Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  • Un rialzo anche lieve dell’inflazione può incidere sui rendimenti reali dei bond

    Un rialzo anche lieve dell’inflazione può incidere sui rendimenti reali dei bond

    Nel ciclo economico in corso, l’inflazione è stata contenuta nonostante l’abbondante immissione di liquidità da parte delle banche centrali. Ma Leggi
  • Jupiter AM: sull’obbligazionario volatilità in vista, meglio essere prudenti

    Jupiter AM: sull’obbligazionario volatilità in vista, meglio essere prudenti

    Nonostante le turbolenze sui mercati emergenti, il rally dei Treasury americani solitamente legato a un clima di avversione al rischio Leggi
  • Dove risiede oggi l’appeal degli Emergenti?

    Dove risiede oggi l’appeal degli Emergenti?

    In termini di valutazioni correnti gli indicatori fondamentali non stanno di certo suggerendo di vendere in questo momento. Leggi
  • Giappone, un’altra vittoria elettorale per Shinzo Abe

    Giappone, un’altra vittoria elettorale per Shinzo Abe

    La vittoria di Shinzo Abe alle elezioni interne al Partito Liberaldemocratico (LDP) di oggi implica che l’attuale Primo Ministro continuerà Leggi
  • Elezioni in Brasile: qual è la posta in gioco?

    Elezioni in Brasile: qual è la posta in gioco?

    Gli investitori globali stanno prestando particolare attenzione alle prossime elezioni generali in Brasile, non solo perché il Paese è l'ottava Leggi
  • Le sette marce del fintech

    Le sette marce del fintech

    Il fintech è stato oggetto di grandi cambiamenti negli ultimi anni. Nato come una nuova tecnologia di pagamento, si è Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  • Farad International lancia Greenethica la prima polizza vita ESG presente sul mercato 

    Farad International lancia Greenethica la prima polizza vita ESG presente sul mercato 

    FARAD Group crede da sempre fortemente alla potenza dei veicoli finanziari a supporto dei progetti che contribuiscono a risolvere le

    Leggi
  • Report di Impatto 2018: tutti i risultati ambientali, sociali e di governance degli investimenti e dell’engagement di Etica Sgr

    Report di Impatto 2018: tutti i risultati ambientali, sociali e di governance degli investimenti e dell’engagement di Etica Sgr

    Etica Sgr ha pubblicato il Report di Impatto 2018, uno strumento per misurare l’impatto degli investimenti azionari dei propri fondi

    Leggi
  • Il ruolo dello sviluppo tecnologico nell’identificazione dei dati ESG

    Il ruolo dello sviluppo tecnologico nell’identificazione dei dati ESG

    Stiamo assistendo a una notevole crescita dell’attenzione sui fattori ESG (environmental, social and governance) come modalità sostenibile per la creazione

    Leggi
  • I criteri ESG diventano popolari: l’Europa tra i primi emittenti

    I criteri ESG diventano popolari: l’Europa tra i primi emittenti

    Secondo una ricerca HSBC, il 61% degli investitori e il 48% degli emittenti di tutto il mondo hanno all’attivo una

    Leggi
  • Candriam estende il processo di esclusione SRI a tutti i suoi fondi e disinveste da carbone e tabacco

    Candriam estende il processo di esclusione SRI a tutti i suoi fondi e disinveste da carbone e tabacco

    Candriam estenderà a tutti i suoi fondi la portata del processo di esclusione legato ad attività controverse in relazione al

    Leggi
  • ESG, i rischi del greenwashing

    ESG, i rischi del greenwashing

    Dato che le domande relative ai temi ESG sono sempre più diffuse negli inviti a presentare proposte (RFP, Request for

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • Nel 2019 dovrebbe partire la pensione di cittadinanza

    Nel 2019 dovrebbe partire la pensione di cittadinanza

    In attesa di conoscere le cifre e gli indicatori, comincia a delinearsi lo schema cardine della prossima Legge di Bilancio

    Leggi
  • Sono ancora ridotti gli impieghi nella economia reale degli investitori istituzionali

    Sono ancora ridotti gli impieghi nella economia reale degli investitori istituzionali

    Itinerari Previdenziali ha pubblicato la quita edizione dell’Indagine annuale sugli investitori istituzionali che analizza dal punto di vista anagrafico, patrimoniale

    Leggi
  • L’andamento tendenziale della spesa previdenziale

    L’andamento tendenziale della spesa previdenziale

    Mentre si scaldano i motori per la prossima manovra finanziaria in cui dovrebbero entrare anche le prime misure in ambito

    Leggi
  • La strategia della maggioranza sulle pensioni d’oro

    La strategia della maggioranza sulle pensioni d’oro

    Era un evento più volte annunciato ed oramai atteso. E’ stato presentato dalla maggioranza gialloverde il disegno di legge teso

    Leggi
  • E’ necessario implementare nuove politiche di

    E’ necessario implementare nuove politiche di "active ageing"

    E’ stato pubblicato dal Centro Studi e Ricerche di Itinerari previdenziali un interessante approfondimento sull’invecchiamento attivo nel nostro Paese.

    Leggi
  • Le osservazioni della Corte dei Conti sulle riforme previdenziali

    Le osservazioni della Corte dei Conti sulle riforme previdenziali

    Nel Rapporto 2018 sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei Conti recentemente pubblicato vi è un ampio approfondimento sul

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  Premi per ascoltare l'articolo! Nonostante l’aumento dei costi e dei salari nel corso del 2018, le società non reagiranno innalzando i prezzi. Questo grazie alla solidità dei margini. Questo è uno dei principali risultati emersi dalla Fidelity Analyst Survey 2018, l’annuale indagine di Fidelity sulla view dei propri analisti. Segnali di una ripresa dellinflazione di costi e salari Questanno quasi due terzi dei analisti di Fidelity International prevedono un aumento dei costi di produzione, mentre l’anno scorso solo la metà aveva dato la stessa risposta. Le aspettative di un aumento dei costi nel settore dei prodotti industriali, dellenergia e dei materiali sono i classici indicatori di una economia globale che si trova nella fase matura del suo ciclo. Il 72% degli analisti prevede un incremento dei salari nei prossimi 12 mesi (contro il 64% dello scorso anno). Laumento sarà complessivamente moderato, ad eccezione della regione EMEA/America Latina, dove un terzo degli analisti si aspetta forti aumenti salariali. Le riforme fiscali del Presidente USA Donald Trump potrebbero rafforzare le pressioni inflazionistiche sulle retribuzioni, infatti si prevede che le imprese trasferiranno sui salari parte del beneficio derivante dalla riduzione delle imposte. I prezzi di vendita dei prodotti trovano minore slancio Nonostante laumento dei costi, la maggior parte degli analisti ritiene che linnalzamento dei prezzi da parte delle società non sarà superiore allinflazione dei prezzi al consumo (IPC). Sei analisti su dieci ritengono che i prezzi di vendita dei prodotti aumenteranno in linea con linflazione, fatta eccezione per le telecomunicazioni dove si prevede una crescita inferiore. Dato che in molti settori i margini sono vicini ai propri massimi, le società sono ben posizionate per assorbire parte della crescita dei costi. Questo contribuisce a spiegare perché meno di un analista su cinque, in particolare quelli del comparto materiali e di quello dellenergia, dichiara che le proprie società di riferimento probabilmente innalzeranno i prezzi oltre il tasso di inflazione. Cresce il potere di determinare i prezzi La maggior parte delle società sembra restia ad innalzare i prezzi, nonostante ciò aumenta il numero delle imprese, indipendentemente dai settori, che sono in grado di trasferire ai clienti il rialzo dei costi di produzione. La crescita dellinflazione permetterebbe le società di servizi finanziari e materiali di ampliare i margini. Per le imprese del settore dei prodotti industriali, secondo gli analisti di Fidelity International, invece, è molto probabile che un rialzo dellinflazione provocherebbe una compressione dei margini, mettendo fine a due decenni di ampliamento continuativo. Nonostante le aspettative secondo cui linflazione dovrebbe finalmente tornare a crescere, sono ancora in atto fattori deflazionistici: innovazione tecnologica, globalizzazione e esternalizzazione, che continuano a mantenere linflazione sotto controllo. Infatti gli analisti di Fidelity basati in Cina evidenziano come laumento dei costi salariali stia alimentando una corsa allautomazione e allinnovazione tecnologica nei settori della vecchia e della nuova economia, scelta dettata dalla paura di perdere il proprio vantaggio competitivo sulla scena globale. La scelta di mantenere i costi bassi fa sì che le imprese continuino a ricercare opportunità più convenienti per svolgere lattività manifatturiera e, dunque, il tema dellesternalizzazione rimane un elemento molto valido. Che cosè l’Analyst Survey La Analyst Survey è una valutazione previsionale che parte dall’analisi delle singole società, in tutti i settori e le regioni. Questa analisi è quindi concepita interamente secondo modalità di tipo bottom-up e si differenzia pertanto dalle consuete analisi macro-economiche effettuate con un approccio top-down. Gli analisti di Fidelity International partecipano ogni anno a oltre 16.000 incontri con le aziende in quali dialogano con CEO, CFO e Senior Management. Lindagine fornisce una misurazione complessiva del sentiment sulla base delle informazioni così raccolte ed un vero e proprio patrimonio di analisi proprietarie sulle società coperte. La ricerca consente al nostro team di identificare le tendenze al loro primo insorgere; nell’Analyst Survey le singole opinioni degli analisti vengono quindi armonizzate in una visione complessiva e articolata delle regioni e dei singoli settori basata su riscontri diretti delle società.

Nonostante l’aumento dei costi e dei salari nel corso del 2018, le società non reagiranno innalzando i prezzi. Questo grazie alla solidità dei margini. Questo è uno dei principali risultati emersi dalla Fidelity Analyst Survey 2018, l’annuale indagine di Fidelity sulla view dei propri analisti.

Segnali di una ripresa dell'inflazione di costi e salari

Quest'anno quasi due terzi dei analisti di Fidelity International prevedono un aumento dei costi di produzione, mentre l’anno scorso solo la metà aveva dato la stessa risposta.

Le aspettative di un aumento dei costi nel settore dei prodotti industriali, dell'energia e dei materiali sono i classici indicatori di una economia globale che si trova nella fase matura del suo ciclo.

Il 72% degli analisti prevede un incremento dei salari nei prossimi 12 mesi (contro il 64% dello scorso anno). L'aumento sarà complessivamente moderato, ad eccezione della regione EMEA/America Latina, dove un terzo degli analisti si aspetta "forti" aumenti salariali.

Le riforme fiscali del Presidente USA Donald Trump potrebbero rafforzare le pressioni inflazionistiche sulle retribuzioni, infatti si prevede che le imprese trasferiranno sui salari parte del beneficio derivante dalla riduzione delle imposte.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 1

I prezzi di vendita dei prodotti trovano minore slancio

Nonostante l'aumento dei costi, la maggior parte degli analisti ritiene che l'innalzamento dei prezzi da parte delle società non sarà superiore all'inflazione dei prezzi al consumo (IPC). Sei analisti su dieci ritengono che i prezzi di vendita dei prodotti aumenteranno in linea con l'inflazione, fatta eccezione per le telecomunicazioni dove si prevede una crescita inferiore.

Dato che in molti settori i margini sono vicini ai propri massimi, le società sono ben posizionate per assorbire parte della crescita dei costi. Questo contribuisce a spiegare perché meno di un analista su cinque, in particolare quelli del comparto materiali e di quello dell'energia, dichiara che le proprie società di riferimento probabilmente innalzeranno i prezzi oltre il tasso di inflazione.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 2

Cresce il potere di determinare i prezzi

La maggior parte delle società sembra restia ad innalzare i prezzi, nonostante ciò aumenta il numero delle imprese, indipendentemente dai settori, che sono in grado di trasferire ai clienti il rialzo dei costi di produzione.

La crescita dell'inflazione permetterebbe le società di servizi finanziari e materiali di ampliare i margini. Per le imprese del settore dei prodotti industriali, secondo gli analisti di Fidelity International, invece, è molto probabile che un rialzo dell'inflazione provocherebbe una compressione dei margini, mettendo fine a due decenni di ampliamento continuativo.

Nonostante le aspettative secondo cui l'inflazione dovrebbe finalmente tornare a crescere, sono ancora in atto fattori deflazionistici: innovazione tecnologica, globalizzazione e esternalizzazione, che continuano a mantenere l'inflazione sotto controllo.

Infatti gli analisti di Fidelity basati in Cina evidenziano come l'aumento dei costi salariali stia alimentando una corsa all'automazione e all'innovazione tecnologica nei settori della "vecchia" e della "nuova" economia, scelta dettata dalla paura di perdere il proprio vantaggio competitivo sulla scena globale. La scelta di mantenere i costi bassi fa sì che le imprese continuino a ricercare opportunità più convenienti per svolgere l'attività manifatturiera e, dunque, il tema dell'esternalizzazione rimane un elemento molto valido.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 3

Che cos'è l’Analyst Survey

La Analyst Survey è una valutazione previsionale che parte dall’analisi delle singole società, in tutti i settori e le regioni. Questa analisi è quindi concepita interamente secondo modalità di tipo bottom-up e si differenzia pertanto dalle consuete analisi macro-economiche effettuate con un approccio top-down.

Gli analisti di Fidelity International partecipano ogni anno a oltre 16.000 incontri con le aziende in quali dialogano con CEO, CFO e Senior Management. L'indagine fornisce una misurazione complessiva del sentiment sulla base delle informazioni così raccolte ed un vero e proprio patrimonio di analisi proprietarie sulle società coperte. La ricerca consente al nostro team di identificare le tendenze al loro primo insorgere; nell’Analyst Survey le singole opinioni degli analisti vengono quindi armonizzate in una visione complessiva e articolata delle regioni e dei singoli settori basata su riscontri diretti delle società.

Premi per ascoltare l'articolo!