Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! LOPEC ha un compito molto impegnativo di quadratura del cerchio. L’abbandono del gruppo da parte del Qatar è un problema, anche se non così significativo in termini relativi. La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC e rendono difficile comprendere il reale impatto delle nuove sanzioni contro l’Iran. In questo quadro per l’OPEC non sarà facile elaborare dati precisi sull’entità dell’approvvigionamento necessario per il 2019 a livello globale. La mancanza di chiarezza su questi temi costringerà l’OPEC a ridurre leggermente l’offerta e a lasciare aperta la possibilità di aumentare l’attività in un secondo momento. Il taglio sarà probabilmente di circa 500.000 barili al giorno, soprattutto dalla Russia e dallArabia Saudita, e si parla molto di monitorare i dati in entrata. Questo dovrebbe aiutare l’OPEC a raggiungere una fascia di prezzo di 60-70 dollari per il Brent e lasciare comunque margine per un aggiustamento in caso di un’offerta inferiore alle aspettative. La coalizione tra membri OPEC e non OPEC, costituita nel 2016, si trova tuttavia ad affrontare una sfida ancora più grande. I diversi stati avevano unito le proprie forze con un obiettivo specifico: cercare di bilanciare il mercato in una fase in cui la crescita di scorte di petrolio già elevate era insostenibile. I partecipanti alla coalizione sono riusciti in gran parte a gestire la problematica fino a che non è stata sostituita da una serie di nuove sfide. Le coalizioni restano in vita solo fino a che sono utili e sospetto che la sola soluzione per tenere unita questa sarà di trasformarla in un accordo più formale. Bob Minter - Investment Strategist - Aberdeen Standard Investments

L'OPEC ha un compito molto impegnativo di quadratura del cerchio. L’abbandono del gruppo da parte del Qatar è un problema, anche se non così significativo in termini relativi.

La questione più insidiosa è capire la portata delle politiche di Trump. Gli Stati Uniti hanno rinnovato la minaccia di varare una legge che permetterebbe loro di citare in giudizio l’OPEC e rendono difficile comprendere il reale impatto delle nuove sanzioni contro l’Iran.
In questo quadro per l’OPEC non sarà facile elaborare dati precisi sull’entità dell’approvvigionamento necessario per il 2019 a livello globale.

La mancanza di chiarezza su questi temi costringerà l’OPEC a ridurre leggermente l’offerta e a lasciare aperta la possibilità di aumentare l’attività in un secondo momento.

Il taglio sarà probabilmente di circa 500.000 barili al giorno, soprattutto dalla Russia e dall'Arabia Saudita, e si parla molto di monitorare i dati in entrata. Questo dovrebbe aiutare l’OPEC a raggiungere una fascia di prezzo di 60-70 dollari per il Brent e lasciare comunque margine per un aggiustamento in caso di un’offerta inferiore alle aspettative.

La coalizione tra membri OPEC e non OPEC, costituita nel 2016, si trova tuttavia ad affrontare una sfida ancora più grande. I diversi stati avevano unito le proprie forze con un obiettivo specifico: cercare di bilanciare il mercato in una fase in cui la crescita di scorte di petrolio già elevate era insostenibile. I partecipanti alla coalizione sono riusciti in gran parte a gestire la problematica fino a che non è stata sostituita da una serie di nuove sfide.
Le coalizioni restano in vita solo fino a che sono utili e sospetto che la sola soluzione per tenere unita questa sarà di trasformarla in un accordo più formale.


Bob Minter - Investment Strategist - Aberdeen Standard Investments

Market Quotes by TradingView
Premi per ascoltare l'articolo!