Cambridge Mobile Telematics si espande in Italia

-
- Advertising -

Cambridge Mobile Telematics (CMT), il più grande fornitore di servizi telematici al mondo, punta sull’Italia e nomina Marco Amendolagine Head of Product e Valerio Castellana Sales Director.

Con oltre 15 anni di esperienza acquisita a livello internazionale, Marco Amendolagine è esperto nel settore IoT e insurtech, con competenze approfondite nello sviluppo di prodotti, gestione di progetti e erogazione di servizi. In precedenza, Marco ha ricoperto posizioni di leadership presso Octo Telematics e IMS, dove ha guidato lo sviluppo di prodotti e progetti strategici.

- Advertising -

Valerio Castellana ha più di 15 anni di esperienza nella gestione di progetti data-driven e soluzioni IoT nei settori assicurativo e automobilistico. Prima del suo ingresso in CMT, Valerio ha ricoperto ruoli di leadership in Swiss Re – Automotive & Mobility Solutions, dirigendo la business unit Commercial Auto. Ha inoltre lavorato in Vodafone Automotive, a capo della strategia di vendita e di sviluppo dei prodotti per soluzioni IoT in ambito assicurativo.

“CMT sta crescendo rapidamente in tutto il mondo, supportando i programmi telematici più di successo in cinque continenti, monitorando e proteggendo più di 12 milioni di conducenti ogni mese”, dichiaraWilliam Powers, co-founder e CEO di CMT. “L’Italia e l’Europa sono centrali per questa crescita e il nostro nuovo leadership team di prodotto e vendita sono fondamentali per risolvere le sfide che i conducenti, le compagnie assicurative e le aziende di mobilità affrontano nel paese, contribuendo a rendere le strade e i conducenti più sicuri”.

- Advertising -

L’importanza crescente della telematica digitale in Italia

La telematica digitale in Italia è oggi più importante che mai. Dal 2012, i premi assicurativi sono diminuiti del 40% , passando da 558 euro a 333 euro nel 2024. La frequenza e la gravità degli incidenti sono aumentate dopo la pandemia. La guida distratta è al centro di questo problema: nel 2020, oltre il 15% degli incidenti è stato causato da distrazioni, il 54% degli italiani ammette di utilizzare quotidianamente il telefono alla guida, mentre la guida distratta è una delle principali cause di incidenti stradali in Italia. Queste tendenze hanno spinto il combined ratio ben oltre quota 100, rendendo la fidelizzazione dei clienti più importante che mai per le assicurazioni auto in Italia.

Le compagnie assicurative italiane si sono a lungo affidate alla tecnologia della black box per contrastare tendenze negative come la cattiva gestione dei sinistri e la frode sistematica. Sebbene efficaci con specifici segmenti di clientela, le black box non sono progettate per far incrementare l’adozione digitale e migliorare l’engagement dei clienti. CMT integra le strategie digitali delle compagnie assicurative aiutandole a raggiungere tutti i segmenti di clientela con strumenti di prevenzione dei rischi, esperienze digitali, assistenza in caso di incidente e processi di gestione dei sinistri più efficienti.

La telematica digitale si basa su intuizioni derivanti dai dati dei sensori acquisiti tramite smartphone, dispositivi IoT leggeri, veicoli connessi e dispositivi di terze parti. La piattaforma DriveWell Fusion® di CMT utilizza tecniche avanzate di machine learning per classificare automaticamente le modalità di trasporto e identificare conducenti e passeggeri con il 97% di accuratezza. Compagnie assicurative e aziende di mobilità si affidano a CMT per migliorare l’acquisizione dei clienti, la selezione dei rischi, l’engagement e la fidelizzazione, nonché programmi di gestione dei sinistri e delle richieste di risarcimento.

Minore rischio, maggiore soddisfazione del cliente

La telematica digitale ha dimostrato di ridurre significativamente il rischio stradale. In uno studio condotto negli Stati Uniti su oltre 100.000 conducenti assicurati con polizze basate sull’utilizzo del veicolo (UBI), CMT ha osservato miglioramenti sostanziali nel tempo nei comportamenti alla guida. I conducenti a maggior rischio coinvolti nei programmi UBI hanno diminuito la guida distratta del 20%, l’eccesso di velocità del 27% e le frenate brusche del 9%, riducendo del 5,5% la probabilità di incidenti con lesioni fisiche. Ulteriori ricerche di CMT indicano che i conducenti coinvolti sono il 65% più sicuri, il 57% meno distratti e mostrano un tasso di fidelizzazione superiore del 76%. Inoltre, quando CMT rileva un incidente e invia i servizi di emergenza, i conducenti assegnano alla propria assicurazione un Net Promoter Score superiore del 95% rispetto alla media.