Premi per ascoltare l'articolo!

NEWS: Ora è possibile ascoltare i nostri contenuti cliccando sulla icona “audio"

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Nell’attuale contesto di bassi rendimenti, per cercare maggiori opportunità si devono accettare per maggiori rischi. La ricerca di rendimento, coniugata alla preservazione del patrimonio, è un’equazione sfidante per gli investitori. La più “vecchia” asset class, che offre un’esposizione ai mercati azionari con un profilo rischio rendimento asimmetrico, è costituita dalle obbligazioni convertibili e risale alla metà del 19esimo secolo.Mentre l’opzione di conversione offre un’esposizione azionaria, la componente obbligazionaria fornisce resilienza nelle fasi di downside quando i mercati azionari scendono (effetto paracadute). Pertanto nel lungo periodo le obbligazioni convertibili generano rendimenti comparabili alle azioni ma con una volatilità dimezzata. Attualmente la gamma di emittenti va dalle piccole e medie imprese fino alle grandi aziende internazionali, coprendo l’intero spettro del merito creditizio. Il mercato è caratterizzato da una diversificazione globale (regionale, in termini di settore e posizione nel ciclo economico…). Un terzo delle società componenti l’Euro Stoxx 50 in questo momento ha in circolazione proprie obbligazioni convertibili. Nell’attuale contesto economico, le obbligazioni convertibili sono interessanti per le seguenti 5 ragioni: Miglioramento del profilo rischio rendimento di un portafoglio diversificato: inserire obbligazioni convertibili in un portafoglio azionario, obbligazionario o bilanciato migliora lo sharp ratio Forte convessità: la sensitività azionaria è estremamente reattiva ai movimenti del mercato azionario. Aumenta nei mercati “bullish” (come spingere sull’acceleratore) e diminuisce nei periodi di discesa dei mercati azionari (agendo come un freno) Importante attività di emissione: il dinamismo del mercato primario europeo, sostenuto da emittenti “blue chip” assicura il “ricambio” dell’universo di investimento e contribuisce alla sua convessità complessiva Miglioramento del merito creditizio: il crescente numero di emittenti investment grade riafforza la qualità della componente obbligazionaria e di conseguenza la resilienza dell’universo di investimento in un contesto di stress di mercato Bassa duration: la bassa sensitività ai tassi di interesse, connaturata alle convertibili, offer una buona opportunità di diversificazione in un contesto di tassi di interesse crescenti Pierre Luc Charron - Head of Convertible Bonds - AMUNDI

Nell’attuale contesto di bassi rendimenti, per cercare maggiori opportunità si devono accettare per maggiori rischi. La ricerca di rendimento, coniugata alla preservazione del patrimonio, è un’equazione sfidante per gli investitori.

La più “vecchia” asset class, che offre un’esposizione ai mercati azionari con un profilo rischio rendimento asimmetrico, è costituita dalle obbligazioni convertibili e risale alla metà del 19esimo secolo.
Mentre l’opzione di conversione offre un’esposizione azionaria, la componente obbligazionaria fornisce resilienza nelle fasi di downside quando i mercati azionari scendono (effetto paracadute). Pertanto nel lungo periodo le obbligazioni convertibili generano rendimenti comparabili alle azioni ma con una volatilità dimezzata.

Attualmente la gamma di emittenti va dalle piccole e medie imprese fino alle grandi aziende internazionali, coprendo l’intero spettro del merito creditizio. Il mercato è caratterizzato da una diversificazione globale (regionale, in termini di settore e posizione nel ciclo economico…). Un terzo delle società componenti l’Euro Stoxx 50 in questo momento ha in circolazione proprie obbligazioni convertibili.

Nell’attuale contesto economico, le obbligazioni convertibili sono interessanti per le seguenti 5 ragioni:

  1. Miglioramento del profilo rischio rendimento di un portafoglio diversificato: inserire obbligazioni convertibili in un portafoglio azionario, obbligazionario o bilanciato migliora lo sharp ratio
  2. Forte convessità: la sensitività azionaria è estremamente reattiva ai movimenti del mercato azionario. Aumenta nei mercati “bullish” (come spingere sull’acceleratore) e diminuisce nei periodi di discesa dei mercati azionari (agendo come un freno)
  3. Importante attività di emissione: il dinamismo del mercato primario europeo, sostenuto da emittenti “blue chip” assicura il “ricambio” dell’universo di investimento e contribuisce alla sua convessità complessiva
  4. Miglioramento del merito creditizio: il crescente numero di emittenti investment grade riafforza la qualità della componente obbligazionaria e di conseguenza la resilienza dell’universo di investimento in un contesto di stress di mercato
  5. Bassa duration: la bassa sensitività ai tassi di interesse, connaturata alle convertibili, offer una buona opportunità di diversificazione in un contesto di tassi di interesse crescenti

Pierre Luc Charron - Head of Convertible Bonds - AMUNDI

Titoli più scambiati

Descrizione Valuta Chiusura
UCG TV CALL SUB 03MG25EUR101.8100
WIND TRE 3.125% CALL 20GE25EUR89.7100
UCG-FIX FLOAT 30GN23EUR100.4100
BTP 4.25% 01FB19EUR104.3600
ISP-TV SUB 30GN22EUR104.0100
UCG-FIX FLOAT 31AG24EUR100.0000
GENERALI-FIX FLOAT CALL SUB 08GN48EUR113.1800
OBLIGACIONES 2.9% 31OT46EUR105.7700
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 30DC20EUR97.0300
BANCO BPM - FIX FLOAT CAP 29GE21EUR97.0200
Premi per ascoltare l'articolo!