Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! La sfida più grande della nuova amministrazione sarà la generazione di entrate pubbliche non legate al petrolio. La Nigeria spende troppo delle sue entrate per sanare il debito (76% nel 2017). Investire in infrastrutture è fondamentale affinché il Paese possa intraprendere un percorso di crescita economica sostenibile. Sabato 16 febbraio 84 milioni di persone si recheranno alle urne per eleggere il Presidente e lAssemblea Nazionale del paese africano più popoloso ed economicamente più potente dellAfrica. Queste elezioni segneranno il ventesimo anniversario del ritorno della democrazia dalla fine del regime militare nel 1999. Mentre possiamo solo indovinare chi vincerà questo testa a testa, abbiamo ritenuto utile ricordare chi sono gli oppositori e quali sono le principali questioni in gioco. Il presidente in carica Muhammadu Buhari del Congresso di Tutti i Progressisti (APC) chiederà un secondo mandato quadriennale, mentre lex vicepresidente Atiku Abubakar del Partito Democratico Popolare (PDP) sarà il suo principale sfidante. Buhari è un Maggiore Generale dellesercito in pensione, coinvolto nella politica nigeriana dal primo colpo di stato del 1966, prima di servire come Capo di Stato dal 1983 al 1985. Si è candidato alle elezioni presidenziali del 2003, 2007 e 2011 prima di vincere nel 2015. Abubakar è anche veterano della politica nigeriana e un magnate degli affari che ha fatto una fortuna controversa con una società di logistica del petrolio e del gas fondata allinizio degli anni 80 mentre lavorava come doganiere al porto di Lagos. Dal 1999 al 2007 è stato vicepresidente della Nigeria e partner politico dellallora presidente Olusegun Obasanjo. La religione e letnia sono sempre stati fattori importanti nellequilibrio di potere della politica nigeriana. Ma poiché entrambi i candidati sono musulmani Fulani del nord con compagni di corsa provenienti dal sud cristiano del Paese, questo aspetto per fortuna non sarà un ostacolo. Questa volta le questioni chiave sono: la sicurezza, la corruzione e leconomia. Sicurezza: i principali rischi sono (a) laumento degli attacchi terroristici perpetrati dalla fazione statale islamica di Boko Haram nel nord-est, (b) la violenza settaria tra contadini e pastori nel Middle Belt e (c) la minaccia rappresentata dai militanti dei Niger Delta Avengers per le infrastrutture petrolifere nel sud Corruzione: purtroppo, la Nigeria è famosa per essere perennemente annoverata tra i paesi più corrotti del mondo. Il problema è endemico e si estende a tutto il tessuto sociale ed economico, riducendo drasticamente la produttività e il potenziale di crescita Economia: la Nigeria ha uneconomia relativamente ben diversificata, con un ampio settore dei servizi, unagricoltura ad alta intensità di manodopera e unindustria incentrata sugli idrocarburi. Mentre il petrolio rappresenta solo il 10% del PIL della Nigeria, esso rappresenta il 90% delle esportazioni del Paese e il 50% delle entrate del governo federale. Il problema è che circa tre quarti di queste entrate pubbliche sono spese per sanare il debito pubblico. Lincapacità del governo di mobilitare le entrate non petrolifere per il bilancio è una delle questioni più importanti che la futura amministrazione dovrà affrontare per investire nelle infrastrutture di cui ha tanto bisogno e migliorare la produttività nei settori non petroliferi. Solo così leconomia potrà essere avviata verso uno sviluppo sostenibile. Le elezioni del 16 febbraio Mentre le elezioni sono tipicamente - e ancor più in Africa - periodi di maggiore volatilità dei mercati, i partecipanti ai mercati finanziari tendono a favorire il presidente in carica. Ci si sente più sicuri a sostenere chi già si conosce. Daltra parte, lapproccio pro-business dello sfidante che sostiene un maggiore coinvolgimento con il FMI e un approccio più orientato al libero mercato sono chiaramente le carte vincenti. Per non parlare della salute precaria del presidente Buhari che lo costringe allestero per lunghi periodi. In generale, si potrebbe dire che la lotta alla corruzione profondamente radicata è mossa positivamente da un cambiamento di leadership. È comunque dubbio che un politico di lunga data come Abubakar possa portare quella proverbiale ventata d’aria fresca per combattere la corruzione. Per quanto riguarda la questione della sicurezza, le probabilità sono chiaramente assenti. Il bilancio finale sembra essere una linea sottile e lesatto modo in cui la moneta cadrà probabilmente non determinerà il destino dei mercati finanziari in futuro. Elezioni ragionevolmente libere ed eque e una transizione di potere senza violenza e senza intoppi sarebbero probabilmente il miglior risultato che i mercati possano desiderare, chiunque sarà il vincitore. Thierry Larose - Senior Portfolio Manager - Vontobel Asset ManagementCarl Vermassen - Senior Portfolio Manager - Vontobel Asset Management

La sfida più grande della nuova amministrazione sarà la generazione di entrate pubbliche non legate al petrolio. La Nigeria spende troppo delle sue entrate per sanare il debito (76% nel 2017). Investire in infrastrutture è fondamentale affinché il Paese possa intraprendere un percorso di crescita economica sostenibile.

Sabato 16 febbraio 84 milioni di persone si recheranno alle urne per eleggere il Presidente e l'Assemblea Nazionale del paese africano più popoloso ed economicamente più potente dell'Africa. Queste elezioni segneranno il ventesimo anniversario del ritorno della democrazia dalla fine del regime militare nel 1999. Mentre possiamo solo indovinare chi vincerà questo testa a testa, abbiamo ritenuto utile ricordare chi sono gli oppositori e quali sono le principali questioni in gioco.

Il presidente in carica Muhammadu Buhari del Congresso di Tutti i Progressisti (APC) chiederà un secondo mandato quadriennale, mentre l'ex vicepresidente Atiku Abubakar del Partito Democratico Popolare (PDP) sarà il suo principale sfidante.

Buhari è un Maggiore Generale dell'esercito in pensione, coinvolto nella politica nigeriana dal primo colpo di stato del 1966, prima di servire come Capo di Stato dal 1983 al 1985. Si è candidato alle elezioni presidenziali del 2003, 2007 e 2011 prima di vincere nel 2015. Abubakar è anche veterano della politica nigeriana e un magnate degli affari che ha fatto una fortuna controversa con una società di logistica del petrolio e del gas fondata all'inizio degli anni '80 mentre lavorava come doganiere al porto di Lagos. Dal 1999 al 2007 è stato vicepresidente della Nigeria e partner politico dell'allora presidente Olusegun Obasanjo.

La religione e l'etnia sono sempre stati fattori importanti nell'equilibrio di potere della politica nigeriana. Ma poiché entrambi i candidati sono musulmani Fulani del nord con compagni di corsa provenienti dal sud cristiano del Paese, questo aspetto per fortuna non sarà un ostacolo. Questa volta le questioni chiave sono: la sicurezza, la corruzione e l'economia.

  • Sicurezza: i principali rischi sono (a) l'aumento degli attacchi terroristici perpetrati dalla fazione statale islamica di Boko Haram nel nord-est, (b) la violenza settaria tra contadini e pastori nel Middle Belt e (c) la minaccia rappresentata dai militanti dei Niger Delta Avengers per le infrastrutture petrolifere nel sud
  • Corruzione: purtroppo, la Nigeria è famosa per essere perennemente annoverata tra i paesi più corrotti del mondo. Il problema è endemico e si estende a tutto il tessuto sociale ed economico, riducendo drasticamente la produttività e il potenziale di crescita
  • Economia: la Nigeria ha un'economia relativamente ben diversificata, con un ampio settore dei servizi, un'agricoltura ad alta intensità di manodopera e un'industria incentrata sugli idrocarburi. Mentre il petrolio rappresenta solo il 10% del PIL della Nigeria, esso rappresenta il 90% delle esportazioni del Paese e il 50% delle entrate del governo federale. Il problema è che circa tre quarti di queste entrate pubbliche sono spese per sanare il debito pubblico.

L'incapacità del governo di mobilitare le entrate non petrolifere per il bilancio è una delle questioni più importanti che la futura amministrazione dovrà affrontare per investire nelle infrastrutture di cui ha tanto bisogno e migliorare la produttività nei settori non petroliferi. Solo così l'economia potrà essere avviata verso uno sviluppo sostenibile.

Le elezioni del 16 febbraio

Mentre le elezioni sono tipicamente - e ancor più in Africa - periodi di maggiore volatilità dei mercati, i partecipanti ai mercati finanziari tendono a favorire il presidente in carica. Ci si sente più sicuri a sostenere chi già si conosce. D'altra parte, l'approccio pro-business dello sfidante che sostiene un maggiore coinvolgimento con il FMI e un approccio più orientato al libero mercato sono chiaramente le carte vincenti. Per non parlare della salute precaria del presidente Buhari che lo costringe all'estero per lunghi periodi. In generale, si potrebbe dire che la lotta alla corruzione profondamente radicata è mossa positivamente da un cambiamento di leadership. È comunque dubbio che un politico di lunga data come Abubakar possa portare quella proverbiale ventata d’aria fresca per combattere la corruzione. Per quanto riguarda la questione della sicurezza, le probabilità sono chiaramente assenti. Il bilancio finale sembra essere una linea sottile e l'esatto modo in cui la moneta cadrà probabilmente non determinerà il destino dei mercati finanziari in futuro.

Elezioni ragionevolmente libere ed eque e una transizione di potere senza violenza e senza intoppi sarebbero probabilmente il miglior risultato che i mercati possano desiderare, chiunque sarà il vincitore.


Thierry Larose - Senior Portfolio Manager - Vontobel Asset Management
Carl Vermassen - Senior Portfolio Manager - Vontobel Asset Management

Premi per ascoltare l'articolo!