Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  • Conte: i sei nodi da sciogliere per l’Italia

    Conte: i sei nodi da sciogliere per l’Italia

    Giuseppe Conte è stato nominato Primo Ministro dal Presidente Sergio Mattarella ciò rappresenta il primo passo verso la riduzione dell’incertezza Leggi
  • La “Old Economy” colpisce ancora

    La “Old Economy” colpisce ancora

    I prezzi del petrolio rischiano attualmente di subire dei picchi. Poiché il rischio geopolitico continua a crescere in Medio Oriente Leggi
  • Gli effetti dell'attuale situazione politica italiana sui mercati

    Gli effetti dell'attuale situazione politica italiana sui mercati

    I recenti sviluppi dello scenario politico italiano rappresentano inevitabilmente un rischio per gli attivi italiani e potenzialmente anche per l'Europa. Leggi
  • Emergenti, come superare le fasi di rallentamento

    Emergenti, come superare le fasi di rallentamento

    Aprile è risultato un mese difficile in termini di portfolio con l’indice MSCI Emerging Markets index che ha sottoperformato rendendo Leggi
  • 2018, crescita degli utili per le small e mid cap europee attesa intorno al 19-20%

    2018, crescita degli utili per le small e mid cap europee attesa intorno al 19-20%

    Le small e mid cap (SMID) hanno sovraperformato le società a grande capitalizzazione da inizio anno e ci sono molti Leggi
  • L'incertezza politica mette a dura prova i bond bancari italiani

    L'incertezza politica mette a dura prova i bond bancari italiani

    Le banche italiane sono tornate su un terreno noto, con il recente sell-off sulle obbligazioni di tutto il settore. In Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1

  • Dal clima alla sicurezza informatica, cinque temi di engagement per il 2018

    Dal clima alla sicurezza informatica, cinque temi di engagement per il 2018

    Negli anni 1990 Robeco è stata tra le prime società di gestione a cogliere il potenziale offerto dalla sostenibilità in

    Leggi
  • State Street Global Advisors integra i criteri ESG tra i fattori del fondo Multi-Factor Global Equity

    State Street Global Advisors integra i criteri ESG tra i fattori del fondo Multi-Factor Global Equity

    State Street Global Advisors ha annunciato l’integrazione dei criteri ESG (environmental, social and governance) tra i fattori del fondo Multi-Factor

    Leggi
  • La plastica: verso un circolo virtuoso

    La plastica: verso un circolo virtuoso

    Le aziende che offrono servizi di riciclaggio della plastica potrebbero avere guadagni inattesi nel momento in cui verrà raggiunto un

    Leggi
  • La Banca Mondiale emette una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sostenibile Steepener in dollari americani per il mercato italiano

    La Banca Mondiale emette una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sostenibile Steepener in dollari americani per il mercato italiano

    La Banca Mondiale (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, “BIRS”, rating Aaa/AAA) ha annunciato oggi l’emissione di una

    Leggi
  • La fine del diesel?

    La fine del diesel?

    Le popolazioni urbane si trovano di fronte una serie di sfide in materia ambientale, alcune delle quali sono pericolose per

    Leggi
  • Il report Corporate Responsibility di State Street evidenzia gli obiettivi della società per migliorare la diversità dell’organico e ridurre l’impatto ambientale

    Il report Corporate Responsibility di State Street evidenzia gli obiettivi della società per migliorare la diversità dell’organico e ridurre l’impatto ambientale

    State Street Corporation ha annunciato la pubblicazione del report Corporate Responsibility (CR) 2017, nel quale si evidenzia l’impegno della società

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    BlackRock ha pubblicato un nuovo studio sui progressi compiuti dai fondi pensione a prestazione definita nel contesto di due distinti

    Leggi
  • Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Nella ipotesi in cui nascesse il Governo M5S-Lega il Koalitionensvertrag, il contratto di programma prevederà, così come è stato già

    Leggi
  • Il metodo di calcolo contributivo  espone ad un elevato rischio previdenziale chi ha lavori intermittenti

    Il metodo di calcolo contributivo espone ad un elevato rischio previdenziale chi ha lavori intermittenti

    La Commissione europea ha pubblicato il Pensions Adequacy Report 2018 che fornisce un ritratto per ogni sistema previdenziale dell’Unione europea

    Leggi
  • Italiani e copertura del rischio salute, la diffusione delle polizze sanitarie

    Italiani e copertura del rischio salute, la diffusione delle polizze sanitarie

    Il progressivo invecchiamento della popolazione e la pressione sul debito pubblico determina nel nostro Paese un sensibile “rischio salute”.

    Leggi
  • GSAM rileva un crescente scetticismo delle compagnie assicurative nei confronti delle opportunità di investimento

    GSAM rileva un crescente scetticismo delle compagnie assicurative nei confronti delle opportunità di investimento

    Goldman Sachs Asset Management (“GSAM”) ha pubblicato i risultati della sua settima indagine annuale sul settore assicurativo globale, "Foggier as

    Leggi
  • Il Fondo Pensione Laborfonds seleziona AllianzGI per la gestione del comparto “Linea Prudente Etica”

    Il Fondo Pensione Laborfonds seleziona AllianzGI per la gestione del comparto “Linea Prudente Etica”

    Laborfonds, fondo pensione complementare intercategoriale per i lavoratori dipendenti di aziende ed enti operanti nella regione del Trentino Alto Adige

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2

  Premi per ascoltare l'articolo! Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una correzione dei mercati. È un fenomeno consueto nella storia finanziaria. In un mondo dove il concetto di correzione sembra dimenticato e dove, da tempo, le azioni vengono percepite come un investimento immancabilmente remunerativo, la normalità di una flessione può apparire più difficile da sopportare. In realtà, questo “stop” improvviso è il più vigoroso segnale di salute dei mercati da molto tempo a questa parte. Il rally sostenuto dal comparto tecnologico negli Stati Uniti aveva ormai portato le valutazioni oltre il limite del ragionevole, le prospettive inflazionistiche non potevano rimanere basse allinfinito e a presiedere la Fed è giunto un nuovo Presidente che dobbiamo ancora imparare a conoscere. La vera preoccupazione sarebbe stata se i mercati non avessero reagito a questo scenario. Anche dopo le recenti flessioni, i titoli azionari statunitensi superano di quasi il 50% il livello raggiunto a inizio 2016. La correzione può sembrare inusuale perché siamo abituati a un contesto caratterizzato da bassa volatilità e dati economici che sono rimasti costantemente positivi in tutto il mondo nel corso del 2017 Malgrado non sia da escludere una ripresa del trend precedente (trainato dal settore tecnologico), sembra più probabile che lattuale battuta darresto possa servire a ridefinire la leadership di mercato. Ma cosa potrebbe compromettere questa tesi? Come sempre, il ruolo di chi guida la banca centrale è quello di muoversi sul filo del rasoio tra prudenza e sentiment. Un inasprimento eccessivo o un ritardo nellattuazione delle misure restrittive, che farebbero pensare a una perdita di fiducia, potrebbero spaventare i mercati azionari e provocare ulteriori ribassi. Il nuovo Presidente della Fed, Jerome Powell, è stato scelto, tra le altre cose, proprio in virtù del suo approccio moderato ai tassi dinteresse. Ma può operare utilizzando altre leve. Ad esempio, la retribuzione oraria media negli Stati Uniti ha riservato sorprese al rialzo, ma non è chiaro se ciò preluda a una tendenza di aumento sostenuto. La sua media mobile a 12 mesi appare più modesta e altri parametri della crescita salariale, come lindice del costo del lavoro, sono a loro volta stagnanti. Questo scenario dà forza a chi condivide la posizione di Jerome Powell, il quale potrà sostenere la necessità di un aumento graduale dei tassi, escludendo così un inasprimento improvviso. Ci sono segnali di debolezza in vari settori azionari, ma nessuno così influente per il mercato. Personalmente, continuo a puntare sulle azioni, ma optando per acquistare nei momenti di calo nei settori value, che hanno segnato il passo in occasione del recente rally.Preferisco inoltre evitare i titoli azionari con dividend yield non sono supportati da robusti flussi di cassa e da bilanci solidi. Ciò dimostra, una volta di più, quanto sia importante la gestione attiva nelle ultime fasi del ciclo economico. Mantenere la rotta quando la volatilità aumenta può non sembrare facile, ma per guadagnare nello stadio attuale del ciclo è necessario tenere la testa salda sulle spalle quando gli altri invece la perdono.  James Bateman - Chief Investment Officer, Multi Asset - Fidelity International

Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una correzione dei mercati. È un fenomeno consueto nella storia finanziaria.

In un mondo dove il concetto di "correzione" sembra dimenticato e dove, da tempo, le azioni vengono percepite come un investimento immancabilmente remunerativo, la normalità di una flessione può apparire più difficile da sopportare.

In realtà, questo “stop” improvviso è il più vigoroso segnale di salute dei mercati da molto tempo a questa parte. Il rally sostenuto dal comparto tecnologico negli Stati Uniti aveva ormai portato le valutazioni oltre il limite del ragionevole, le prospettive inflazionistiche non potevano rimanere basse all'infinito e a presiedere la Fed è giunto un nuovo Presidente che dobbiamo ancora imparare a conoscere.

La vera preoccupazione sarebbe stata se i mercati non avessero reagito a questo scenario.

Anche dopo le recenti flessioni, i titoli azionari statunitensi superano di quasi il 50% il livello raggiunto a inizio 2016. La correzione può sembrare inusuale perché siamo abituati a un contesto caratterizzato da bassa volatilità e dati economici che sono rimasti costantemente positivi in tutto il mondo nel corso del 2017

Malgrado non sia da escludere una ripresa del trend precedente (trainato dal settore tecnologico), sembra più probabile che l'attuale battuta d'arresto possa servire a ridefinire la leadership di mercato.

Ma cosa potrebbe compromettere questa tesi? Come sempre, il ruolo di chi guida la banca centrale è quello di muoversi sul filo del rasoio tra prudenza e sentiment. Un inasprimento eccessivo o un ritardo nell'attuazione delle misure restrittive, che farebbero pensare a una perdita di fiducia, potrebbero spaventare i mercati azionari e provocare ulteriori ribassi.

Il nuovo Presidente della Fed, Jerome Powell, è stato scelto, tra le altre cose, proprio in virtù del suo approccio moderato ai tassi d'interesse. Ma può operare utilizzando altre leve. Ad esempio, la retribuzione oraria media negli Stati Uniti ha riservato sorprese al rialzo, ma non è chiaro se ciò preluda a una tendenza di aumento sostenuto. La sua media mobile a 12 mesi appare più modesta e altri parametri della crescita salariale, come l'indice del costo del lavoro, sono a loro volta stagnanti. Questo scenario dà forza a chi condivide la posizione di Jerome Powell, il quale potrà sostenere la necessità di un aumento graduale dei tassi, escludendo così un inasprimento improvviso.

Ci sono segnali di debolezza in vari settori azionari, ma nessuno così influente per il mercato. Personalmente, continuo a puntare sulle azioni, ma optando per acquistare nei momenti di calo nei settori "value", che hanno segnato il passo in occasione del recente rally.
Preferisco inoltre evitare i titoli azionari con dividend yield non sono supportati da robusti flussi di cassa e da bilanci solidi.

Ciò dimostra, una volta di più, quanto sia importante la gestione attiva nelle ultime fasi del ciclo economico. Mantenere la rotta quando la volatilità aumenta può non sembrare facile, ma per guadagnare nello stadio attuale del ciclo è necessario tenere la testa salda sulle spalle quando gli altri invece la perdono.


 James Bateman - Chief Investment Officer, Multi Asset - Fidelity International

Premi per ascoltare l'articolo!