Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Il collocamento presso investitori istituzionali e qualificati sarà effettuato a partire dal 9 luglio, con il debutto su Aim Italia previsto entro l’estate. La Spac promossa da Marco Galateri, Vitaliano Borromeo e Giovanni Lega ha un obiettivo di raccolta di 50 milioni di euro e propone un progetto industriale per una Pmi italiana di eccellenza. Valorizzare le potenzialità di un’impresa del Made in Italy rafforzandone la competitività sul mercato globale. È questo l’obiettivo di TheSpac, la nuova Special Purpose Acquisition Company promossa dagli imprenditori Marco Galateri di Genola e Vitaliano Borromeo con l’avvocato Giovanni Lega, che oggi ha presentato presso Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e dei propri warrant su AIM Italia, prevista entro l’estate. Il collocamento presso Investitori istituzionali inizierà lunedì 9 luglio. TheSpac si propone di raccogliere 50 milioni di euro e si posiziona quindi come una SPAC di minori dimensioni rispetto al trend di mercato in Italia: questo le consentirà di guardare a potenziali target all’interno di una più ampia fascia di imprese del Paese. Basandosi su un approccio imprenditoriale, TheSpac promuove un progetto industriale rivolto a un’azienda target con un equity value pre-money compreso tra i 70 e i 200 milioni di euro: una Pmi italiana con una forte attitudine all’internazionalizzazione e un programma di espansione basato su piani di aggregazione strategica e/o di crescita organica, che potrà contare sui capitali raccolti da TheSpac e sul contributo dei promotori per competere con maggiore forza sui mercati internazionali generando valore a lungo termine. Il profilo dei tre promotori – che nel corso della carriera hanno contribuito a far crescere diverse aziende industriali – garantisce le giuste competenze imprenditoriali e manageriali e una conoscenza profonda del panorama economico del Paese. A ricoprire il ruolo di Presidente è Marco Galateri di Genola, ingegnere, presidente e azionista di riferimento di Sagittario S.p.A., holding di partecipazioni industriali. Nel corso della propria carriera ha gestito ed è stato azionista di società operanti prevalentemente nel settore degli impianti industriali, in particolare chimici e petrolchimici, su tutti i principali mercati mondiali. Vitaliano Borromeo, Vice Presidente, è imprenditore, presidente di diverse società italiane tra cui Flos S.p.A., leader nella produzione di lampade ed illuminazione di design, SAG S.r.l., società che opera nel campo del turismo e Milano 1919 S.r.l., impresa proprietaria del marchio Antonini, attiva nel settore della produzione di alta gioielleria. A completare il team dei promotori è il Consigliere Giovanni Lega, avvocato specializzato in operazioni di finanza straordinaria e di investimento, dal 2004 Managing Partner di LCA Studio Legale che ha fondato nel 1988. Membro di CdA di numerosi gruppi industriali, da una sua intuizione è nato il Blue Note di Milano, noto jazz club e ristorante dal 2014 quotato in Borsa. L’impegno dei promotori nel progetto è testimoniato anche dal loro investimento personale: del totale dei 10,1 milioni di euro investiti dai promotori nella SPAC (il 20% dell’obiettivo di raccolta), ben 8 milioni di euro saranno sottoscritti in azioni ordinarie, completamente allineate con gli investitori. Inoltre il lock-up sulle azioni derivanti dalla conversione di azioni speciali sarà di 18 mesi, superiore rispetto allo standard di mercato di 12 mesi: una scelta che attesta la visione a lungo termine del progetto. “TheSpac non nasce come semplice operazione finanziaria, ma come progetto di investimento industriale mirato alla creazione di valore a lungo termine”, ha commentato Marco Galateri, Presidente di TheSpac. “Grazie ai capitali raccolti e al contributo manageriale dei promotori, puntiamo a valorizzare il meglio che il Made in Italy ha da offrire. Investiremo in uno dei settori che abbiamo conosciuto nel corso delle nostre carriere per dare un supporto concreto alla crescita della società target, generando valore per l’azienda e gli azionisti”.

Il collocamento presso investitori istituzionali e qualificati sarà effettuato a partire dal 9 luglio, con il debutto su Aim Italia previsto entro l’estate.

La Spac promossa da Marco Galateri, Vitaliano Borromeo e Giovanni Lega ha un obiettivo di raccolta di 50 milioni di euro e propone un progetto industriale per una Pmi italiana di eccellenza.

Valorizzare le potenzialità di un’impresa del Made in Italy rafforzandone la competitività sul mercato globale. È questo l’obiettivo di TheSpac, la nuova Special Purpose Acquisition Company promossa dagli imprenditori Marco Galateri di Genola e Vitaliano Borromeo con l’avvocato Giovanni Lega, che oggi ha presentato presso Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e dei propri warrant su AIM Italia, prevista entro l’estate.

Il collocamento presso Investitori istituzionali inizierà lunedì 9 luglio. TheSpac si propone di raccogliere 50 milioni di euro e si posiziona quindi come una SPAC di minori dimensioni rispetto al trend di mercato in Italia: questo le consentirà di guardare a potenziali target all’interno di una più ampia fascia di imprese del Paese.

Basandosi su un approccio imprenditoriale, TheSpac promuove un progetto industriale rivolto a un’azienda target con un equity value pre-money compreso tra i 70 e i 200 milioni di euro: una Pmi italiana con una forte attitudine all’internazionalizzazione e un programma di espansione basato su piani di aggregazione strategica e/o di crescita organica, che potrà contare sui capitali raccolti da TheSpac e sul contributo dei promotori per competere con maggiore forza sui mercati internazionali generando valore a lungo termine.

Il profilo dei tre promotori – che nel corso della carriera hanno contribuito a far crescere diverse aziende industriali – garantisce le giuste competenze imprenditoriali e manageriali e una conoscenza profonda del panorama economico del Paese.

A ricoprire il ruolo di Presidente è Marco Galateri di Genola, ingegnere, presidente e azionista di riferimento di Sagittario S.p.A., holding di partecipazioni industriali. Nel corso della propria carriera ha gestito ed è stato azionista di società operanti prevalentemente nel settore degli impianti industriali, in particolare chimici e petrolchimici, su tutti i principali mercati mondiali.

Vitaliano Borromeo, Vice Presidente, è imprenditore, presidente di diverse società italiane tra cui Flos S.p.A., leader nella produzione di lampade ed illuminazione di design, SAG S.r.l., società che opera nel campo del turismo e Milano 1919 S.r.l., impresa proprietaria del marchio Antonini, attiva nel settore della produzione di alta gioielleria.

A completare il team dei promotori è il Consigliere Giovanni Lega, avvocato specializzato in operazioni di finanza straordinaria e di investimento, dal 2004 Managing Partner di LCA Studio Legale che ha fondato nel 1988. Membro di CdA di numerosi gruppi industriali, da una sua intuizione è nato il Blue Note di Milano, noto jazz club e ristorante dal 2014 quotato in Borsa.

L’impegno dei promotori nel progetto è testimoniato anche dal loro investimento personale: del totale dei 10,1 milioni di euro investiti dai promotori nella SPAC (il 20% dell’obiettivo di raccolta), ben 8 milioni di euro saranno sottoscritti in azioni ordinarie, completamente allineate con gli investitori. Inoltre il lock-up sulle azioni derivanti dalla conversione di azioni speciali sarà di 18 mesi, superiore rispetto allo standard di mercato di 12 mesi: una scelta che attesta la visione a lungo termine del progetto.

“TheSpac non nasce come semplice operazione finanziaria, ma come progetto di investimento industriale mirato alla creazione di valore a lungo termine”, ha commentato Marco Galateri, Presidente di TheSpac. “Grazie ai capitali raccolti e al contributo manageriale dei promotori, puntiamo a valorizzare il meglio che il Made in Italy ha da offrire. Investiremo in uno dei settori che abbiamo conosciuto nel corso delle nostre carriere per dare un supporto concreto alla crescita della società target, generando valore per l’azienda e gli azionisti”.

Premi per ascoltare l'articolo!