Baker Hughes annuncia un accordo per l’acquisizione della tecnologia di Compact Carbon Capture per accelerare la decarbonizzazione dell’industria

-

Baker Hughes (NYSE: BKR) ha annunciato oggi un accordo per l’acquisizione della tecnologia di Compact Carbon Capture (3C), società norvegese specializzata nello sviluppo di soluzioni tecnologiche all’avanguardia per la cattura della CO2. L’acquisizione conferma l’impegno strategico di Baker Hughes nel proporsi come attore di riferimento nella transizione energetica fornendo soluzioni all’avanguardia per la decarbonizzazione industriale.

Lo sviluppo di sistemi innovativi per la cattura della CO2 è una delle azioni necessarie per ridurne la concentrazione in atmosfera e rimane fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi globali di riduzione dei gas serra fissati dall’accordo di Parigi.

L’adozione di soluzioni avanzate per la cattura della CO2 è tra i percorsi di decarbonizzazione più praticabili sia per quanto riguarda l’azione su impianti esistenti che per i nuovi progetti di sviluppo industriale sostenibile. La tecnologia 3C può essere applicata infatti a varie fonti di emissioni di CO2 contribuendo così in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione delle aziende che scelgono di adottarla.

In particolare, la tecnologia 3C si differenzia dalle tradizionali soluzioni a base di solventi grazie all’utilizzo di letti rotanti anziché interni statici, rendendo il processo di cattura della CO2 piú efficiente. In questo modo, l’impianto di cattura risulta più compatto, modulare e caratterizzato da un costo di cattura per tonnellata potenzialmente piú competitivo rispetto alle soluzioni oggi disponibili. Le caratteristiche di compattezza e modularità di tali impianti rendono il processo di cattura della CO2 adattabile ad un’ampia gamma di applicazioni, comprese, ad esempio, le fonti di emissioni offshore.

Baker Hughes, con oltre 100 anni di esperienza nello sviluppo e fornitura di macchine rotanti e di soluzioni di processo modularizzate, è il partner ideale per accelerare lo sviluppo della tecnologia di 3C e renderla fruibile su scala commerciale per i propri clienti a livello globale.

“L’aggiunta di 3C al nostro portafoglio di tecnologie rientra nella strategia di Baker Hughes nel proporsi come partner tecnologico dei propri clienti per l’offerta di soluzioni di decarbonizzazione” ha dichiarato Lorenzo Simonelli, Presidente e CEO di Baker Hughes. “Questo accordo dimostra il nostro approccio strategico e la nostra volontà di investire nella transizione energetica, arricchendo e posizionando il nostro portafoglio per le nuove frontiere energetiche. Vediamo infatti un forte potenziale di crescita nelle attività di cattura di CO2, sia per le applicazioni industriali che per i progetti nel settore dell’oil & gas. Grazie alla tecnologia di 3C, possiamo sviluppare un percorso strutturato per fornire soluzioni di cattura di CO2 a costo per tonnellata più basso del settore”.

“La nostra tecnologia gioca un ruolo importante nella transizione energetica, e crediamo che questo accordo con Baker Hughes sia il passo giusto per crescere”, ha commentato Torleif Madsen, CEO di 3C. “Mentre ci concentriamo sulla nostra visione di lungo termine per sviluppare una tecnologia leader mondiale nel settore della cattura del CO2 , sfrutteremo il forte posizionamento di Baker Hughes nel settore energetico per espandere ulteriormente la nostra tecnologia, integrarla con le sue turbomacchine e soluzioni di processo all´avanguardia e allo stesso tempo accedendo a una base di clienti globale. Si tratta di un’opportunità immensa e siamo orgogliosi di entrare a far parte del team di Baker Hughes”.