J. SAFRA SARASIN: Una prospettiva ESG sull’industria mineraria

-
- Advertising -

La transizione verso un’economia decarbonizzata renderà inevitabile una maggiore dipendenza dal settore minerario. Allo stesso tempo, è innegabile che l’attività mineraria abbia un impatto sull’ambiente e sulla società. Le principali questioni ESG del settore minerario, come i rifiuti, l’acqua, le emissioni e i diritti umani, meritano uno sguardo più attento.

Rifiuti

I rifiuti delle miniere derivano dall’estrazione e dalla lavorazione di metalli e minerali. Comprendono materiali come il topsoil, che viene rimosso per accedere alle risorse minerarie, e gli scarti di lavorazione lasciati dopo l’estrazione del minerale. La ragione principale della grande quantità di rifiuti è la bassa concentrazione di metalli nel terreno o nella roccia. Ad esempio, attualmente l’oro viene estratto da minerali che contengono 0,5 grammi di oro per tonnellata. Ciò significa che anche una piccola quantità di minerale d’oro (valore monetario approssimativo al 6 dicembre 2023: 32,5 dollari) genera una tonnellata di rifiuti. A peggiorare le cose, il grado medio del minerale di rame estratto è diminuito dallo 0,9% (una tonnellata di minerale contenente 9 chilogrammi di rame) all’anno nel 2005 allo 0,7% nel 2019.27 Il declino è dovuto all’esaurimento delle risorse di grado superiore.

- Advertising -

L’acqua

L’attività estrattiva è ad alta intensità idrica e comporta seri rischi di contaminazione delle riserve idriche. Le varie fasi di lavorazione (separazione del minerale, raffreddamento delle perforazioni, macchinari di lavorazione e abbattimento delle polveri) richiedono grandi quantità di acqua. Per produrre una tonnellata di rame occorrono circa 90 metri cubi d’acqua, sufficienti a riempire 550 vasche da bagno domestiche.

Oltre il 50% delle miniere di litio e di rame si trova in aree con scarsità d’acqua, soprattutto in Cile e Perù. Occorrono due milioni di litri per produrre una tonnellata di litio. L’estrazione mineraria comporta rischi significativi di contaminazione a causa del drenaggio acido delle miniere, dello scarico delle acque reflue e dello smaltimento degli sterili. La salamoia di litio è stata collegata all’esaurimento delle falde acquifere e alla desertificazione delle aree aride, oltre che all’inquinamento delle acque dolci dovuto al mancato controllo delle sostanze chimiche tossiche durante la fase di lavorazione. L’impatto dell’estrazione mineraria sulle risorse idriche può anche trasformare le miniere in attività incagliate.

- Advertising -

Emissioni di gas a effetto serra

Complessivamente, il settore metallurgico ed estrattivo è responsabile del 10% delle emissioni globali di gas serra, di cui il 7% deriva dalla produzione di acciaio, il 2% dalla produzione di alluminio e il restante da altri metalli. La maggior parte dell’acciaio, circa il 71% a livello mondiale, viene prodotto con metodi di produzione primaria che utilizzano altiforni e forni a ossigeno di base, quattro volte più inquinanti dei forni elettrici ad arco utilizzati altrove,

Diritti umani

I progetti minerari hanno spesso conseguenze dannose per le comunità locali, come l’inquinamento, l’accesso all’acqua e i problemi legati ai diritti fondiari, oltre a un elevato numero di incidenti legati alla salute e alla sicurezza e a scarsi diritti occupazionali, compreso il lavoro forzato e minorile. Sebbene i diritti umani siano una questione importante per tutte le imprese minerarie, solo il 22% delle aziende ha assunto pubblicamente l’impegno di rispettare i diritti umani nel 2023. Inoltre, tra il 2018 e il settembre 2023, il Business and Human Rights Resource Centre ha monitorato 940 controversie nel settore minerario. Con l’introduzione di diverse nuove leggi sulla due diligence in materia di diritti umani, le aziende sono ora tenute ad affrontare sistematicamente i rischi legati ai diritti umani. Paesi come l’Australia, la Francia, il Regno Unito, i Paesi Bassi, la Germania, la Svizzera e l’Unione Europea hanno già implementato leggi in materia di imprese e diritti umani o sono in procinto di adottarle.

Tuttavia, il contesto normativo in molti Paesi produttori rimane debole. La Cina, la Repubblica Democratica del Congo e l’Indonesia sono i primi Paesi produttori rispettivamente di terre rare, cobalto e nichel, ma le operazioni in questi luoghi devono affrontare maggiori sfide per garantire la protezione dei diritti dei lavoratori a causa dei punteggi più bassi, secondo il World Justice Project. L’estrazione mineraria artigianale e su piccola scala (ASM), che rappresenta il 15% della produzione mineraria globale, è spesso associata a problemi di diritti umani, in particolare in relazione ai diritti dei lavoratori e al lavoro minorile. La crescente domanda di minerali strategici intensificherà la pressione sull’ASM e, di conseguenza, le questioni ambientali e sociali. Sebbene diverse iniziative abbiano cercato di formalizzare l’ASM, non esistono ancora buone pratiche consolidate.