Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  • Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Le elezioni parlamentari e presidenziali turche si terranno domenica in un clima politico ed economico febbrile. Negli ultimi mesi, il Leggi
  • Fixed income - L’effetto farfalla

    Fixed income - L’effetto farfalla

    Nelle ultime settimane, abbiamo riscontrato un improvviso ritorno dell’avversione al rischio. Anche se i mercati internazionali non hanno particolarmente reagito Leggi
  • Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Dopo un inizio d'anno molto positivo, i mercati emergenti stanno attirando l'attenzione per diversi motivi, soprattutto da aprile, quando i Leggi
  • Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Dopo la crisi finanziaria globale del 2008-09, le banche centrali hanno capito con chiarezza l’importanza di monitorare assiduamente la capacità Leggi
  • OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    Allineamento di interessi tra Russia e Arabia Saudita Leggi
  • Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina rimane continua ad essere un tema caldo. Entrambi i Paesi sembrano disponibili Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1

Accade a Milano

  • 1

  • BMO: emergenza plastica

    BMO: emergenza plastica

    La plastica è una risorsa utile e preziosa ma l’inquinamento collegato al suo uso è distruttivo e, in definitiva, non

    Leggi
  • Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Per la prima volta in otto anni, la Green Bonds Europe Conference ha ospitato quest’anno un segmento interamente dedicato all’inclusione

    Leggi
  • HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management ha registrato in Italia di due comparti della HSBC Global Investment Funds che investono in titoli

    Leggi
  • Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam ha annunciato il lancio di un nuovo ETF: una versione basse missioni di carbonio, che integra i criteri ambientali,

    Leggi
  • Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    AGSM ha presentato la proposta di emissione obbligazionaria (Affi Bond) con la quale imprese e famiglie residenti nel comune potranno

    Leggi
  • Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Lo studio ha coinvolto 12 Paesi europei e oltre 900 portafogli istituzionali per un totale attività di oltre 1100 miliardi

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati secondo la periodicità stabilita i coefficienti di trasformazione che si applicano nel montante contributivo con il decreto

    Leggi
  • Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    La Covip ha pubblicato la propria Relazione annuale in cui tratteggia l’andamento del mercato della previdenza complementare e formula alcune

    Leggi
  • State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors ha pubblicato il suo ultimo libro bianco, intitolato Global Demographics & Retirement Implications. Lo studio ribadisce

    Leggi
  • Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Nel contratto di programma definitivo di M5S e Lega nel capitolo pensioni vi è anche la “manifestazione di intenti” di

    Leggi
  • L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    BlackRock ha pubblicato un nuovo studio sui progressi compiuti dai fondi pensione a prestazione definita nel contesto di due distinti

    Leggi
  • Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Nella ipotesi in cui nascesse il Governo M5S-Lega il Koalitionensvertrag, il contratto di programma prevederà, così come è stato già

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2

  Premi per ascoltare l'articolo! Il Congresso del Partito Comunista Cinese, aperto lo scorso 18 ottobre, punta i riflettori sulle politiche che determineranno la direzione del Paese per i prossimi cinque anni e Fidelity International pone le Sue riflessioni sulle implicazioni dellevento per gli investitori. “Durante il precedente Congresso nazionale, il presidente Xi aveva annunciato ladozione di nuove iniziative, perciò questa volta è quasi certo che assisteremo a una riconferma delle politiche presentate in precedenza. Pechino continuerà a perseguire politiche volte a migliorare lo sviluppo del mercato dei capitali e le riforme economiche”, commenta Catherine Yeung, Investment Director, Fidelity International. “Uno dei rischi principali potrebbe riguardare il settore immobiliare, pilastro delleconomia cinese”. “Siamo tutti esposti alla Cina, direttamente o indirettamente”, aggiunge Bryan Collins, gestore di portafoglio, Obbligazionario, Fidelity International. “Gli investitori possono esprimere le proprie opinioni investendo su numerosi strumenti, dai titoli di Stato a alle small cap (che offrono, in particolare, opportunità di crescita assenti nel resto del mondo), ma è importante che abbiano una visione chiara di alcune delle sfide che la Cina si trova ad affrontare e delle diverse opinioni al riguardo. Il Paese ha una grande economia, complessa e sfaccettata”. Quali sono, dunque, le sfide che la Cina dovrà affrontare nei prossimi cinque anni e che potrebbero essere sullagenda della sua leadership? Indebitamento / Deleveraging “Si tratta di un problema noto per la Cina”, prosegue Collins, “che viene affrontato con iniziative operative per la gestione dei rischi, come lo sviluppo di mercati dei capitali nazionali per migliorare i costi e come lallocazione di capitale. La maggior parte del debito cinese è denominata in Renmimbi (RMB) ed è in mano ad enti pubblici, cioè sotto il controllo del Governo, questo riduce moltissimo i rischi. Laspetto interessante, però, è che se da una parte il deleveraging (la riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie) può avere ripercussioni sulla crescita, dall’altra rappresenta, sul piano teorico, una condizione ideale per gli investimenti in titoli obbligazionari e di credito”. “Si tratta di un tema che è stato già affrontato con ladozione di politiche fiscali e una riforma delle imprese di Stato”, aggiunge Yeung, “perciò sarà essenziale accrescere la responsabilità dei mutuatari attraverso la struttura di allocazione del capitale”. Industria manifatturiera e commercio: “Uno dei rischi, seppur limitati, è la flessione della domanda globale.” prosegue l’Investment Director di Fidelity, “limpatto di una possibile battuta d’arresto è assorbito dal mercato interno dove i produttori locali sono ora maggiormente concentrati. La strategia di produzione Made in China 2025 e la maggiore innovatività delle aziende cinesi rispetto alla concorrenza globale sono un dato di fatto. Un rapido aumento dei salari in un segmento del mercato del lavoro, ad esempio nella categoria degli ingegneri, potrebbe gravare sul processo di crescita, ma al momento si tratta di un rischio minimo”. “La Cina sta scalando velocemente la catena del valore”, aggiunge Bryan Collins, “trasformandosi da fabbricante in innovatore. Liniziativa “One Belt One Road” (o Nuova via della seta) e soprattutto la costante urbanizzazione offrono un sostegno strutturale ai consumi, che porterà la Cina a svolgere lattività produttiva in maniera crescente sul proprio territorio, per sé e i paesi limitrofi”. Settore immobiliare e urbanizzazione: “Nei prossimi cinque anni”, afferma Yeung, “il rischio principale per la Cina sarà costituito da un’eventuale espansione o contrazione del segmento immobiliare e delle politiche correlate. Il settore immobiliare resta sempre il pilastro del paese, in quanto la maggior parte delle attività è garantita da beni immobili. Si potrebbe assistere o allattuazione di politiche volte ad appiattire il ciclo immobiliare o allintroduzione di strumenti necessari per la stabilizzazione, come ladozione di meccanismi fiscali o di un programma di locazione a lungo termine. Le politiche introdotte dovranno essere tempestive ed equilibrate, dal momento che eventuali scompensi o proroghe delle tempistiche potrebbero avere ripercussioni sulla psicologia degli acquirenti”. “Il segmento immobiliare è un settore ciclico dominato dalle politiche economiche e nel breve termine assisteremo a un rallentamento”, spiega Collins. “Gli investitori possono essere rassicurati dal fatto che entro il 2020 lurbanizzazione raggiungerà soltanto il 60%. In Cina è in atto una pianificazione urbana su vasta scala, con lo sviluppo di nuove città, nuovi quartieri e nuove reti di trasporto di alto livello, che sostengono i benefici a lungo termine di uneconomia più sostenibile trainata dai consumi e urbanizzata”.  

Il Congresso del Partito Comunista Cinese, aperto lo scorso 18 ottobre, punta i riflettori sulle politiche che determineranno la direzione del Paese per i prossimi cinque anni e Fidelity International pone le Sue riflessioni sulle implicazioni dell'evento per gli investitori.

“Durante il precedente Congresso nazionale, il presidente Xi aveva annunciato l'adozione di nuove iniziative, perciò questa volta è quasi certo che assisteremo a una riconferma delle politiche presentate in precedenza. Pechino continuerà a perseguire politiche volte a migliorare lo sviluppo del mercato dei capitali e le riforme economiche”, commenta Catherine Yeung, Investment Director, Fidelity International. “Uno dei rischi principali potrebbe riguardare il settore immobiliare, pilastro dell'economia cinese”.

“Siamo tutti esposti alla Cina, direttamente o indirettamente”, aggiunge Bryan Collins, gestore di portafoglio, Obbligazionario, Fidelity International. “Gli investitori possono esprimere le proprie opinioni investendo su numerosi strumenti, dai titoli di Stato a alle small cap (che offrono, in particolare, opportunità di crescita assenti nel resto del mondo), ma è importante che abbiano una visione chiara di alcune delle sfide che la Cina si trova ad affrontare e delle diverse opinioni al riguardo. Il Paese ha una grande economia, complessa e sfaccettata”.

Quali sono, dunque, le sfide che la Cina dovrà affrontare nei prossimi cinque anni e che potrebbero essere sull'agenda della sua leadership?

Indebitamento / Deleveraging

“Si tratta di un problema noto per la Cina”, prosegue Collins, “che viene affrontato con iniziative operative per la gestione dei rischi, come lo sviluppo di mercati dei capitali nazionali per migliorare i costi e come l'allocazione di capitale. La maggior parte del debito cinese è denominata in Renmimbi (RMB) ed è in mano ad enti pubblici, cioè sotto il controllo del Governo, questo riduce moltissimo i rischi. L'aspetto interessante, però, è che se da una parte il deleveraging (la riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie) può avere ripercussioni sulla crescita, dall’altra rappresenta, sul piano teorico, una condizione ideale per gli investimenti in titoli obbligazionari e di credito”. “Si tratta di un tema che è stato già affrontato con l'adozione di politiche fiscali e una riforma delle imprese di Stato”, aggiunge Yeung, “perciò sarà essenziale accrescere la responsabilità dei mutuatari attraverso la struttura di allocazione del capitale”.

fidelity che cosa devono aspettarsi gli investitori dal 19 congresso nazionale del partito comunista cinese 1

Industria manifatturiera e commercio:

“Uno dei rischi, seppur limitati, è la flessione della domanda globale.” prosegue l’Investment Director di Fidelity, “l'impatto di una possibile battuta d’arresto è assorbito dal mercato interno dove i produttori locali sono ora maggiormente concentrati. La strategia di produzione Made in China 2025 e la maggiore innovatività delle aziende cinesi rispetto alla concorrenza globale sono un dato di fatto. Un rapido aumento dei salari in un segmento del mercato del lavoro, ad esempio nella categoria degli ingegneri, potrebbe gravare sul processo di crescita, ma al momento si tratta di un rischio minimo”. “La Cina sta scalando velocemente la catena del valore”, aggiunge Bryan Collins, “trasformandosi da fabbricante in innovatore. L'iniziativa “One Belt One Road” (o Nuova via della seta) e soprattutto la costante urbanizzazione offrono un sostegno strutturale ai consumi, che porterà la Cina a svolgere l'attività produttiva in maniera crescente sul proprio territorio, per sé e i paesi limitrofi”.

Settore immobiliare e urbanizzazione:

“Nei prossimi cinque anni”, afferma Yeung, “il rischio principale per la Cina sarà costituito da un’eventuale espansione o contrazione del segmento immobiliare e delle politiche correlate. Il settore immobiliare resta sempre il pilastro del paese, in quanto la maggior parte delle attività è garantita da beni immobili. Si potrebbe assistere o all'attuazione di politiche volte ad appiattire il ciclo immobiliare o all'introduzione di strumenti necessari per la stabilizzazione, come l'adozione di meccanismi fiscali o di un programma di locazione a lungo termine. Le politiche introdotte dovranno essere tempestive ed equilibrate, dal momento che eventuali scompensi o proroghe delle tempistiche potrebbero avere ripercussioni sulla psicologia degli acquirenti”.

“Il segmento immobiliare è un settore ciclico dominato dalle politiche economiche e nel breve termine assisteremo a un rallentamento”, spiega Collins. “Gli investitori possono essere rassicurati dal fatto che entro il 2020 l'urbanizzazione raggiungerà soltanto il 60%. In Cina è in atto una pianificazione urbana su vasta scala, con lo sviluppo di nuove città, nuovi quartieri e nuove reti di trasporto di alto livello, che sostengono i benefici a lungo termine di un'economia più sostenibile trainata dai consumi e urbanizzata”.

fidelity che cosa devono aspettarsi gli investitori dal 19 congresso nazionale del partito comunista cinese 2

 

Accade a Milano

  • Geneve to Milan 2018

    Dear friends, family and colleagues,

    In just over a week, a team of 10 amateur cyclists – and “amateur” is generous – and two support captains will,
    Leggi
  • Company profile

    IMIT è la prima Associazione Italiana che garantisce la qualificazione degli esperti che operano nel commercio con l’estero e nei processi di internazionalizzazione delle imprese, Leggi
  • Phil Sharp Biography

    Phil Sharp is one of Britain’s most successful offshore sailors of recent years. He has achieved top results in the toughest transatlantic races including The

    Leggi
  • Il progetto iFOODQ

    iFOODQ nasce dal desiderio di raccontare in modo moderno e innovativo la ricchezza dell’universo agroalimentare italiano, fatto di produzioni uniche e virtuose.

    Un progetto che

    Leggi
  • 1
Premi per ascoltare l'articolo!