Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Nonostante la decisione della BCE di lasciare i tassi di interesse invariati, i toni dell’annuncio odierno dell’istituto rappresentano un chiaro segnale della fine della politica di QE in Europa e gettano le basi per l’avvio di una nuova fase di normalizzazione a livello globale. Dopo l’iniziale rafforzamento delleuro e l’impennata degli yield europei legati alla decisione principale di mantenere i tassi invariati - scelta in un certo senso “da falco” - il mercato sta adesso digerendo i toni più moderati delle parole di Mario Draghi. Presto ci lasceremo alle spalle l’era delle politiche monetarie accomodanti, così come la bassissima volatilità che ha caratterizzato questi ultimi anni. Il ritmo con cui ciascuna banca normalizzerà la propria politica monetaria sarà l’elemento fondamentale per i rendimenti degli asset da quest’anno in poi. Crediamo ora più che mai nei vantaggi di unampia diversificazione e di una gestione dinamica del rischio. La diversificazione, infatti, consente alle soluzioni multi-asset di essere meno direzionali e legate al coefficiente beta, mentre la gestione dinamica del rischio permette a tali soluzioni di adattarsi e trarre beneficio da un incremento della volatilità, attenuando al tempo stesso le condizioni di mercato avverse. Olivier Marciot - Investment Manager del fondo Multi-Asset Navigator - Unigestion

Nonostante la decisione della BCE di lasciare i tassi di interesse invariati, i toni dell’annuncio odierno dell’istituto rappresentano un chiaro segnale della fine della politica di QE in Europa e gettano le basi per l’avvio di una nuova fase di normalizzazione a livello globale.

Dopo l’iniziale rafforzamento dell'euro e l’impennata degli yield europei legati alla decisione principale di mantenere i tassi invariati - scelta in un certo senso “da falco” - il mercato sta adesso digerendo i toni più moderati delle parole di Mario Draghi.

Presto ci lasceremo alle spalle l’era delle politiche monetarie accomodanti, così come la bassissima volatilità che ha caratterizzato questi ultimi anni. Il ritmo con cui ciascuna banca normalizzerà la propria politica monetaria sarà l’elemento fondamentale per i rendimenti degli asset da quest’anno in poi. Crediamo ora più che mai nei vantaggi di un'ampia diversificazione e di una gestione dinamica del rischio. La diversificazione, infatti, consente alle soluzioni multi-asset di essere meno direzionali e legate al coefficiente beta, mentre la gestione dinamica del rischio permette a tali soluzioni di adattarsi e trarre beneficio da un incremento della volatilità, attenuando al tempo stesso le condizioni di mercato avverse.


Olivier Marciot - Investment Manager del fondo Multi-Asset Navigator - Unigestion

Premi per ascoltare l'articolo!