Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! Cassa depositi e prestiti (CDP), Mediobanca SGR e Finint Investments SGR (Gruppo Banca Finint) hanno sottoscritto due emissioni obbligazionarie - per un importo complessivo di 30 milioni di euro - a sostegno dei piani di crescita di IMI FABI, gruppo leader nella produzione di minerali di talco. CDP ha sottoscritto il 50% dell’importo complessivo dell’emissione, per un valore di 15 milioni di euro. Le restanti quote sono state sottoscritte rispettivamente da Mediobanca SGR – attraverso Mediobanca Fondo per le Imprese 2.0 - per un valore di 10 milioni di euro, e da Finint Investments SGR - attraverso il Fondo PMI Italia II, il Fondo Finint Bond ed il mandato affidatole dal Fondo Pensione Solidarietà Veneto - per un valore di 5 milioni di euro. Le risorse raccolte grazie all’operazione saranno utilizzate a sostegno dei piani di sviluppo del Gruppo. In particolare, l’emissione andrà a supportare investimenti in ricerca, innovazione, efficienza energetica e tutela ambientale previsti nel piano industriale 2017-2025 del Gruppo IMI FABI. L’operazione è stata perfezionata mediante emissione di due titoli con le medesime caratteristiche in termini di struttura, rimborso amortising, scadenza dicembre 2024 e cedola del 5%. I titoli saranno quotati sul sistema multilaterale di negoziazione gestito da Borsa Italiana segmento professionale ExtraMot Pro. Il Gruppo IMI FABI, con oltre 150 milioni di euro di fatturato consolidato nel 2017, è leader nel settore della ricerca e coltivazione mineraria, e nella produzione e distribuzione di una vasta gamma di prodotti di talco industriale di alta qualità. Il Gruppo occupa oggi il primo posto a livello domestico e il secondo a livello globale e si compone di 10 società operative, di cui 4 in Europa, 2 in Asia, 2 in Nord America, 1 in Sud Ameria ed 1 in Australia, e può contare su 7 miniere. Il core business di IMI Fabi è principalmente impegnato nella produzione di minerali funzionali destinati a diversi settori industriali quali, ad esempio, quello dell’automobile, come modificante funzionale di molti componenti termoplastici, mentre il restante portafoglio prodotti mira a soddisfare le specifiche richieste dei diversi settori di utilizzo fra cui: carta, pittura, vernici e stucchi, edilizia, ceramiche, agricoltura, prodotti farmaceutici/cosmetici, etc. Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. ha assistito il Gruppo IMI FABI e i tre investitori in qualità di Sole Arranger dell’operazione. Con l’operazione, il Gruppo CDP conferma il proprio ruolo di catalizzatore di risorse a favore delle attività di innovazione e crescita anche grazie ad un’offerta integrata vicina alle esigenze delle aziende, con un focus specifico sulle medie imprese. Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Cassa depositi e prestiti (CDP), Mediobanca SGR e Finint Investments SGR (Gruppo Banca Finint) hanno sottoscritto due emissioni obbligazionarie - per un importo complessivo di 30 milioni di euro - a sostegno dei piani di crescita di IMI FABI, gruppo leader nella produzione di minerali di talco.

CDP ha sottoscritto il 50% dell’importo complessivo dell’emissione, per un valore di 15 milioni di euro. Le restanti quote sono state sottoscritte rispettivamente da Mediobanca SGR – attraverso Mediobanca Fondo per le Imprese 2.0 - per un valore di 10 milioni di euro, e da Finint Investments SGR - attraverso il Fondo PMI Italia II, il Fondo Finint Bond ed il mandato affidatole dal Fondo Pensione Solidarietà Veneto - per un valore di 5 milioni di euro.

Le risorse raccolte grazie all’operazione saranno utilizzate a sostegno dei piani di sviluppo del Gruppo.

In particolare, l’emissione andrà a supportare investimenti in ricerca, innovazione, efficienza energetica e tutela ambientale previsti nel piano industriale 2017-2025 del Gruppo IMI FABI.

L’operazione è stata perfezionata mediante emissione di due titoli con le medesime caratteristiche in termini di struttura, rimborso amortising, scadenza dicembre 2024 e cedola del 5%. I titoli saranno quotati sul sistema multilaterale di negoziazione gestito da Borsa Italiana segmento professionale ExtraMot Pro.

Il Gruppo IMI FABI, con oltre 150 milioni di euro di fatturato consolidato nel 2017, è leader nel settore della ricerca e coltivazione mineraria, e nella produzione e distribuzione di una vasta gamma di prodotti di talco industriale di alta qualità. Il Gruppo occupa oggi il primo posto a livello domestico e il secondo a livello globale e si compone di 10 società operative, di cui 4 in Europa, 2 in Asia, 2 in Nord America, 1 in Sud Ameria ed 1 in Australia, e può contare su 7 miniere.

Il core business di IMI Fabi è principalmente impegnato nella produzione di minerali funzionali destinati a diversi settori industriali quali, ad esempio, quello dell’automobile, come modificante funzionale di molti componenti termoplastici, mentre il restante portafoglio prodotti mira a soddisfare le specifiche richieste dei diversi settori di utilizzo fra cui: carta, pittura, vernici e stucchi, edilizia, ceramiche, agricoltura, prodotti farmaceutici/cosmetici, etc.

Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. ha assistito il Gruppo IMI FABI e i tre investitori in qualità di Sole Arranger dell’operazione.

Con l’operazione, il Gruppo CDP conferma il proprio ruolo di catalizzatore di risorse a favore delle attività di innovazione e crescita anche grazie ad un’offerta integrata vicina alle esigenze delle aziende, con un focus specifico sulle medie imprese.


Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Comunicati Stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.

Premi per ascoltare l'articolo!