Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  • Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Le elezioni parlamentari e presidenziali turche si terranno domenica in un clima politico ed economico febbrile. Negli ultimi mesi, il Leggi
  • Fixed income - L’effetto farfalla

    Fixed income - L’effetto farfalla

    Nelle ultime settimane, abbiamo riscontrato un improvviso ritorno dell’avversione al rischio. Anche se i mercati internazionali non hanno particolarmente reagito Leggi
  • Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Dopo un inizio d'anno molto positivo, i mercati emergenti stanno attirando l'attenzione per diversi motivi, soprattutto da aprile, quando i Leggi
  • Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Dopo la crisi finanziaria globale del 2008-09, le banche centrali hanno capito con chiarezza l’importanza di monitorare assiduamente la capacità Leggi
  • OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    Allineamento di interessi tra Russia e Arabia Saudita Leggi
  • Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina rimane continua ad essere un tema caldo. Entrambi i Paesi sembrano disponibili Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1

Accade a Milano

  • 1

  • BMO: emergenza plastica

    BMO: emergenza plastica

    La plastica è una risorsa utile e preziosa ma l’inquinamento collegato al suo uso è distruttivo e, in definitiva, non

    Leggi
  • Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Per la prima volta in otto anni, la Green Bonds Europe Conference ha ospitato quest’anno un segmento interamente dedicato all’inclusione

    Leggi
  • HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management ha registrato in Italia di due comparti della HSBC Global Investment Funds che investono in titoli

    Leggi
  • Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam ha annunciato il lancio di un nuovo ETF: una versione basse missioni di carbonio, che integra i criteri ambientali,

    Leggi
  • Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    AGSM ha presentato la proposta di emissione obbligazionaria (Affi Bond) con la quale imprese e famiglie residenti nel comune potranno

    Leggi
  • Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Lo studio ha coinvolto 12 Paesi europei e oltre 900 portafogli istituzionali per un totale attività di oltre 1100 miliardi

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati secondo la periodicità stabilita i coefficienti di trasformazione che si applicano nel montante contributivo con il decreto

    Leggi
  • Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    La Covip ha pubblicato la propria Relazione annuale in cui tratteggia l’andamento del mercato della previdenza complementare e formula alcune

    Leggi
  • State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors ha pubblicato il suo ultimo libro bianco, intitolato Global Demographics & Retirement Implications. Lo studio ribadisce

    Leggi
  • Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Nel contratto di programma definitivo di M5S e Lega nel capitolo pensioni vi è anche la “manifestazione di intenti” di

    Leggi
  • L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    BlackRock ha pubblicato un nuovo studio sui progressi compiuti dai fondi pensione a prestazione definita nel contesto di due distinti

    Leggi
  • Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Nella ipotesi in cui nascesse il Governo M5S-Lega il Koalitionensvertrag, il contratto di programma prevederà, così come è stato già

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2

  Premi per ascoltare l'articolo! In uno scenario penalizzante per i rendimenti dei bond, Fidelity International punta su un approccio total return in grado di combinare differenti esposizioni geografiche e tipologie di emittenti, ma senza rinunciare alla gestione attiva Freno tirato per volatilità, rendimenti e spread ancora sotto pressione: chi sceglie di puntare sul reddito fisso dovrà fare ancora i conti almeno per tutto il 2018 con uno scenario di tassi bassi. L’acquisto di titoli, in particolare di obbligazioni governative dell’area euro, da parte della Bce non terminerà infatti più come inizialmente previsto a dicembre 2017 ma a settembre 2018. L’istituto guidato da Mario Draghi continuerà a immettere liquidità sui mercati anche il prossimo anno per circa 270 miliardi, pari a 30 miliardi di euro per 9 mesi. Ma quali impatto avrà tale decisione e come muoversi tra gli strumenti di reddito fisso? Per Claudio Ferrarese, co-gestore di FF Flexible Bond Fund di Fidelity International, multinazionale del risparmio gestito con asset per oltre 265 miliardi di euro, di cui 21,7 miliardi in Italia, “La decisione della Bce in pratica è una sorta di rinvio a settembre. La scelta di allungare il QE (seppur con volumi di acquisto più contenuti), di concerto con una forward guidance accomodante in materia di tassi, confermano il ruolo attivo della banca centrale sui mercati per almeno un altro anno. Staremo sicuramente a guardare come verrà distribuita questa riduzione tra i titoli governativi e i titoli corporate, che è l’elemento che ancora manca in questo quadro. Vi è infatti una probabilità non banale che la riduzione delle risorse investa per lo più le controparti governative. Sicuramente ci aspettiamo un altro tapering perché è impensabile che si passi da acquisti per 30 miliardi di euro alla totale assenza di acquisti”. “Per i mercati questo significherà un graduale aumento dei rendimenti sui governativi probabilmente molto marcato”, Andrea Iannelli, investment director fixed income di Fidelity International. “Non dimentichiamo poi, che, per quanto gli acquisti vengano ridotti ci saranno tutta una serie di obbligazioni che matureranno nel portafoglio della Bce nel corso dell’anno prossimo e che dovranno essere reinvestiti. Si stima che l’ammontare degli investimenti si collochi tra 10 e i 15 miliardi di euro al mese che andranno a compensare in parte la riduzione lorda degli acquisti fatti a monte. Cominceremo probabilmente ad apprezzare qualche variazione dall’estate prossima quando il mercato inizierà a guardare un po’ più avanti.La situazione per ora non ci appare critica, ci troviamo in un contesto di crescita ciclica e solida. Lo scorso anno la Bce aveva annunciato anche l’acquisto di obbligazioni con scadenza ad un anno, che si trovano pertanto vicini ormai alla scadenza. Quando vi sarà l’arresto dei nuovi acquisti, i reinvestimenti fanno comunque parte della politica monetaria così come avvenuto negli Stati uniti fino a oggi. L’unico elemento mancante in questo quadro è l’inflazione, che in quanto tale tenderà a portare sulla strada della cautela. Si tratta di un elemento sotto pressione per vari motivi strutturali e difficilmente potrà risalire trainata da un rialzo dei salari perché manca ancora un aumento della produttività”. Come ottenere rendimento Secondo l’approccio di Fidelity in questo momento chi investe in obbligazioni deve saper dosare tre ingredienti chiave: reddito, bassa volatilità e diversificazione intesa come de correlazione dall’equity. “In uno scenario in cui non è facile generare rendimento con i bond, - sottolinea Ferrarese - è opportuno puntare su un approccio total return che combini differenti esposizioni geografiche e tipologie di emittenti, senza rinunciare alla gestione attiva che consente di individuare le opportunità che via via si presentano sul mercato”. “Riteniamo che strutturalmente i bond investment grade debbano occupare una parte importante del portafoglio, intorno al 60% perché pur a fronte di rendimenti contenuti le emissioni delle società con rating superiori devono costituire la spina dorsale di un portafoglio prudente, per evitare di assumere rischi eccessivi. Mentre il restante 40% può essere distribuito equamente tra il debito governativo e le obbligazioni societarie high yield, cioè con rating più bassi e per questa ragione con rendimenti più elevati. Ovviamente la combinazione dovrà essere poi modulata sulla base del contesto di mercato”. Entrando più nello specifico delle scelte di portafoglio, Ferrarese invita a prendere in considerazione i titoli dei mercati emergenti che stanno attraversando una fase di consolidamento della crescita economica. “Ci riferiamo al Perù, all’Equador, all’Argentina, che si è tirata fuori da una lunga crisi e al Messico, in particolare dei settori utility e infrastrutture che offrono qualcosa in più rispetto alle emissioni governative, ma con un rischio di credito relativamente mite. In generale tuttavia la nostra preferenza va alle emissioni in valuta locale forte. Nell’ambito delle emissioni sovrane una quota intorno al 5% può essere riservata ai titoli indicizzati all’inflazione, ossia obbligazioni il cui valore di rimborso è parametrato a un indice di variazione dei prezzi al consumo che consentono di diversificare il portafoglio”.

In uno scenario penalizzante per i rendimenti dei bond, Fidelity International punta su un approccio total return in grado di combinare differenti esposizioni geografiche e tipologie di emittenti, ma senza rinunciare alla gestione attiva

Freno tirato per volatilità, rendimenti e spread ancora sotto pressione: chi sceglie di puntare sul reddito fisso dovrà fare ancora i conti almeno per tutto il 2018 con uno scenario di tassi bassi. L’acquisto di titoli, in particolare di obbligazioni governative dell’area euro, da parte della Bce non terminerà infatti più come inizialmente previsto a dicembre 2017 ma a settembre 2018. L’istituto guidato da Mario Draghi continuerà a immettere liquidità sui mercati anche il prossimo anno per circa 270 miliardi, pari a 30 miliardi di euro per 9 mesi. Ma quali impatto avrà tale decisione e come muoversi tra gli strumenti di reddito fisso?

Per Claudio Ferrarese, co-gestore di FF Flexible Bond Fund di Fidelity International, multinazionale del risparmio gestito con asset per oltre 265 miliardi di euro, di cui 21,7 miliardi in Italia, “La decisione della Bce in pratica è una sorta di rinvio a settembre. La scelta di allungare il QE (seppur con volumi di acquisto più contenuti), di concerto con una forward guidance accomodante in materia di tassi, confermano il ruolo attivo della banca centrale sui mercati per almeno un altro anno. Staremo sicuramente a guardare come verrà distribuita questa riduzione tra i titoli governativi e i titoli corporate, che è l’elemento che ancora manca in questo quadro. Vi è infatti una probabilità non banale che la riduzione delle risorse investa per lo più le controparti governative. Sicuramente ci aspettiamo un altro tapering perché è impensabile che si passi da acquisti per 30 miliardi di euro alla totale assenza di acquisti”.

“Per i mercati questo significherà un graduale aumento dei rendimenti sui governativi probabilmente molto marcato”, Andrea Iannelli, investment director fixed income di Fidelity International. “Non dimentichiamo poi, che, per quanto gli acquisti vengano ridotti ci saranno tutta una serie di obbligazioni che matureranno nel portafoglio della Bce nel corso dell’anno prossimo e che dovranno essere reinvestiti. Si stima che l’ammontare degli investimenti si collochi tra 10 e i 15 miliardi di euro al mese che andranno a compensare in parte la riduzione lorda degli acquisti fatti a monte. Cominceremo probabilmente ad apprezzare qualche variazione dall’estate prossima quando il mercato inizierà a guardare un po’ più avanti.
La situazione per ora non ci appare critica, ci troviamo in un contesto di crescita ciclica e solida. Lo scorso anno la Bce aveva annunciato anche l’acquisto di obbligazioni con scadenza ad un anno, che si trovano pertanto vicini ormai alla scadenza. Quando vi sarà l’arresto dei nuovi acquisti, i reinvestimenti fanno comunque parte della politica monetaria così come avvenuto negli Stati uniti fino a oggi. L’unico elemento mancante in questo quadro è l’inflazione, che in quanto tale tenderà a portare sulla strada della cautela. Si tratta di un elemento sotto pressione per vari motivi strutturali e difficilmente potrà risalire trainata da un rialzo dei salari perché manca ancora un aumento della produttività”.

Come ottenere rendimento

Secondo l’approccio di Fidelity in questo momento chi investe in obbligazioni deve saper dosare tre ingredienti chiave: reddito, bassa volatilità e diversificazione intesa come de correlazione dall’equity.

“In uno scenario in cui non è facile generare rendimento con i bond, - sottolinea Ferrarese - è opportuno puntare su un approccio total return che combini differenti esposizioni geografiche e tipologie di emittenti, senza rinunciare alla gestione attiva che consente di individuare le opportunità che via via si presentano sul mercato”.

“Riteniamo che strutturalmente i bond investment grade debbano occupare una parte importante del portafoglio, intorno al 60% perché pur a fronte di rendimenti contenuti le emissioni delle società con rating superiori devono costituire la spina dorsale di un portafoglio prudente, per evitare di assumere rischi eccessivi. Mentre il restante 40% può essere distribuito equamente tra il debito governativo e le obbligazioni societarie high yield, cioè con rating più bassi e per questa ragione con rendimenti più elevati. Ovviamente la combinazione dovrà essere poi modulata sulla base del contesto di mercato”.

Entrando più nello specifico delle scelte di portafoglio, Ferrarese invita a prendere in considerazione i titoli dei mercati emergenti che stanno attraversando una fase di consolidamento della crescita economica. “Ci riferiamo al Perù, all’Equador, all’Argentina, che si è tirata fuori da una lunga crisi e al Messico, in particolare dei settori utility e infrastrutture che offrono qualcosa in più rispetto alle emissioni governative, ma con un rischio di credito relativamente mite. In generale tuttavia la nostra preferenza va alle emissioni in valuta locale forte. Nell’ambito delle emissioni sovrane una quota intorno al 5% può essere riservata ai titoli indicizzati all’inflazione, ossia obbligazioni il cui valore di rimborso è parametrato a un indice di variazione dei prezzi al consumo che consentono di diversificare il portafoglio”.

Accade a Milano

  • Geneve to Milan 2018

    Dear friends, family and colleagues,

    In just over a week, a team of 10 amateur cyclists – and “amateur” is generous – and two support captains will,
    Leggi
  • Company profile

    IMIT è la prima Associazione Italiana che garantisce la qualificazione degli esperti che operano nel commercio con l’estero e nei processi di internazionalizzazione delle imprese, Leggi
  • Phil Sharp Biography

    Phil Sharp is one of Britain’s most successful offshore sailors of recent years. He has achieved top results in the toughest transatlantic races including The

    Leggi
  • Il progetto iFOODQ

    iFOODQ nasce dal desiderio di raccontare in modo moderno e innovativo la ricchezza dell’universo agroalimentare italiano, fatto di produzioni uniche e virtuose.

    Un progetto che

    Leggi
  • 1
Premi per ascoltare l'articolo!