Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9

  Premi per ascoltare l'articolo! Settembre tradizionalmente è un mese importante per le emissioni di bond tematici, non solo da parte di emittenti societari, ma anche di entità pubbliche e sovranazionali. Dopo la calma estiva, si preannuncia dunque un periodo autunnale denso di emissioni obbligazionarie tematiche per gli investitori globali. In queste prime settimane abbiamo visto numerose emissioni, sia Green, sia Social, sia Sustainable, in linea con le attese degli operatori, con un debutto importante: Cassa Depositi e Prestiti ha infatti lanciato il primo Sustainability bond di un emittente italiano. Più nel dettaglio, tra le principali emissioni tematiche da parte di entità pubbliche e sovranazionali, segnaliamo: Inter-American Development Bank. “Education, Youth, Employment” Bond: il programma di obbligazioni della principale banca di sviluppo dell’America Latina finanzierà progetti e comunità locali nei settori dell’istruzione, dell’inserimento nel mercato del lavoro e mentoring per i giovani, e per concludere per il supporto alla creazione di nuovi posti di lavoro nelle aree dove opera la banca (LatAm, Caribbean); Cassa Depositi e Prestiti. Sustainability Bond: la CDP torna sul mercato con una obbligazione tematica, che finanzierà infrastrutture e sviluppo urbano, istruzione, supporto alle PMI e progetti energetici sostenibili. Si tratta del primo Sustainability Bond emesso da un emittente italiano. I Sustainability Bonds si caratterizzano perché i proventi dei ricavi finanziano sia progetti ambientali (tipici dei Green Bond) che sociali (tipici dei Social Bond); Agence Française de Développement. Green and Climate Bond: l’istituzione per la crescita francese ha emesso un’obbligazione per finanziare progetti ambientali, legati alle energie rinnovabili e atti a proteggere l’ambiente. Non si tratta della prima emissione tematica di AFD, a dimostrazione del grande impegno dell’amministrazione francese alla lotta al cambiamento climatico; European Investment Bank. Sustainability Awareness Bond: dopo aver supportato la crescita del mercato dei Green Bond con il programma Climate Awareness Bond, la BEI ha emesso il primo bond del suo nuovo programma Sustainability Awareness Bond. L’obbligazione finanzierà progetti riguardanti il settore della gestione delle acque, della salute, del clima e dell’istruzione. La BEI rafforza la sua posizione tra i principali player nel campo delle obbligazioni tematiche. Gli investitori obbligazionari seguono poi con grande interesse le decisioni delle principali banche centrali mondiali. Negli Stati Uniti, il comitato della Federal Reserve di settembre confermerà il sentiero di rialzo graduale dei tassi, spostando l’attenzione sulle comunicazioni dalla Fed per ottobre, mese in cui potrebbero evidenziarsi due visioni sul percorso dell’economia statunitense, una più “dovish” e l’altra più “hawkish”. Non vi sono invece novità sul fronte della Banca Centrale Europea: gli acquisti netti di attività sono scesi da 30 a 15 miliardi al mese fino al dicembre 2018, mantenendo invariata la condizionalità sul proseguimento del programma. In Giappone, la Bank of Japan ha mantenuto invariata la propria politica monetaria, confermando le moderate stime di crescita dell’economia del Sol Levante.  Enrico Lo Giudice - Research Associate - Mainstreet Partners

Settembre tradizionalmente è un mese importante per le emissioni di bond tematici, non solo da parte di emittenti societari, ma anche di entità pubbliche e sovranazionali. Dopo la calma estiva, si preannuncia dunque un periodo autunnale denso di emissioni obbligazionarie tematiche per gli investitori globali.

In queste prime settimane abbiamo visto numerose emissioni, sia Green, sia Social, sia Sustainable, in linea con le attese degli operatori, con un debutto importante: Cassa Depositi e Prestiti ha infatti lanciato il primo Sustainability bond di un emittente italiano.

Più nel dettaglio, tra le principali emissioni tematiche da parte di entità pubbliche e sovranazionali, segnaliamo:

  • Inter-American Development Bank. “Education, Youth, Employment” Bond: il programma di obbligazioni della principale banca di sviluppo dell’America Latina finanzierà progetti e comunità locali nei settori dell’istruzione, dell’inserimento nel mercato del lavoro e mentoring per i giovani, e per concludere per il supporto alla creazione di nuovi posti di lavoro nelle aree dove opera la banca (LatAm, Caribbean);
  • Cassa Depositi e Prestiti. Sustainability Bond: la CDP torna sul mercato con una obbligazione tematica, che finanzierà infrastrutture e sviluppo urbano, istruzione, supporto alle PMI e progetti energetici sostenibili. Si tratta del primo Sustainability Bond emesso da un emittente italiano. I Sustainability Bonds si caratterizzano perché i proventi dei ricavi finanziano sia progetti ambientali (tipici dei Green Bond) che sociali (tipici dei Social Bond);
  • Agence Française de Développement. Green and Climate Bond: l’istituzione per la crescita francese ha emesso un’obbligazione per finanziare progetti ambientali, legati alle energie rinnovabili e atti a proteggere l’ambiente. Non si tratta della prima emissione tematica di AFD, a dimostrazione del grande impegno dell’amministrazione francese alla lotta al cambiamento climatico;
  • European Investment Bank. Sustainability Awareness Bond: dopo aver supportato la crescita del mercato dei Green Bond con il programma Climate Awareness Bond, la BEI ha emesso il primo bond del suo nuovo programma Sustainability Awareness Bond. L’obbligazione finanzierà progetti riguardanti il settore della gestione delle acque, della salute, del clima e dell’istruzione. La BEI rafforza la sua posizione tra i principali player nel campo delle obbligazioni tematiche.

Gli investitori obbligazionari seguono poi con grande interesse le decisioni delle principali banche centrali mondiali. Negli Stati Uniti, il comitato della Federal Reserve di settembre confermerà il sentiero di rialzo graduale dei tassi, spostando l’attenzione sulle comunicazioni dalla Fed per ottobre, mese in cui potrebbero evidenziarsi due visioni sul percorso dell’economia statunitense, una più “dovish” e l’altra più “hawkish”. Non vi sono invece novità sul fronte della Banca Centrale Europea: gli acquisti netti di attività sono scesi da 30 a 15 miliardi al mese fino al dicembre 2018, mantenendo invariata la condizionalità sul proseguimento del programma. In Giappone, la Bank of Japan ha mantenuto invariata la propria politica monetaria, confermando le moderate stime di crescita dell’economia del Sol Levante.


 Enrico Lo Giudice - Research Associate - Mainstreet Partners

Premi per ascoltare l'articolo!