Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

  Premi per ascoltare l'articolo! Candriam Investors Group ha ottenuto dai Principi per l’Investimento Responsabile delle Nazioni Unite (PRI) per il quarto anno consecutivo il punteggio massimo di A+ per il suo approccio SRI. Questo risultato riflette la costante dedizione di Candriam ad integrare i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) in tutti i processi di investimento. “Gli investimenti sostenibili e responsabili stanno catalizzando lattenzione di tutte le categorie di investitori in Italia e nel mondo. Da oltre 20 anni abbiamo posto l’SRI al centro delle nostre attività e siamo sempre più convinti che questo approccio sia di vitale importanza per massimizzare le performance a lungo termine delle attività che ci sono state affidate dai nostri clienti”, commenta Matthieu David, Head of Italian Branch di Candriam Investors Group. I firmatari dei PRI devono rispondere, per tutte le loro attività, a domande di ampio respiro su temi quali le modalità di sviluppo e promozione dell’investimento responsabile, linclusione dei rischi e delle opportunità legati al clima nelle proprie strategie, lintegrazione dei fattori ESG nei prodotti o nelle soluzioni di investimento, lattuazione dei diritti di voto e il dialogo con le società. I Principi per gli Investimenti Responsabili sono stati definiti dall’ex Segretario Generale delle Nazioni Uniti Kofi Annan nell’aprile del 2006, con l’obiettivo di aiutare gli investitori ad applicare concretamente i fattori ESG nei rispettivi processi decisionali. Nel giugno dello stesso anno Candriam è stato tra i primi gestori patrimoniali europei a firmare la carta PRI e da allora rinnova ogni anno il proprio impegno in questo ambito, offrendo ai propri clienti una vasta gamma di soluzioni SRI e integrando al tempo stesso sempre più i criteri ESG nei processi di investimento non SRI.

Candriam Investors Group ha ottenuto dai Principi per l’Investimento Responsabile delle Nazioni Unite (PRI) per il quarto anno consecutivo il punteggio massimo di A+ per il suo approccio SRI.

Questo risultato riflette la costante dedizione di Candriam ad integrare i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) in tutti i processi di investimento. “Gli investimenti sostenibili e responsabili stanno catalizzando l'attenzione di tutte le categorie di investitori in Italia e nel mondo. Da oltre 20 anni abbiamo posto l’SRI al centro delle nostre attività e siamo sempre più convinti che questo approccio sia di vitale importanza per massimizzare le performance a lungo termine delle attività che ci sono state affidate dai nostri clienti”, commenta Matthieu David, Head of Italian Branch di Candriam Investors Group.

I firmatari dei PRI devono rispondere, per tutte le loro attività, a domande di ampio respiro su temi quali le modalità di sviluppo e promozione dell’investimento responsabile, l'inclusione dei rischi e delle opportunità legati al clima nelle proprie strategie, l'integrazione dei fattori ESG nei prodotti o nelle soluzioni di investimento, l'attuazione dei diritti di voto e il dialogo con le società.

I Principi per gli Investimenti Responsabili sono stati definiti dall’ex Segretario Generale delle Nazioni Uniti Kofi Annan nell’aprile del 2006, con l’obiettivo di aiutare gli investitori ad applicare concretamente i fattori ESG nei rispettivi processi decisionali. Nel giugno dello stesso anno Candriam è stato tra i primi gestori patrimoniali europei a firmare la carta PRI e da allora rinnova ogni anno il proprio impegno in questo ambito, offrendo ai propri clienti una vasta gamma di soluzioni SRI e integrando al tempo stesso sempre più i criteri ESG nei processi di investimento non SRI.

Premi per ascoltare l'articolo!