Dott festeggia due anni di attività a Milano

-

Dott, tra i leader europei della micromobilità urbana, inaugura oggi, alla presenza delle Istituzioni e dei vertici aziendali, il nuovo polo operativo di 1.000 mq alle porte di Milano, il più grande del Sud Europa.

La nuova apertura fa parte di un piano di espansione avviato nel capoluogo lombardo, che ha visto l’introduzione di 1.500 ebike lo scorso dicembre e il rinnovo a giugno dei 750 monopattini con l’ultimo modello più all’avanguardia sul mercato, per un investimento totale pari a 3 milioni di euro. “Milano rappresenta per noi uno dei mercati principali a livello europeo. Per questo vogliamo continuare ad impegnarci per rendere la città sempre più a misura dei suoi cittadini, anziché delle auto private. I continui investimenti che abbiamo fatto e faremo, sono infatti volti a fornire un servizio ancor più affidabile ed efficiente, rendendo i nostri mezzi sempre disponibili dove e quanto ce n’è davvero bisogno.” – afferma Maxim Romain, founder di Dott.

A due anni dal lancio a Milano, Dott ha già raggiunto il traguardo dei 4 milioni di chilometri percorsi, permettendo di risparmiare circa 500 tonnellate di CO2 agli utenti che hanno scelto uno dei suoi mezzi in sharing, anziché viaggiare con un’auto privata. Da gennaio, e con l’introduzione della nuova flotta, gli utenti sono triplicati (290%) e i noleggi più che raddoppiati (260%), risultando essere anche sempre più lunghi, con una media di 2,4 km ed oltre 13 minuti per corsa. Da un’indagine condotta dall’operatore, risulta anche che il 60% degli intervistati usa il servizio perché ha più libertà di spostamento rispetto al mezzo privato. Circa il 30% degli utilizzatori abituali dichiara, difatti, di aver ridotto l’uso dell’automobile privata da quando circola con i mezzi in sharing di Dott, confermando quanto la micromobilità sia entrata a far parte delle abitudini di mobilità e della quotidianità dei milanesi.

Questa forte crescita ha, dunque, condotto l’azienda all’assunzione di nuovo personale e all’apertura di un nuovo centro operativo che sarà gestito da tecnici altamente specializzati nelle attività logistiche secondo l’approccio unico di Dott alla micromobilità: senza affidarsi a lavoratori della gig economy, la manutenzione e la logistica dei mezzi saranno effettuate internamente da dipendenti debitamente formati, che hanno un’esperienza di lunga data non solo del servizio, ma anche della città e delle sue esigenze. Questa scelta fa sì che vengano rispettati rigorosi standard e che si crei una vera e propria cultura della sicurezza, risultando in un servizio più affidabile per gli utenti.

Inoltre, nell’ambito dell’impegno di essere un’azienda carbon neutral, il team adotterà una flotta di cargo bike impiegate su più turni giornalieri per le attività di riposizionamento dei mezzi e di ricarica/sostituzione delle batterie, con conseguente riduzioni delle emissioni di CO2 e degli ingombri stradali. Già oggi, l’operatore ha ridotto le proprie emissioni del 48% rispetto al 2020, grazie al fatto che tutti i mezzi, sia quelli disponibili per l’utenza che quelli impiegati per le attività logistiche, sono ricaricati con sola energia green certificata proveniente da fonti 100% rinnovabili.

“La mobilità nelle grandi aree urbane è un sistema complesso – ha detto Arianna Censi, Assessora alla Mobilità del Comune di Milano – che deve tenere conto delle esigenze di spostamento, dei costi e della facilità di accesso ai mezzi. Lo sharing di monopattini ed ebike permette di muoversi in città senza utilizzare l’auto privata che, oltre ad essere causa di traffico e inquinamento, sta diventando anche sempre più dispendiosa. Un’offerta, come si veda anche dai dati presentati da Dott, che piace ai milanesi perché consente spostamenti veloci, senza emissioni inquinanti e garantisce la libertà di movimento”.

Andrea Giaretta, Regional General Manager Sud Europa di Dott, ha commentato così la novità: “L’apertura del nostro nuovo e più grande centro operativo del Sud Europa segna un nuovo capitolo per Dott a Milano. I continui investimenti che facciamo in città, tra personale dipendente, infrastrutture, tecnologie e mezzi all’avanguardia, dimostrano che siamo qua per restare: siamo diventati un fattore reale e duraturo dell’indotto della mobilità milanese e lombarda. E i numeri sempre in crescita che stiamo registrando ci confermano quanto, in soli due anni di attività, siamo diventati parte della quotidianità dei milanesi, aiutando le persone a spostarsi in modo sostenibile. Questa nuova base operativa ci permetterà di fornire un servizio ancor più di qualità e perciò più affidabile”.