il settore immobiliare resta sempre il pilastro del paese, in quanto la maggior parte delle attività è garantita da beni immobili. Si potrebbe assistere o allattuazione di politiche volte ad appiattire il ciclo immobiliare o allintroduzione di strumenti necessari per la stabilizzazione, come ladozione di meccanismi fiscali o di un programma di locazione a lungo termine. Le politiche introdotte dovranno essere tempestive ed equilibrate, dal momento che eventuali scompensi o proroghe delle tempistiche potrebbero avere ripercussioni sulla psicologia degli acquirenti”. “Il segmento immobiliare è un settore ciclico dominato dalle politiche economiche e nel breve termine assisteremo a un rallentamento”, spiega Collins. “Gli investitori possono essere rassicurati dal fatto che entro il 2020 lurbanizzazione raggiungerà soltanto il 60%. In Cina è in atto una pianificazione urbana su vasta scala, con lo sviluppo di nuove città, nuovi quartieri e nuove reti di trasporto di alto livello, che sostengono i benefici a lungo termine di uneconomia più sostenibile trainata dai consumi e urbanizzata”.  

Il Congresso del Partito Comunista Cinese, aperto lo scorso 18 ottobre, punta i riflettori sulle politiche che determineranno la direzione del Paese per i prossimi cinque anni e Fidelity International pone le Sue riflessioni sulle implicazioni dell'evento per gli investitori.

“Durante il precedente Congresso nazionale, il presidente Xi aveva annunciato l'adozione di nuove iniziative, perciò questa volta è quasi certo che assisteremo a una riconferma delle politiche presentate in precedenza. Pechino continuerà a perseguire politiche volte a migliorare lo sviluppo del mercato dei capitali e le riforme economiche”, commenta Catherine Yeung, Investment Director, Fidelity International. “Uno dei rischi principali potrebbe riguardare il settore immobiliare, pilastro dell'economia cinese”.

“Siamo tutti esposti alla Cina, direttamente o indirettamente”, aggiunge Bryan Collins, gestore di portafoglio, Obbligazionario, Fidelity International. “Gli investitori possono esprimere le proprie opinioni investendo su numerosi strumenti, dai titoli di Stato a alle small cap (che offrono, in particolare, opportunità di crescita assenti nel resto del mondo), ma è importante che abbiano una visione chiara di alcune delle sfide che la Cina si trova ad affrontare e delle diverse opinioni al riguardo. Il Paese ha una grande economia, complessa e sfaccettata”.

Quali sono, dunque, le sfide che la Cina dovrà affrontare nei prossimi cinque anni e che potrebbero essere sull'agenda della sua leadership?

Indebitamento / Deleveraging

“Si tratta di un problema noto per la Cina”, prosegue Collins, “che viene affrontato con iniziative operative per la gestione dei rischi, come lo sviluppo di mercati dei capitali nazionali per migliorare i costi e come l'allocazione di capitale. La maggior parte del debito cinese è denominata in Renmimbi (RMB) ed è in mano ad enti pubblici, cioè sotto il controllo del Governo, questo riduce moltissimo i rischi. L'aspetto interessante, però, è che se da una parte il deleveraging (la riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie) può avere ripercussioni sulla crescita, dall’altra rappresenta, sul piano teorico, una condizione ideale per gli investimenti in titoli obbligazionari e di credito”. “Si tratta di un tema che è stato già affrontato con l'adozione di politiche fiscali e una riforma delle imprese di Stato”, aggiunge Yeung, “perciò sarà essenziale accrescere la responsabilità dei mutuatari attraverso la struttura di allocazione del capitale”.

fidelity che cosa devono aspettarsi gli investitori dal 19 congresso nazionale del partito comunista cinese 1

Industria manifatturiera e commercio:

“Uno dei rischi, seppur limitati, è la flessione della domanda globale.” prosegue l’Investment Director di Fidelity, “l'impatto di una possibile battuta d’arresto è assorbito dal mercato interno dove i produttori locali sono ora maggiormente concentrati. La strategia di produzione Made in China 2025 e la maggiore innovatività delle aziende cinesi rispetto alla concorrenza globale sono un dato di fatto. Un rapido aumento dei salari in un segmento del mercato del lavoro, ad esempio nella categoria degli ingegneri, potrebbe gravare sul processo di crescita, ma al momento si tratta di un rischio minimo”. “La Cina sta scalando velocemente la catena del valore”, aggiunge Bryan Collins, “trasformandosi da fabbricante in innovatore. L'iniziativa “One Belt One Road” (o Nuova via della seta) e soprattutto la costante urbanizzazione offrono un sostegno strutturale ai consumi, che porterà la Cina a svolgere l'attività produttiva in maniera crescente sul proprio territorio, per sé e i paesi limitrofi”.

Settore immobiliare e urbanizzazione:

“Nei prossimi cinque anni”, afferma Yeung, “il rischio principale per la Cina sarà costituito da un’eventuale espansione o contrazione del segmento immobiliare e delle politiche correlate. Il settore immobiliare resta sempre il pilastro del paese, in quanto la maggior parte delle attività è garantita da beni immobili. Si potrebbe assistere o all'attuazione di politiche volte ad appiattire il ciclo immobiliare o all'introduzione di strumenti necessari per la stabilizzazione, come l'adozione di meccanismi fiscali o di un programma di locazione a lungo termine. Le politiche introdotte dovranno essere tempestive ed equilibrate, dal momento che eventuali scompensi o proroghe delle tempistiche potrebbero avere ripercussioni sulla psicologia degli acquirenti”.

“Il segmento immobiliare è un settore ciclico dominato dalle politiche economiche e nel breve termine assisteremo a un rallentamento”, spiega Collins. “Gli investitori possono essere rassicurati dal fatto che entro il 2020 l'urbanizzazione raggiungerà soltanto il 60%. In Cina è in atto una pianificazione urbana su vasta scala, con lo sviluppo di nuove città, nuovi quartieri e nuove reti di trasporto di alto livello, che sostengono i benefici a lungo termine di un'economia più sostenibile trainata dai consumi e urbanizzata”.

fidelity che cosa devono aspettarsi gli investitori dal 19 congresso nazionale del partito comunista cinese 2

 

Premi per ascoltare l'articolo!