Premi per ascoltare l'articolo!

Premi per aprire il sito LMF International

  Premi per ascoltare l'articolo! In un mondo che cambia alla velocità di un click, anche il settore dei finanziamenti e dei prestiti ha subito in questi ultimi anni la sua piccola rivoluzione, con l’ingresso in campo di un nuovo strumento di finanziamento sicuro, veloce e affidabile: il Lending Crowdfunding conosciuto anche come Social Lending. “Il Lending Crowdfunding è uno strumento attraverso cui una pluralità di soggetti può richiedere ad una pluralità di finanziatori, tramite piattaforme online, crediti e prestiti rimborsabili per finanziare un progetto.” (Bankitalia) Pur essendo uno strumento relativamente nuovo in Italia e nonostante sia stato regolato da circa solo due anni, il Lending Crowdfunding ha già raccolto e superato i 220 milioni di euro di prestiti erogati nel 2018 solo dai privati alle aziende e con un erogato complessivo che ha sfiorato il miliardo di euro in Italia (948,1 milioni di euro). Con queste cifre ci riferiamo al solo Lending Crowdfunding, da non confondere con il generico Crowdfunding. Facciamo un po’ di chiarezza a riguardo. Il crowdfunding è una modalità di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse e si avvale dell’aiuto di benefattori che scelgono di investire liberamente, ispirati dal progetto e dall’idea proposta. Si può dare del denaro e ottenere un omaggio o anche donare senza pretendere un ritorno economico, per puri scopi benefici. Si potrebbe cinicamente dire che si tratta di un investimento “a perdere”. Il Lending Crowdfunding, anche se viene fatto genericamente rientrare nella definizione di crowdfunding, ha sue peculiari caratteristiche che lo rendono una realtà fondamentalmente molto diversa. Anche in questo caso si opera attraverso una piattaforma e anche in questo caso l’imprenditore presenta un progetto. Nell’ambito del lending crowdfunding però, il finanziamento o il prestito, è effettuato a fronte di un interesse e del rimborso del capitale. Questa modalità di prestito sta occupando sempre più fette di mercato imponendosi come canale alternativo rispetto a banche, società finanziarie e altri istituti autorizzati. I 5 principali punti di forza del Lending Crowdfunding Ma quali sono i punti di forza che rendono il Lending Crowdfunding uno strumento finanziario così apprezzato sia dai prestatori che dagli investitori? Alla base del successo del Lending Crowdfunding, ci sono fondamentalmente cinque fattori: Autonomia: non è necessario nessun intermediario che si ponga tra il richiedente e il prestatore, l’intero processo è completato in piena autonomia attraverso la piattaforma. Riduzione ai minimi termini dei costi operativi: grazie all’utilizzo della piattaforma tutte le procedure sono estremamente semplificate e sono ridotti i tempi di attesa e, appunto, di intermediazione. Benefici sia per i richiedenti che per i prestatori: i tassi di interesse sono mediamente più favorevoli rispetto a quelli proposti dagli intermediari finanziari tradizionali. Interessi più alti sul prestito effettuato e rate meno proibitive per restituirlo. Semplicità e chiarezza: fai un prestito e ricevi ogni anno il rimborso della quota interessi, fino alla restituzione dell’intera quota capitale allo scadere del contratto. Più chiaro e facile di così! Alto rendimento e bassa volatilità: tutti i presti hanno un tasso d’interesse fisso che non presenta l’andamento altalenante di altri strumenti finanziari e il capitale non è soggetto ad alcuna perdita di valore. Grazie a queste fondamentali caratteristiche il Social Lending è quindi riuscito in pochi anni a ritagliarsi un ruolo importante in un mercato che è sempre stato di esclusiva competenza di banche e istituti di credito. È inoltre molto probabile che il suo spazio in questo settore crescerà enormemente nel prossimo futuro, data la sempre più ampia propensione delle banche, ormai per la maggior parte quotate in borsa, a puntare su titoli e investimenti finanziari piuttosto che sull’economia reale. Il Segnalatore di Pregio: come avvicinare gli investitori al Lending Crowdfunding I tempi sono quindi ormai maturi, come dimostra anche l’adeguamento della normativa legislativa e fiscale vigente. Il Lending Crowdfunding può davvero diventare lo strumento di prestiti e finanziamenti del secondo millennio. L’unico ostacolo ancora da superare è la scarsa conoscenza da parte di un pubblico che in quanto a settore finanziario è ancora legato agli strumenti tradizionali. È qui che entra in gioco una nuova figura, quella del Segnalatore di Pregio. Il Segnalatore di Pregio: chi è, cosa fa, come guadagna Il Segnalatore di Pregio è un professionista che svolge una propria attività che lo porta ad avere relazioni e contatti con soggetti potenzialmente interessati ad effettuare operazioni di investimento Segnalatore di Pregio: Milano 12 novembrein qualità di prestatori. Il suo compito è quello di segnalare ai potenziali prestatori le opportunità di investimento che la piattaforma, in questo caso The Social Lender, offre, descrivendone genericamente i pregi e le capacità. In poche parole, il Segnalatore di Pregio mette in relazione un potenziale investitore con la piattaforma, indirizzando il primo alla registrazione su quest’ultima. Non è quindi un intermediario, non è suo compito suggerire o imporre un progetto rispetto ad un altro. Al prestatore è lasciata sempre la massima autonomia e libertà decisionale. Il suo è più un lavoro di educazione informativa e di segnalazione. Dal canto suo il Segnalatore di Pregio riceverà una provvigione per ogni registrazione sulla piattaforma, un success fee per ogni prestito versato e un bonus mensile sul volume delle transazioni. Commercialisti, consulenti e promotori finanziari hanno quindi tra le mani una nuova e interessante possibile fonte di guadagno e un’ulteriore e diversa opportunità di investimento da suggerire ai loro clienti. The Social Lender ha organizzato un evento speciale per presentare al pubblico tutte le opportunità di guadagno della nuova figura del Segnalatore di Pregio. Il convegno si terrà lunedì 12 novembre, l’ingresso è GRATUITO previa registrazione e riservato a figure professionali quali Promotori Finanziari, Commercialisti e Consulenti Finanziari. Relatore del convegno sarà il CEO di The Social Lender Silvano Salandin. Per info e prenotazioni: https://bit.ly/2RlcqBy

In un mondo che cambia alla velocità di un click, anche il settore dei finanziamenti e dei prestiti ha subito in questi ultimi anni la sua piccola rivoluzione, con l’ingresso in campo di un nuovo strumento di finanziamento sicuro, veloce e affidabile: il Lending Crowdfunding conosciuto anche come Social Lending.

“Il Lending Crowdfunding è uno strumento attraverso cui una pluralità di soggetti può richiedere ad una pluralità di finanziatori, tramite piattaforme online, crediti e prestiti rimborsabili per finanziare un progetto.” (Bankitalia)

Pur essendo uno strumento relativamente nuovo in Italia e nonostante sia stato regolato da circa solo due anni, il Lending Crowdfunding ha già raccolto e superato i 220 milioni di euro di prestiti erogati nel 2018 solo dai privati alle aziende e con un erogato complessivo che ha sfiorato il miliardo di euro in Italia (948,1 milioni di euro).

Con queste cifre ci riferiamo al solo Lending Crowdfunding, da non confondere con il generico Crowdfunding.

Facciamo un po’ di chiarezza a riguardo.

Il crowdfunding è una modalità di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse e si avvale dell’aiuto di benefattori che scelgono di investire liberamente, ispirati dal progetto e dall’idea proposta. Si può dare del denaro e ottenere un omaggio o anche donare senza pretendere un ritorno economico, per puri scopi benefici. Si potrebbe cinicamente dire che si tratta di un investimento “a perdere”.

Il Lending Crowdfunding, anche se viene fatto genericamente rientrare nella definizione di crowdfunding, ha sue peculiari caratteristiche che lo rendono una realtà fondamentalmente molto diversa.

Anche in questo caso si opera attraverso una piattaforma e anche in questo caso l’imprenditore presenta un progetto.

Nell’ambito del lending crowdfunding però, il finanziamento o il prestito, è effettuato a fronte di un interesse e del rimborso del capitale.

Questa modalità di prestito sta occupando sempre più fette di mercato imponendosi come canale alternativo rispetto a banche, società finanziarie e altri istituti autorizzati.

I 5 principali punti di forza del Lending Crowdfunding

Ma quali sono i punti di forza che rendono il Lending Crowdfunding uno strumento finanziario così apprezzato sia dai prestatori che dagli investitori?

Alla base del successo del Lending Crowdfunding, ci sono fondamentalmente cinque fattori:

  1. Autonomia: non è necessario nessun intermediario che si ponga tra il richiedente e il prestatore, l’intero processo è completato in piena autonomia attraverso la piattaforma.
  2. Riduzione ai minimi termini dei costi operativi: grazie all’utilizzo della piattaforma tutte le procedure sono estremamente semplificate e sono ridotti i tempi di attesa e, appunto, di intermediazione.
  3. Benefici sia per i richiedenti che per i prestatori: i tassi di interesse sono mediamente più favorevoli rispetto a quelli proposti dagli intermediari finanziari tradizionali. Interessi più alti sul prestito effettuato e rate meno proibitive per restituirlo.
  4. Semplicità e chiarezza: fai un prestito e ricevi ogni anno il rimborso della quota interessi, fino alla restituzione dell’intera quota capitale allo scadere del contratto. Più chiaro e facile di così!
  5. Alto rendimento e bassa volatilità: tutti i presti hanno un tasso d’interesse fisso che non presenta l’andamento altalenante di altri strumenti finanziari e il capitale non è soggetto ad alcuna perdita di valore.

Grazie a queste fondamentali caratteristiche il Social Lending è quindi riuscito in pochi anni a ritagliarsi un ruolo importante in un mercato che è sempre stato di esclusiva competenza di banche e istituti di credito.

È inoltre molto probabile che il suo spazio in questo settore crescerà enormemente nel prossimo futuro, data la sempre più ampia propensione delle banche, ormai per la maggior parte quotate in borsa, a puntare su titoli e investimenti finanziari piuttosto che sull’economia reale.

Il Segnalatore di Pregio: come avvicinare gli investitori al Lending Crowdfunding

I tempi sono quindi ormai maturi, come dimostra anche l’adeguamento della normativa legislativa e fiscale vigente. Il Lending Crowdfunding può davvero diventare lo strumento di prestiti e finanziamenti del secondo millennio. L’unico ostacolo ancora da superare è la scarsa conoscenza da parte di un pubblico che in quanto a settore finanziario è ancora legato agli strumenti tradizionali.

È qui che entra in gioco una nuova figura, quella del Segnalatore di Pregio.

Il Segnalatore di Pregio: chi è, cosa fa, come guadagna

Il Segnalatore di Pregio è un professionista che svolge una propria attività che lo porta ad avere relazioni e contatti con soggetti potenzialmente interessati ad effettuare operazioni di investimento Segnalatore di Pregio: Milano 12 novembrein qualità di prestatori.

Il suo compito è quello di segnalare ai potenziali prestatori le opportunità di investimento che la piattaforma, in questo caso The Social Lender, offre, descrivendone genericamente i pregi e le capacità. In poche parole, il Segnalatore di Pregio mette in relazione un potenziale investitore con la piattaforma, indirizzando il primo alla registrazione su quest’ultima.

Non è quindi un intermediario, non è suo compito suggerire o imporre un progetto rispetto ad un altro. Al prestatore è lasciata sempre la massima autonomia e libertà decisionale. Il suo è più un lavoro di educazione informativa e di segnalazione.

Dal canto suo il Segnalatore di Pregio riceverà una provvigione per ogni registrazione sulla piattaforma, un success fee per ogni prestito versato e un bonus mensile sul volume delle transazioni.

Commercialisti, consulenti e promotori finanziari hanno quindi tra le mani una nuova e interessante possibile fonte di guadagno e un’ulteriore e diversa opportunità di investimento da suggerire ai loro clienti.

The Social Lender ha organizzato un evento speciale per presentare al pubblico tutte le opportunità di guadagno della nuova figura del Segnalatore di Pregio.

Il convegno si terrà lunedì 12 novembre, l’ingresso è GRATUITO previa registrazione e riservato a figure professionali quali Promotori Finanziari, Commercialisti e Consulenti Finanziari.

Relatore del convegno sarà il CEO di The Social Lender Silvano Salandin.

Per info e prenotazioni: https://bit.ly/2RlcqBy

Premi per ascoltare l'articolo!