Energie rinnovabili: chi sono i prosumer e perché il loro è un ruolo chiave?

-
- Advertising -

Le energie rinnovabili si stanno espandendo in tutta Europa, sostituendo gradualmente l’energia da combustibili fossili nella fornitura di elettricità, riscaldamento e trasporti. Creano nuove opportunità per i cittadini di diventare essi stessi produttori di energia e di contribuire attivamente alla transizione energetica.

Ciò è possibile, ad esempio, quando le famiglie e le imprese installano pannelli solari fotovoltaici sui loro tetti o quando i cittadini formano delle cooperative energetiche e costruiscono le proprie reti di teleriscaldamento.

- Advertising -

Questo tipo di partecipazione attiva da parte dei cittadini si chiama prosumption e le persone che si impegnano attivamente nel sistema energetico sono chiamate prosumers – un termine che cattura il concetto che questi cittadini sono sia produttori che consumatori.

La partecipazione attiva può anche assumere la forma di investimento. Investire nella transizione verso le energie rinnovabili e nelle tecnologie rinnovabili rende possibile contribuire a plasmare un futuro energetico non solo sostenibile, ma anche sicuro ed equo.

- Advertising -

La nostra visione si è cristallizzata quando, in collaborazione con il gruppo canadese di ricerca sulla sostenibilità “Sustainable Market Strategies”, o SMS, abbiamo lanciato il Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF per investire e cogliere le opportunità di crescita a lungo termine che si presentano nelle società quotate in borsa che possono trarre vantaggio dalla transizione e dall’ascesa delle energie rinnovabili.

Riteniamo che il piano in 10 punti dell’AIE per la decarbonizzazione dell’UE, pubblicato a marzo, il piano RepowerEU dell’UE, pubblicato a maggio, l’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, pubblicato a luglio, e il quadro di partecipazione dei cittadini alla transizione energetica dell’AEA, pubblicato il 1° settembre 2022, forniscano collettivamente un quadro per l’ambizioso piano dell’UE di costruire un’Europa resiliente e autoalimentata, libera dall’armamento geopolitico di beni e proprietà fondamentali.

I consumatori di tutta Europa possono adottare comportamenti non solo nella loro vita quotidiana che li aiutino a diventare sempre più prosumer, ma possono anche partecipare con il loro capitale per diventare sempre più attivisti.