Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! ITAS Assicurazioni annuncia la partnership con UniCredit sul nuovo sistema di pagamento virtuale applicato alle polizze: “Virtual Account”. Il Gruppo assicurativo trentino è tra i primi nel mercato ad utilizzare la soluzione che UniCredit ha realizzato per snellire i processi di pagamento, rendendoli più efficienti e sicuri.Nello specifico, con il Virtual Account, UniCredit ha creato una serie di codici Iban che ITAS ha legato alle singole polizze attraverso specifici algoritmi. Il pagamento dei premi potrà essere effettuato dai soci assicurati di ITAS tramite un normale bonifico su un codice Iban che contiene di fatto, oltre al numero di conto corrente della Compagnia, l’identificazione del numero di polizza dell’assicurato.Il nuovo progetto, già sperimentato, potrà rivoluzionare il sistema di gestione degli incassi dei premi assicurativi, consentendo di ridurre drasticamente i costi delle Agenzie per le attività di abbinamento dei pagamenti alle diverse polizze: il tutto sarà infatti automatizzato ed eseguito direttamente dalla Compagnia. Il Virtual Account è uno strumento innovativo che risponde alle direttive europee sul divieto di pagare in contanti le polizze, recependo il decreto che attua la Idd secondo cui i distributori possono incassare premi solo con mezzi di pagamento che assicurino la tracciabilità dell’operazione.L’aspetto innovativo del Virtual Account (lanciato inizialmente su alcune agenzie pilota ITAS) è stato notato anche a livello internazionale, tanto che in questi giorni a Londra riceve il “TMI Awards”, organizzato annualmente da Tresury Management International, che premia ogni anno i migliori progetti di innovazione ed eccellenza adottati nel settore bancario e assicurativo. Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

ITAS Assicurazioni annuncia la partnership con UniCredit sul nuovo sistema di pagamento virtuale applicato alle polizze: “Virtual Account”. Il Gruppo assicurativo trentino è tra i primi nel mercato ad utilizzare la soluzione che UniCredit ha realizzato per snellire i processi di pagamento, rendendoli più efficienti e sicuri.

Nello specifico, con il Virtual Account, UniCredit ha creato una serie di codici Iban che ITAS ha legato alle singole polizze attraverso specifici algoritmi. Il pagamento dei premi potrà essere effettuato dai soci assicurati di ITAS tramite un normale bonifico su un codice Iban che contiene di fatto, oltre al numero di conto corrente della Compagnia, l’identificazione del numero di polizza dell’assicurato.
Il nuovo progetto, già sperimentato, potrà rivoluzionare il sistema di gestione degli incassi dei premi assicurativi, consentendo di ridurre drasticamente i costi delle Agenzie per le attività di abbinamento dei pagamenti alle diverse polizze: il tutto sarà infatti automatizzato ed eseguito direttamente dalla Compagnia. Il Virtual Account è uno strumento innovativo che risponde alle direttive europee sul divieto di pagare in contanti le polizze, recependo il decreto che attua la Idd secondo cui i distributori possono incassare premi solo con mezzi di pagamento che assicurino la tracciabilità dell’operazione.

L’aspetto innovativo del Virtual Account (lanciato inizialmente su alcune agenzie pilota ITAS) è stato notato anche a livello internazionale, tanto che in questi giorni a Londra riceve il “TMI Awards”, organizzato annualmente da Tresury Management International, che premia ogni anno i migliori progetti di innovazione ed eccellenza adottati nel settore bancario e assicurativo.


Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Premi per ascoltare l'articolo!