Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  • Il rischio reale nei mercati globali attuali

    Il rischio reale nei mercati globali attuali

    Sebbene alcuni osservatori temano che il ciclo economico globale si stia concludendo, Michael Hasenstab, CIO di Templeton Global Macro, descrive Leggi
  • Aumentano le famiglie mononucleari, quale impatto per l'economia globale?

    Aumentano le famiglie mononucleari, quale impatto per l'economia globale?

    Nell’era dei social fare le cose con calma non sembra essere “trendy”. Leggi
  • Dividendi globali: nuovo record nel 2018 e ulteriore crescita prevista per il 2019

    Dividendi globali: nuovo record nel 2018 e ulteriore crescita prevista per il 2019

    I dividendi globali sono saliti a un nuovo record nel 2018, con un quarto trimestre di ottime distribuzioni, malgrado le Leggi
  • Prepariamoci a una stretta creditizia

    Prepariamoci a una stretta creditizia

    Per il 2019, la questione fondamentale è in che modo il restringimento delle condizioni finanziarie avrà un impatto sulle società Leggi
  • 5 modi per bilanciare i profitti con un impatto positivo sull’umanità

    5 modi per bilanciare i profitti con un impatto positivo sull’umanità

    Come recentemente sottolineato dall’edizione 2019 del World Economic Forum, abbiamo assistito ad un generale spostamento dell’attenzione verso le mosse dei Leggi
  • Rallentamento tedesco, solo temporaneo?

    Rallentamento tedesco, solo temporaneo?

    Dalla fine della scorsa estate, l’attività industriale è stata colpita da una serie di shock temporanei. Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  • 5 modi per bilanciare i profitti con un impatto positivo sull’umanità

    5 modi per bilanciare i profitti con un impatto positivo sull’umanità

    Come recentemente sottolineato dall’edizione 2019 del World Economic Forum, abbiamo assistito ad un generale spostamento dell’attenzione verso le mosse dei

    Leggi
  • Gli investitori uniscono le loro forze per escludere i produttori di armi controverse dagli indici principali

    Gli investitori uniscono le loro forze per escludere i produttori di armi controverse dagli indici principali

    Più di 140 asset manager, investitori istituzionali, wealth manager e provider di servizi patrimoniali di tutto il mondo rappresentanti USD

    Leggi
  • Cos’ha in serbo il 2019, alla luce del fatto che per numerosi proprietari di attivi è sempre più importante investire responsabilmente?

    Cos’ha in serbo il 2019, alla luce del fatto che per numerosi proprietari di attivi è sempre più importante investire responsabilmente?

    Il cloud computing, l’apprendimento automatico e il potenziale della scienza dei dati, ancora relativamente inespresso, stanno assumendo una posizione sempre

    Leggi
  • UBS lancia il primo ETF che investe nelle obbligazioni di Banche Internazionali di Sviluppo

    UBS lancia il primo ETF che investe nelle obbligazioni di Banche Internazionali di Sviluppo

    Gli investimenti sostenibili stanno diventando sempre più richiesti dagli investitori e l’Italia sta velocemente recuperando il gap con i Paesi

    Leggi
  • Investimento solidale: dare un senso agli investimenti

    Investimento solidale: dare un senso agli investimenti

    Gli investimenti socialmente responsabili (SRI), o investimenti etici, costituiscono una strategia di investimento che si prefigge di considerare sia i

    Leggi
  • Il cambiamento climatico impatta sui mercati come l’inflazione

    Il cambiamento climatico impatta sui mercati come l’inflazione

    l mercato dei titoli insurance-linked (ILS), secondo noi, è una piattaforma privilegiata per monitorare gli effetti del cambiamento climatico sulle

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • La mappa del pensionamento dopo quota 100

    La mappa del pensionamento dopo quota 100

    Il decreto pensioni n. 4 del 28 novembre interviene su alcune soluzioni di flessibilità in uscita da quota 100 alla

    Leggi
  • Donne e pensione

    Donne e pensione

    Il recente decreto pensioni contiene anche alcune specifiche previsioni rivolte al segmento femminile. Va ricordato che dallo scorso anno si

    Leggi
  • Investitori istituzionali e sostegno alla economia reale

    Investitori istituzionali e sostegno alla economia reale

    Tra i principali temi di discussione nel nostro sistema economico è il come favorire l’investimento da parte degli investitori istituzionali

    Leggi
  • Under 45 e riscatto laurea agevolato

    Under 45 e riscatto laurea agevolato

    Tra le diverse misure contenute nel decreto pensioni vi è una specifica previsione agevolativa per il riscatto laurea che si

    Leggi
  • La rivalutazione delle pensioni alla luce della Legge di Bilancio

    La rivalutazione delle pensioni alla luce della Legge di Bilancio

    Tra i diversi profili di intervento in ambito previdenziale la Legge di Bilancio rivede anche la perequazione, vale a dire

    Leggi
  • Come sarà quota 100

    Come sarà quota 100

    Quota 100 appare ormai in dirittura di arrivo. Il Governo si accinge infatti a varare in via definitiva il decreto

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  Premi per ascoltare l'articolo! Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una correzione dei mercati. È un fenomeno consueto nella storia finanziaria. In un mondo dove il concetto di correzione sembra dimenticato e dove, da tempo, le azioni vengono percepite come un investimento immancabilmente remunerativo, la normalità di una flessione può apparire più difficile da sopportare. In realtà, questo “stop” improvviso è il più vigoroso segnale di salute dei mercati da molto tempo a questa parte. Il rally sostenuto dal comparto tecnologico negli Stati Uniti aveva ormai portato le valutazioni oltre il limite del ragionevole, le prospettive inflazionistiche non potevano rimanere basse allinfinito e a presiedere la Fed è giunto un nuovo Presidente che dobbiamo ancora imparare a conoscere. La vera preoccupazione sarebbe stata se i mercati non avessero reagito a questo scenario. Anche dopo le recenti flessioni, i titoli azionari statunitensi superano di quasi il 50% il livello raggiunto a inizio 2016. La correzione può sembrare inusuale perché siamo abituati a un contesto caratterizzato da bassa volatilità e dati economici che sono rimasti costantemente positivi in tutto il mondo nel corso del 2017 Malgrado non sia da escludere una ripresa del trend precedente (trainato dal settore tecnologico), sembra più probabile che lattuale battuta darresto possa servire a ridefinire la leadership di mercato. Ma cosa potrebbe compromettere questa tesi? Come sempre, il ruolo di chi guida la banca centrale è quello di muoversi sul filo del rasoio tra prudenza e sentiment. Un inasprimento eccessivo o un ritardo nellattuazione delle misure restrittive, che farebbero pensare a una perdita di fiducia, potrebbero spaventare i mercati azionari e provocare ulteriori ribassi. Il nuovo Presidente della Fed, Jerome Powell, è stato scelto, tra le altre cose, proprio in virtù del suo approccio moderato ai tassi dinteresse. Ma può operare utilizzando altre leve. Ad esempio, la retribuzione oraria media negli Stati Uniti ha riservato sorprese al rialzo, ma non è chiaro se ciò preluda a una tendenza di aumento sostenuto. La sua media mobile a 12 mesi appare più modesta e altri parametri della crescita salariale, come lindice del costo del lavoro, sono a loro volta stagnanti. Questo scenario dà forza a chi condivide la posizione di Jerome Powell, il quale potrà sostenere la necessità di un aumento graduale dei tassi, escludendo così un inasprimento improvviso. Ci sono segnali di debolezza in vari settori azionari, ma nessuno così influente per il mercato. Personalmente, continuo a puntare sulle azioni, ma optando per acquistare nei momenti di calo nei settori value, che hanno segnato il passo in occasione del recente rally.Preferisco inoltre evitare i titoli azionari con dividend yield non sono supportati da robusti flussi di cassa e da bilanci solidi. Ciò dimostra, una volta di più, quanto sia importante la gestione attiva nelle ultime fasi del ciclo economico. Mantenere la rotta quando la volatilità aumenta può non sembrare facile, ma per guadagnare nello stadio attuale del ciclo è necessario tenere la testa salda sulle spalle quando gli altri invece la perdono.  James Bateman - Chief Investment Officer, Multi Asset - Fidelity International

Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una correzione dei mercati. È un fenomeno consueto nella storia finanziaria.

In un mondo dove il concetto di "correzione" sembra dimenticato e dove, da tempo, le azioni vengono percepite come un investimento immancabilmente remunerativo, la normalità di una flessione può apparire più difficile da sopportare.

In realtà, questo “stop” improvviso è il più vigoroso segnale di salute dei mercati da molto tempo a questa parte. Il rally sostenuto dal comparto tecnologico negli Stati Uniti aveva ormai portato le valutazioni oltre il limite del ragionevole, le prospettive inflazionistiche non potevano rimanere basse all'infinito e a presiedere la Fed è giunto un nuovo Presidente che dobbiamo ancora imparare a conoscere.

La vera preoccupazione sarebbe stata se i mercati non avessero reagito a questo scenario.

Anche dopo le recenti flessioni, i titoli azionari statunitensi superano di quasi il 50% il livello raggiunto a inizio 2016. La correzione può sembrare inusuale perché siamo abituati a un contesto caratterizzato da bassa volatilità e dati economici che sono rimasti costantemente positivi in tutto il mondo nel corso del 2017

Malgrado non sia da escludere una ripresa del trend precedente (trainato dal settore tecnologico), sembra più probabile che l'attuale battuta d'arresto possa servire a ridefinire la leadership di mercato.

Ma cosa potrebbe compromettere questa tesi? Come sempre, il ruolo di chi guida la banca centrale è quello di muoversi sul filo del rasoio tra prudenza e sentiment. Un inasprimento eccessivo o un ritardo nell'attuazione delle misure restrittive, che farebbero pensare a una perdita di fiducia, potrebbero spaventare i mercati azionari e provocare ulteriori ribassi.

Il nuovo Presidente della Fed, Jerome Powell, è stato scelto, tra le altre cose, proprio in virtù del suo approccio moderato ai tassi d'interesse. Ma può operare utilizzando altre leve. Ad esempio, la retribuzione oraria media negli Stati Uniti ha riservato sorprese al rialzo, ma non è chiaro se ciò preluda a una tendenza di aumento sostenuto. La sua media mobile a 12 mesi appare più modesta e altri parametri della crescita salariale, come l'indice del costo del lavoro, sono a loro volta stagnanti. Questo scenario dà forza a chi condivide la posizione di Jerome Powell, il quale potrà sostenere la necessità di un aumento graduale dei tassi, escludendo così un inasprimento improvviso.

Ci sono segnali di debolezza in vari settori azionari, ma nessuno così influente per il mercato. Personalmente, continuo a puntare sulle azioni, ma optando per acquistare nei momenti di calo nei settori "value", che hanno segnato il passo in occasione del recente rally.
Preferisco inoltre evitare i titoli azionari con dividend yield non sono supportati da robusti flussi di cassa e da bilanci solidi.

Ciò dimostra, una volta di più, quanto sia importante la gestione attiva nelle ultime fasi del ciclo economico. Mantenere la rotta quando la volatilità aumenta può non sembrare facile, ma per guadagnare nello stadio attuale del ciclo è necessario tenere la testa salda sulle spalle quando gli altri invece la perdono.


 James Bateman - Chief Investment Officer, Multi Asset - Fidelity International

Premi per ascoltare l'articolo!