Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! La nostra vita quotidiana è ormai spesso scandita da scadenze, moltissime scadenze, tra bollette, rate e contratti, spesso è difficile riuscire a tenerle tutte a mente e può capitare che se ne dimentichi qualcuna. Tra tutte, l’assicurazione auto da rinnovare è una di quelle incombenze da adempiere assolutamente. Infatti, guidare con l’assicurazione auto scaduta è molto rischioso poiché si può incorrere in sanzioni pecuniarie salatissime e addirittura al sequestro del veicolo, oltre al fatto che in caso di sinistro si rischia di perdere qualsiasi garanzia di risarcimento. Fino a non molto tempo fa, per ricordarsi della scadenza bastava andare a vedere il contrassegno di assicurazione e leggere la data, ma oggi non è più così dato che non vige più l’obbligo di esporlo sul parabrezza. Al di là di questo, esistono comunque diversi modi per evitare di dimenticarsi di pagare alla scadenza del contratto. Molte compagnie assicurative tutelano il cliente accorrendo in aiuto e inviandogli degli avvisi tramite sms o email o app per ricordare la scadenza. In alternativa si può controllare il certificato di assicurazione in cui si possono trovare diversi dati utili che riguardano il veicolo e le caratteristiche dell’assicurazione stipulata. Se in ogni caso ci si ritrova con la polizza scaduta, è importante sapere che esiste un cosiddetto periodo di tolleranza della durata di 15 giorni che inizia immediatamente dopo la data di fine contratto. Anche se non è esplicitamente scritto, si tratta di un diritto che l’automobilista ha per legge. In questi 15 giorni, il contraente è ancora tutelato ma con delle limitazioni poiché non gode della copertura completa ma gli viene dato del tempo ulteriore per poter rimediare e pagare l’assicurazione prima che il contratto decada, senza incorrere nelle sanzioni, che possono andare dagli 840 ai 3000 euro. Un’altra informazione molto importante che conviene sapere è che, a partire dal 2013 non esiste più il tacito rinnovo, non è più necessario infatti dare la disdetta ma l’assicurazione termina in modo automatico al sopraggiungere della data indicata nel contratto. E se questo da un lato forse rende più facile dimenticarsi, è vero anche che una volta scaduta la polizza, non si è più vincolati a nessuna compagnia, pertanto si è liberi di cambiare polizza assicurativa e ciò apre la possibilità di scegliere una polizza più adatta alle nostre esigenze e che ci permetta di risparmiare. A questo punto, vediamo come è possibile risparmiare sulla stipula di una nuova polizza RCA: Il primo passo da compiere, una volta liberi da contratti o comunque quando si decide di cambiare, è quello di chiedere più preventivi a compagnie assicurative diverse, sia online che tradizionali, così da poter avere un quadro completo delle offerte e dei prezzi. Nel caso ci si rivolga a compagnie assicurative online la procedura è anche più semplice e permette di risparmiare molto tempo poiché è sufficiente inviare la richiesta sul web, e inoltre, non è nemmeno necessario presentare il proprio documento ma basta fornire i propri dati anagrafici. È importante inoltre compilare con molta cura i preventivi online, facendo attenzione a compilare i campi con alcune voci che abbassano di molto le cifre del calcolo della polizza RCA, ricordandosi, ad esempio, che la città in cui si risiede ha tuttora un ruolo molto importante sul calcolo del prezzo finale, così come l’età, la professione del contraente e i km annui percorsi. Un altro consiglio è quello di valutare bene quali coperture accessorie riteniamo necessarie avere nella nostra Rc Auto. Un’analisi accurata delle necessità reali permetterà di capire quali sono le coperture accessorie essenziali e quali superflue ed evitare così di pagare per cose di cui non abbiamo bisogno. Un altro aspetto da non sottovalutare è quello della modalità di pagamento che si sceglie per la propria assicurazione. Il pagamento annuale è sicuramente la scelta che permette di risparmiare di più, sono molte le compagnie che garantiscono sconti ulteriori a quei clienti che decidono di pagare in un’unica soluzione. Per risparmiare sul costo finale si può inoltre decidere di far istallare nella propria auto la scatola nera, un dispositivo elettronico che raccoglie tutti i dati relativi al veicolo e allo stile di guida del conducente permettendo alle compagnie di avere a disposizione tutte le informazioni necessarie, specialmente in caso di sinistro, così da evitare possibili tentativi di frode. Un ulteriore modo per risparmiare sulla polizza è quella di sfruttare tutti i vantaggi che ancora garantisce il Decreto Bersani. Tale Decreto, legge n°40/2007, assicura la possibilità ai cittadini di poter ereditare la classe di merito CU per un’auto sia nuova che usata a patto che il passaggio di proprietà e l’acquisto avvengano all’interno del nucleo di famiglia, permettendo così di risparmiare. Infine, nel caso si utilizzi l’auto soltanto per periodi di tempo limitato, si può scegliere di optare per polizze auto temporanee. Sono diverse oramai le compagnie che offrono delle coperture specifiche per quei contraenti che usano una determinata vettura per un periodo limitato di tempo, come ad esempio solo un paio di mesi.

La nostra vita quotidiana è ormai spesso scandita da scadenze, moltissime scadenze, tra bollette, rate e contratti, spesso è difficile riuscire a tenerle tutte a mente e può capitare che se ne dimentichi qualcuna. Tra tutte, l’assicurazione auto da rinnovare è una di quelle incombenze da adempiere assolutamente.

Infatti, guidare con l’assicurazione auto scaduta è molto rischioso poiché si può incorrere in sanzioni pecuniarie salatissime e addirittura al sequestro del veicolo, oltre al fatto che in caso di sinistro si rischia di perdere qualsiasi garanzia di risarcimento.

Fino a non molto tempo fa, per ricordarsi della scadenza bastava andare a vedere il contrassegno di assicurazione e leggere la data, ma oggi non è più così dato che non vige più l’obbligo di esporlo sul parabrezza.

Al di là di questo, esistono comunque diversi modi per evitare di dimenticarsi di pagare alla scadenza del contratto. Molte compagnie assicurative tutelano il cliente accorrendo in aiuto e inviandogli degli avvisi tramite sms o email o app per ricordare la scadenza. In alternativa si può controllare il certificato di assicurazione in cui si possono trovare diversi dati utili che riguardano il veicolo e le caratteristiche dell’assicurazione stipulata.

Se in ogni caso ci si ritrova con la polizza scaduta, è importante sapere che esiste un cosiddetto periodo di tolleranza della durata di 15 giorni che inizia immediatamente dopo la data di fine contratto. Anche se non è esplicitamente scritto, si tratta di un diritto che l’automobilista ha per legge. In questi 15 giorni, il contraente è ancora tutelato ma con delle limitazioni poiché non gode della copertura completa ma gli viene dato del tempo ulteriore per poter rimediare e pagare l’assicurazione prima che il contratto decada, senza incorrere nelle sanzioni, che possono andare dagli 840 ai 3000 euro.

Un’altra informazione molto importante che conviene sapere è che, a partire dal 2013 non esiste più il tacito rinnovo, non è più necessario infatti dare la disdetta ma l’assicurazione termina in modo automatico al sopraggiungere della data indicata nel contratto.

E se questo da un lato forse rende più facile dimenticarsi, è vero anche che una volta scaduta la polizza, non si è più vincolati a nessuna compagnia, pertanto si è liberi di cambiare polizza assicurativa e ciò apre la possibilità di scegliere una polizza più adatta alle nostre esigenze e che ci permetta di risparmiare.

A questo punto, vediamo come è possibile risparmiare sulla stipula di una nuova polizza RCA:

  • Il primo passo da compiere, una volta liberi da contratti o comunque quando si decide di cambiare, è quello di chiedere più preventivi a compagnie assicurative diverse, sia online che tradizionali, così da poter avere un quadro completo delle offerte e dei prezzi. Nel caso ci si rivolga a compagnie assicurative online la procedura è anche più semplice e permette di risparmiare molto tempo poiché è sufficiente inviare la richiesta sul web, e inoltre, non è nemmeno necessario presentare il proprio documento ma basta fornire i propri dati anagrafici.
  • È importante inoltre compilare con molta cura i preventivi online, facendo attenzione a compilare i campi con alcune voci che abbassano di molto le cifre del calcolo della polizza RCA, ricordandosi, ad esempio, che la città in cui si risiede ha tuttora un ruolo molto importante sul calcolo del prezzo finale, così come l’età, la professione del contraente e i km annui percorsi.
  • Un altro consiglio è quello di valutare bene quali coperture accessorie riteniamo necessarie avere nella nostra Rc Auto. Un’analisi accurata delle necessità reali permetterà di capire quali sono le coperture accessorie essenziali e quali superflue ed evitare così di pagare per cose di cui non abbiamo bisogno.
  • Un altro aspetto da non sottovalutare è quello della modalità di pagamento che si sceglie per la propria assicurazione. Il pagamento annuale è sicuramente la scelta che permette di risparmiare di più, sono molte le compagnie che garantiscono sconti ulteriori a quei clienti che decidono di pagare in un’unica soluzione.
  • Per risparmiare sul costo finale si può inoltre decidere di far istallare nella propria auto la scatola nera, un dispositivo elettronico che raccoglie tutti i dati relativi al veicolo e allo stile di guida del conducente permettendo alle compagnie di avere a disposizione tutte le informazioni necessarie, specialmente in caso di sinistro, così da evitare possibili tentativi di frode.
  • Un ulteriore modo per risparmiare sulla polizza è quella di sfruttare tutti i vantaggi che ancora garantisce il Decreto Bersani. Tale Decreto, legge n°40/2007, assicura la possibilità ai cittadini di poter ereditare la classe di merito CU per un’auto sia nuova che usata a patto che il passaggio di proprietà e l’acquisto avvengano all’interno del nucleo di famiglia, permettendo così di risparmiare.

Infine, nel caso si utilizzi l’auto soltanto per periodi di tempo limitato, si può scegliere di optare per polizze auto temporanee. Sono diverse oramai le compagnie che offrono delle coperture specifiche per quei contraenti che usano una determinata vettura per un periodo limitato di tempo, come ad esempio solo un paio di mesi.

Premi per ascoltare l'articolo!