Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Matteo Ramenghi (Chief Investment Officer UBS WM Italy): Non si può dire con certezza, ma sulla base delle informazioni disponibili le criptovalute ci sembrano una bolla speculativa Le criptovalute sono in circolazione da molti anni, ma nel 2017 hanno conosciuto un successo senza precedenti in termini di aumento del valore, diffusione e aumento di numero – ad oggi sono oltre 1000. Tra di esse, la più conosciuta è il Bitcoin, ma ve ne sono altre – tra le più note Ethereum, Litecoin, Dash Digital Cash. Come mostrato dal grafico di seguito, un Bitcoin valeva circa 1000 dollari all’inizio dello scorso anno e, dopo una salita vertiginosa, è arrivato a sfiorare i 19.000 dollari prima di crollare, perdendo oltre il 50%. Il Bitcoin ha, a nostro avviso, delle problematiche operative che gli impediscono di imporsi come moneta di scambio. Sarebbe tale se venisse utilizzato per effettuare transazioni e se fosse in grado di conservare il proprio valore. Non si tratta di ostacoli facili da superare. Una valuta tradizionale ha un vantaggio competitivo determinante: può essere utilizzata per pagare le tasse. Infatti, il pagamento delle imposte è la transazione che, cumulativamente, ha il maggior volume in un’economia. In teoria, una transazione potrebbe avvenire utilizzando criptovalute, ma dovrebbe poi essere convertita nella valuta utilizzata per pagare le imposte, lasciando a carico del venditore un importante rischio di cambio. Inoltre, trattandosi di valute non regolate e difficilmente monitorabili, non è facile comprendere la giurisdizione di una transazione, il che rende quasi impossibile effettuare le verifiche legate all’origine dei flussi monetari. Il secondo ruolo di una valuta è di conservare il proprio valore. Una moneta deve creare fiducia sul fatto che il proprio valore sia sufficientemente stabile. Per le valute tradizionali questo viene presidiato dalle banche centrali. Non è così per le criptovalute che, infatti, sono soggette a una volatilità molto superiore. Siamo quindi abbastanza scettici sul futuro delle criptovalute come mezzo di pagamento e riserva di valore. Tra l’altro, anche l’infrastruttura dei pagamenti sottostante (il blockchain) ha dei costi di gestione (e ambientali, per via dell’elevato consumo di energia) ben superiori all’attuale sistema dei pagamenti. Si tratta tuttavia di una tecnologia che potrebbe essere utile in altre applicazioni, per esempio nella ricerca scientifica. Tornando alle criptovalute, lo scorso anno molti entusiasti delle criptovalute sostenevano che si trattasse di un bene rifugio alternativo all’oro, per via del numero finito di unità che gli avrebbe dato proprietà difensive; alla prova dei fatti, ovvero con la correzione dei mercati delle ultime settimane, non si è certamente rivelato tale. Come spesso accade nelle bolle speculative, vi è un elemento di novità e una difficoltà a valutare un bene, in questo caso immateriale. Oggi non è possibile valutare le criptovalute da un punto di vista fondamentale ma, sulla base delle informazioni disponibili, le criptovalute ci sembrano una bolla speculativa. Matteo Ramenghi - Chief Investment Officer - UBS WM Italy

Matteo Ramenghi (Chief Investment Officer UBS WM Italy): "Non si può dire con certezza, ma sulla base delle informazioni disponibili le criptovalute ci sembrano una bolla speculativa"

Le criptovalute sono in circolazione da molti anni, ma nel 2017 hanno conosciuto un successo senza precedenti in termini di aumento del valore, diffusione e aumento di numero – ad oggi sono oltre 1000. Tra di esse, la più conosciuta è il Bitcoin, ma ve ne sono altre – tra le più note Ethereum, Litecoin, Dash Digital Cash.

Come mostrato dal grafico di seguito, un Bitcoin valeva circa 1000 dollari all’inizio dello scorso anno e, dopo una salita vertiginosa, è arrivato a sfiorare i 19.000 dollari prima di crollare, perdendo oltre il 50%.

Il Bitcoin ha, a nostro avviso, delle problematiche operative che gli impediscono di imporsi come moneta di scambio. Sarebbe tale se venisse utilizzato per effettuare transazioni e se fosse in grado di conservare il proprio valore. Non si tratta di ostacoli facili da superare.

Una valuta tradizionale ha un vantaggio competitivo determinante: può essere utilizzata per pagare le tasse. Infatti, il pagamento delle imposte è la transazione che, cumulativamente, ha il maggior volume in un’economia. In teoria, una transazione potrebbe avvenire utilizzando criptovalute, ma dovrebbe poi essere convertita nella valuta utilizzata per pagare le imposte, lasciando a carico del venditore un importante rischio di cambio.

Inoltre, trattandosi di valute non regolate e difficilmente monitorabili, non è facile comprendere la giurisdizione di una transazione, il che rende quasi impossibile effettuare le verifiche legate all’origine dei flussi monetari.

Il secondo ruolo di una valuta è di conservare il proprio valore. Una moneta deve creare fiducia sul fatto che il proprio valore sia sufficientemente stabile. Per le valute tradizionali questo viene presidiato dalle banche centrali. Non è così per le criptovalute che, infatti, sono soggette a una volatilità molto superiore.

Siamo quindi abbastanza scettici sul futuro delle criptovalute come mezzo di pagamento e riserva di valore. Tra l’altro, anche l’infrastruttura dei pagamenti sottostante (il blockchain) ha dei costi di gestione (e ambientali, per via dell’elevato consumo di energia) ben superiori all’attuale sistema dei pagamenti. Si tratta tuttavia di una tecnologia che potrebbe essere utile in altre applicazioni, per esempio nella ricerca scientifica.

Tornando alle criptovalute, lo scorso anno molti entusiasti delle criptovalute sostenevano che si trattasse di un bene rifugio alternativo all’oro, per via del numero finito di unità che gli avrebbe dato proprietà difensive; alla prova dei fatti, ovvero con la correzione dei mercati delle ultime settimane, non si è certamente rivelato tale.

Come spesso accade nelle bolle speculative, vi è un elemento di novità e una difficoltà a valutare un bene, in questo caso immateriale. Oggi non è possibile valutare le criptovalute da un punto di vista fondamentale ma, sulla base delle informazioni disponibili, le criptovalute ci sembrano una bolla speculativa.


Matteo Ramenghi - Chief Investment Officer - UBS WM Italy

Premi per ascoltare l'articolo!