Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

News

Le condizioni macroeconomiche stanno rapidamente decelerando a livello globale e gli Stati Uniti non fanno eccezione

La politica accomodante e volta al compromesso, vista nella riunione della FED di ieri sera, è un altro chiaro segnale che le condizioni macroeconomiche stanno rapidamente decelerando a livello globale, con gli Stati Uniti che non fanno eccezione.

Il messaggio proveniente dal nostro Growth Nowcaster è chiaro ormai da alcune settimane: l'attività economica sta rallentando velocemente ed è al di sotto del potenziale in tutto il mondo. Le banche centrali hanno compiuto un’inversione di marcia e sono ora pronte ad allentare le condizioni monetarie per spezzare questa spirale discendente e ritardare il più possibile la fine di questo ciclo eccezionale.

Storicamente, le banche centrali non sono mai riuscite a contrastare le recessioni, e le loro azioni tendono di solito a coincidere con le contrazioni economiche.

Relativamente alle implicazioni per l’asset allocation, le conseguenze sono molteplici e possono essere riassunte così: fino ad ora gli asset rischiosi hanno vissuto un anno fantastico di crescita, sulla scia di aspettative di sostegno delle banche centrali e di valutazioni convenienti all’inizio dell'anno.

Ora, questo è stato incorporato nei prezzi, con l'aumento dell’equity growth premium e spread del credito che si aggirano intorno ai minimi decennali. Rimaniamo cauti e manteniamo elevate le coperture correnti del nostro portafoglio. D'altra parte, e contrariamente allo shock di correlazione dello scorso anno, i titoli di Stato dovrebbero rivelarsi utili per diversificare e proteggersi da una potenziale inversione della propensione al rischio. Infine, sosteniamo da tempo una posizione a breve in USD e il meeting di ieri sera potrebbe fungere da stimolo per un indebolimento a medio termine della moneta americana, in particolare contro le valute emergenti ad alto rendimento.


Olivier Marciot - Senior Portfolio Manager, Cross Asset Solutions - Unigestion

Cina, questa volta sarà diverso

Le prospettive dell’economia cinese per il 2019 e oltre ruotano intorno a due domande cruciali: Pechino lancerà un nuovo programma di stimolo che aiuti a contrastare il chiaro trend di rallentamento a cui stiamo assistendo? E, se sarà questo il caso, sarà abbastanza importante da avere un impatto significativo?

Leggi tutto...

L’impatto dell’operazione-trasparenza della UE sull’industria del risparmio gestito

Il recente via libera dell’Unione Europea alla riforma che imporrà agli asset manager di precisare se gli strumenti che vendono sul mercato sono in linea con gli standard ESG, doterà le istituzioni europee di una struttura trasparente per assicurare che gli investitori siano informati sull’impatto sociale e ambientale dei loro investimenti.

Leggi tutto...

Smarriti nel limbo della Brexit

Trentatré mesi dopo il referendum sulla Brexit, il Regno Unito rimane amaramente diviso sulle modalità dell’uscita dell’Unione Europea, ovvero il più grande blocco commerciale del mondo.

Leggi tutto...

Unigestion: le banche centrali non possono fermare il rallentamento economico, i prezzi degli asset dovranno adeguarsi

È passata una settimana da quando la BCE ha rivisto nettamente al ribasso le proprie previsioni di Pil e inflazione e manca una settimana alla prossima riunione della FED, dove ci aspettiamo un declassamento sia delle previsioni economiche che delle prospettive del Dot Plot.

Leggi tutto...

Premi per ascoltare l'articolo!