Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  • Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Elezioni in Turchia, è giunto il momento di un cauto ottimismo?

    Le elezioni parlamentari e presidenziali turche si terranno domenica in un clima politico ed economico febbrile. Negli ultimi mesi, il Leggi
  • Fixed income - L’effetto farfalla

    Fixed income - L’effetto farfalla

    Nelle ultime settimane, abbiamo riscontrato un improvviso ritorno dell’avversione al rischio. Anche se i mercati internazionali non hanno particolarmente reagito Leggi
  • Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Debito emergente, dietro l’incertezza si nascondono fondamentali solidi

    Dopo un inizio d'anno molto positivo, i mercati emergenti stanno attirando l'attenzione per diversi motivi, soprattutto da aprile, quando i Leggi
  • Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Obbligazionario: alla ricerca del rendimento perduto, l’opzione CoCo bond

    Dopo la crisi finanziaria globale del 2008-09, le banche centrali hanno capito con chiarezza l’importanza di monitorare assiduamente la capacità Leggi
  • OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    OPEC: Tempo di ridurre i tagli alla produzione

    Allineamento di interessi tra Russia e Arabia Saudita Leggi
  • Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    Biotech e automotive trainano la crescita cinese

    La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina rimane continua ad essere un tema caldo. Entrambi i Paesi sembrano disponibili Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Partner

  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  •  

    Leggi
  • 1

Accade a Milano

  • 1

  • BMO: emergenza plastica

    BMO: emergenza plastica

    La plastica è una risorsa utile e preziosa ma l’inquinamento collegato al suo uso è distruttivo e, in definitiva, non

    Leggi
  • Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Mercato bond: se tutti sono “green”, chi lo è per davvero?

    Per la prima volta in otto anni, la Green Bonds Europe Conference ha ospitato quest’anno un segmento interamente dedicato all’inclusione

    Leggi
  • HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti “a bassa emissione di carbonio”

    HSBC Global Asset Management ha registrato in Italia di due comparti della HSBC Global Investment Funds che investono in titoli

    Leggi
  • Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam aggiunge i criteri ESG e Low Carbon al Shiller Barclays CAPE® Sector Value Strategy per un nuovo ETF

    Ossiam ha annunciato il lancio di un nuovo ETF: una versione basse missioni di carbonio, che integra i criteri ambientali,

    Leggi
  • Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    Presentata un'emissione obbligazionaria nell'eolico

    AGSM ha presentato la proposta di emissione obbligazionaria (Affi Bond) con la quale imprese e famiglie residenti nel comune potranno

    Leggi
  • Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Mercer European Asset Allocation Survey edizione XVI: sempre crescente attenzione ai fattori ESG

    Lo studio ha coinvolto 12 Paesi europei e oltre 900 portafogli istituzionali per un totale attività di oltre 1100 miliardi

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

  • Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati i coefficienti del contributivo

    Sono stati aggiornati secondo la periodicità stabilita i coefficienti di trasformazione che si applicano nel montante contributivo con il decreto

    Leggi
  • Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    Efficienza, inclusione previdenziale e welfare integrativo sono le parole chiave della Relazione Covip

    La Covip ha pubblicato la propria Relazione annuale in cui tratteggia l’andamento del mercato della previdenza complementare e formula alcune

    Leggi
  • State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors pubblica delle linee guida per un sistema pensionistico sostenibile a livello globale

    State Street Global Advisors ha pubblicato il suo ultimo libro bianco, intitolato Global Demographics & Retirement Implications. Lo studio ribadisce

    Leggi
  • Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Il possibile ritorno dell’opzione donna

    Nel contratto di programma definitivo di M5S e Lega nel capitolo pensioni vi è anche la “manifestazione di intenti” di

    Leggi
  • L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    L’evoluzione dei piani pensionistici a prestazione definita per definire modelli di pensionamento globali

    BlackRock ha pubblicato un nuovo studio sui progressi compiuti dai fondi pensione a prestazione definita nel contesto di due distinti

    Leggi
  • Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Riforma Fornero: l'ipotesi è quella di un ritorno al sistema delle quote

    Nella ipotesi in cui nascesse il Governo M5S-Lega il Koalitionensvertrag, il contratto di programma prevederà, così come è stato già

    Leggi
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 1
  • 2

  Premi per ascoltare l'articolo! Nonostante l’aumento dei costi e dei salari nel corso del 2018, le società non reagiranno innalzando i prezzi. Questo grazie alla solidità dei margini. Questo è uno dei principali risultati emersi dalla Fidelity Analyst Survey 2018, l’annuale indagine di Fidelity sulla view dei propri analisti. Segnali di una ripresa dellinflazione di costi e salari Questanno quasi due terzi dei analisti di Fidelity International prevedono un aumento dei costi di produzione, mentre l’anno scorso solo la metà aveva dato la stessa risposta. Le aspettative di un aumento dei costi nel settore dei prodotti industriali, dellenergia e dei materiali sono i classici indicatori di una economia globale che si trova nella fase matura del suo ciclo. Il 72% degli analisti prevede un incremento dei salari nei prossimi 12 mesi (contro il 64% dello scorso anno). Laumento sarà complessivamente moderato, ad eccezione della regione EMEA/America Latina, dove un terzo degli analisti si aspetta forti aumenti salariali. Le riforme fiscali del Presidente USA Donald Trump potrebbero rafforzare le pressioni inflazionistiche sulle retribuzioni, infatti si prevede che le imprese trasferiranno sui salari parte del beneficio derivante dalla riduzione delle imposte. I prezzi di vendita dei prodotti trovano minore slancio Nonostante laumento dei costi, la maggior parte degli analisti ritiene che linnalzamento dei prezzi da parte delle società non sarà superiore allinflazione dei prezzi al consumo (IPC). Sei analisti su dieci ritengono che i prezzi di vendita dei prodotti aumenteranno in linea con linflazione, fatta eccezione per le telecomunicazioni dove si prevede una crescita inferiore. Dato che in molti settori i margini sono vicini ai propri massimi, le società sono ben posizionate per assorbire parte della crescita dei costi. Questo contribuisce a spiegare perché meno di un analista su cinque, in particolare quelli del comparto materiali e di quello dellenergia, dichiara che le proprie società di riferimento probabilmente innalzeranno i prezzi oltre il tasso di inflazione. Cresce il potere di determinare i prezzi La maggior parte delle società sembra restia ad innalzare i prezzi, nonostante ciò aumenta il numero delle imprese, indipendentemente dai settori, che sono in grado di trasferire ai clienti il rialzo dei costi di produzione. La crescita dellinflazione permetterebbe le società di servizi finanziari e materiali di ampliare i margini. Per le imprese del settore dei prodotti industriali, secondo gli analisti di Fidelity International, invece, è molto probabile che un rialzo dellinflazione provocherebbe una compressione dei margini, mettendo fine a due decenni di ampliamento continuativo. Nonostante le aspettative secondo cui linflazione dovrebbe finalmente tornare a crescere, sono ancora in atto fattori deflazionistici: innovazione tecnologica, globalizzazione e esternalizzazione, che continuano a mantenere linflazione sotto controllo. Infatti gli analisti di Fidelity basati in Cina evidenziano come laumento dei costi salariali stia alimentando una corsa allautomazione e allinnovazione tecnologica nei settori della vecchia e della nuova economia, scelta dettata dalla paura di perdere il proprio vantaggio competitivo sulla scena globale. La scelta di mantenere i costi bassi fa sì che le imprese continuino a ricercare opportunità più convenienti per svolgere lattività manifatturiera e, dunque, il tema dellesternalizzazione rimane un elemento molto valido. Che cosè l’Analyst Survey La Analyst Survey è una valutazione previsionale che parte dall’analisi delle singole società, in tutti i settori e le regioni. Questa analisi è quindi concepita interamente secondo modalità di tipo bottom-up e si differenzia pertanto dalle consuete analisi macro-economiche effettuate con un approccio top-down. Gli analisti di Fidelity International partecipano ogni anno a oltre 16.000 incontri con le aziende in quali dialogano con CEO, CFO e Senior Management. Lindagine fornisce una misurazione complessiva del sentiment sulla base delle informazioni così raccolte ed un vero e proprio patrimonio di analisi proprietarie sulle società coperte. La ricerca consente al nostro team di identificare le tendenze al loro primo insorgere; nell’Analyst Survey le singole opinioni degli analisti vengono quindi armonizzate in una visione complessiva e articolata delle regioni e dei singoli settori basata su riscontri diretti delle società.

Nonostante l’aumento dei costi e dei salari nel corso del 2018, le società non reagiranno innalzando i prezzi. Questo grazie alla solidità dei margini. Questo è uno dei principali risultati emersi dalla Fidelity Analyst Survey 2018, l’annuale indagine di Fidelity sulla view dei propri analisti.

Segnali di una ripresa dell'inflazione di costi e salari

Quest'anno quasi due terzi dei analisti di Fidelity International prevedono un aumento dei costi di produzione, mentre l’anno scorso solo la metà aveva dato la stessa risposta.

Le aspettative di un aumento dei costi nel settore dei prodotti industriali, dell'energia e dei materiali sono i classici indicatori di una economia globale che si trova nella fase matura del suo ciclo.

Il 72% degli analisti prevede un incremento dei salari nei prossimi 12 mesi (contro il 64% dello scorso anno). L'aumento sarà complessivamente moderato, ad eccezione della regione EMEA/America Latina, dove un terzo degli analisti si aspetta "forti" aumenti salariali.

Le riforme fiscali del Presidente USA Donald Trump potrebbero rafforzare le pressioni inflazionistiche sulle retribuzioni, infatti si prevede che le imprese trasferiranno sui salari parte del beneficio derivante dalla riduzione delle imposte.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 1

I prezzi di vendita dei prodotti trovano minore slancio

Nonostante l'aumento dei costi, la maggior parte degli analisti ritiene che l'innalzamento dei prezzi da parte delle società non sarà superiore all'inflazione dei prezzi al consumo (IPC). Sei analisti su dieci ritengono che i prezzi di vendita dei prodotti aumenteranno in linea con l'inflazione, fatta eccezione per le telecomunicazioni dove si prevede una crescita inferiore.

Dato che in molti settori i margini sono vicini ai propri massimi, le società sono ben posizionate per assorbire parte della crescita dei costi. Questo contribuisce a spiegare perché meno di un analista su cinque, in particolare quelli del comparto materiali e di quello dell'energia, dichiara che le proprie società di riferimento probabilmente innalzeranno i prezzi oltre il tasso di inflazione.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 2

Cresce il potere di determinare i prezzi

La maggior parte delle società sembra restia ad innalzare i prezzi, nonostante ciò aumenta il numero delle imprese, indipendentemente dai settori, che sono in grado di trasferire ai clienti il rialzo dei costi di produzione.

La crescita dell'inflazione permetterebbe le società di servizi finanziari e materiali di ampliare i margini. Per le imprese del settore dei prodotti industriali, secondo gli analisti di Fidelity International, invece, è molto probabile che un rialzo dell'inflazione provocherebbe una compressione dei margini, mettendo fine a due decenni di ampliamento continuativo.

Nonostante le aspettative secondo cui l'inflazione dovrebbe finalmente tornare a crescere, sono ancora in atto fattori deflazionistici: innovazione tecnologica, globalizzazione e esternalizzazione, che continuano a mantenere l'inflazione sotto controllo.

Infatti gli analisti di Fidelity basati in Cina evidenziano come l'aumento dei costi salariali stia alimentando una corsa all'automazione e all'innovazione tecnologica nei settori della "vecchia" e della "nuova" economia, scelta dettata dalla paura di perdere il proprio vantaggio competitivo sulla scena globale. La scelta di mantenere i costi bassi fa sì che le imprese continuino a ricercare opportunità più convenienti per svolgere l'attività manifatturiera e, dunque, il tema dell'esternalizzazione rimane un elemento molto valido.

fidelity costi e salari aumenteranno nel corso dell anno ma i prezzi no 3

Che cos'è l’Analyst Survey

La Analyst Survey è una valutazione previsionale che parte dall’analisi delle singole società, in tutti i settori e le regioni. Questa analisi è quindi concepita interamente secondo modalità di tipo bottom-up e si differenzia pertanto dalle consuete analisi macro-economiche effettuate con un approccio top-down.

Gli analisti di Fidelity International partecipano ogni anno a oltre 16.000 incontri con le aziende in quali dialogano con CEO, CFO e Senior Management. L'indagine fornisce una misurazione complessiva del sentiment sulla base delle informazioni così raccolte ed un vero e proprio patrimonio di analisi proprietarie sulle società coperte. La ricerca consente al nostro team di identificare le tendenze al loro primo insorgere; nell’Analyst Survey le singole opinioni degli analisti vengono quindi armonizzate in una visione complessiva e articolata delle regioni e dei singoli settori basata su riscontri diretti delle società.

Il barometro dei portafogli

  • Company profile

    Natixis IM cmyk type black piccolo


    Natixis Investment Manager si pone al servizio di professionisti degli investimenti per costruire portafogli attraverso i metodi più intuitivi. Forti dell’esperienza globale di 26 gestori specializzati, applichiamo il modello Active

    Leggi
  • 1

Accade a Milano

  • Geneve to Milan 2018

    Dear friends, family and colleagues,

    In just over a week, a team of 10 amateur cyclists – and “amateur” is generous – and two support captains will,
    Leggi
  • Company profile

    IMIT è la prima Associazione Italiana che garantisce la qualificazione degli esperti che operano nel commercio con l’estero e nei processi di internazionalizzazione delle imprese, Leggi
  • Phil Sharp Biography

    Phil Sharp is one of Britain’s most successful offshore sailors of recent years. He has achieved top results in the toughest transatlantic races including The

    Leggi
  • Il progetto iFOODQ

    iFOODQ nasce dal desiderio di raccontare in modo moderno e innovativo la ricchezza dell’universo agroalimentare italiano, fatto di produzioni uniche e virtuose.

    Un progetto che

    Leggi
  • 1
Premi per ascoltare l'articolo!