Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Le ultime settimane e gli ultimi mesi sono stati frenetici per i commentatori della politica Usa e le elezioni di mid-term hanno dominato in maniera virtuale tutta la retorica. Le esperienze degli ultimi anni (il referendum dell’UE, le elezioni Usa del 2016 e le elezioni britanniche del 2017) hanno reiterato la futilità di prevedere e di attribuire troppo peso alle previsioni di un qualsiasi risultato specifico. Anche l’elettorato sembra essere più consapevole della possibilità di assistere a sorprese elettorali. Detto ciò, i risultati delle elezioni portano sempre con sé un significato per i mercati azionari. La vittoria del Partito Democratico (e il controllo della maggioranza) era largamente prevista e prezzata, e probabilmente sarà accolta dai mercati con un’alzata di spalle. È vero che i piani del Presidente Trump per un ulteriore taglio fiscale saranno probabilmente accantonati, ma una voce Democratica più importante a Capitol Hill aumenta la possibilità di giungere a uno stallo, risultato che spesso rappresenta un risultato positivo per i mercati azionari. La politica estera è notevolmente un’area in cui questo risultato non rappresenta un ostacolo per i poteri di Trump, che probabilmente continuerà a mostrare i muscoli in tale ambito. Il dollaro è sceso questa mattina, mentre i futures sui mercati azionari sono in rialzo. I mercati asiatici hanno chiuso leggermente in negativo nel corso della notte. All’avvicinarsi delle elezioni di mid-term, i portafogli gestiti dal team azionario di Merian Global Investors sono rimasti ben protetti. La nostra posizione lunga sul momentum ha sofferto durante il sell-off di ottobre e di conseguenza abbiamo ridotto questa esposizione. Il contesto economico prevalente al momento è incerto, se da un lato gli utili e i dati headline sulla crescita del Pil sembrano relativamente rosei, dall’altro la politica della Fed sta cambiando e la liquidità è stata ridotta. Continuiamo a ritenere che una visione cauta in questo contesto sia del tutto ragionevole. Ian Heslop - Head of Global Equities e gestore del fondo Merian North American Equity - Merian Global Investors

Le ultime settimane e gli ultimi mesi sono stati frenetici per i commentatori della politica Usa e le elezioni di mid-term hanno dominato in maniera virtuale tutta la retorica.

Le esperienze degli ultimi anni (il referendum dell’UE, le elezioni Usa del 2016 e le elezioni britanniche del 2017) hanno reiterato la futilità di prevedere e di attribuire troppo peso alle previsioni di un qualsiasi risultato specifico. Anche l’elettorato sembra essere più consapevole della possibilità di assistere a sorprese elettorali.

Detto ciò, i risultati delle elezioni portano sempre con sé un significato per i mercati azionari. La vittoria del Partito Democratico (e il controllo della maggioranza) era largamente prevista e prezzata, e probabilmente sarà accolta dai mercati con un’alzata di spalle. È vero che i piani del Presidente Trump per un ulteriore taglio fiscale saranno probabilmente accantonati, ma una voce Democratica più importante a Capitol Hill aumenta la possibilità di giungere a uno stallo, risultato che spesso rappresenta un risultato positivo per i mercati azionari. La politica estera è notevolmente un’area in cui questo risultato non rappresenta un ostacolo per i poteri di Trump, che probabilmente continuerà a mostrare i muscoli in tale ambito.

Il dollaro è sceso questa mattina, mentre i futures sui mercati azionari sono in rialzo. I mercati asiatici hanno chiuso leggermente in negativo nel corso della notte.

All’avvicinarsi delle elezioni di mid-term, i portafogli gestiti dal team azionario di Merian Global Investors sono rimasti ben protetti. La nostra posizione lunga sul momentum ha sofferto durante il sell-off di ottobre e di conseguenza abbiamo ridotto questa esposizione. Il contesto economico prevalente al momento è incerto, se da un lato gli utili e i dati headline sulla crescita del Pil sembrano relativamente rosei, dall’altro la politica della Fed sta cambiando e la liquidità è stata ridotta. Continuiamo a ritenere che una visione cauta in questo contesto sia del tutto ragionevole.


Ian Heslop - Head of Global Equities e gestore del fondo Merian North American Equity - Merian Global Investors

Premi per ascoltare l'articolo!