News

Quali gli effetti delle sanzioni USA alla Russia?

Jacob Grapengiesser -

Nei giorni scorsi (precisamente il 6 aprile) gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo round di sanzioni nei confronti della Russia. Il periodo che è seguito è stato caratterizzato da sforzi per comprendere e interpretare le possibili conseguenze, da incontri con società e policy maker e da riposizionamenti e trading… Continua »


Primo trimestre 2018. Regna il caos: Commercio, Tecnologia e Treasury

Team Multi-Asset - M&G Investments -

A febbraio si è riaffacciata la volatilità, ma non il tipo di volatilità con cui avevamo fatto il callo per buona parte del periodo iniziato con la crisi finanziaria. Invece dei timori relativi alla crescita, questa volta a causare i declini dei mercati azionari a inizio febbraio sono state le pressioni… Continua »


Cina vs. USA: si incroceranno le spade?

Witold Bahrke -

Occhio per occhio, dente per dente. Chiaramente questo tipo di atteggiamento da parte della Cina ha colto i mercati di sorpresa nelle scorse settimane. Questo perché la bilancia commerciale pende decisamente a favore di Pechino, con le esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti che sono quattro volte superiori rispetto alle… Continua »


Meeting FMI / Banca Mondiale: sotto i riflettori le riforme fiscali

David Ross -

Alcune brevi riflessioni di David Ross, gestore del fondo World Equity Growth di La Financiere de l’Echiquier, che sta partecipando ai Meeting di Primavera FMI/Banca Mondiale Nel primo giorno di lavori, i meeting hanno ripreso un tema che è sempre stato sotto i riflettori nelle ultime riunioni, ossia la necessità… Continua »


A caccia di valore tra la volatilità dei mercati

Ashol Bhatia -

Agli inizi del 2018, uno dei nostri temi principali verteva sul probabile aumento della volatilità nei mercati finanziari. Da allora, gli shock subiti dal VIX, la minaccia di una guerra commerciale e l’amplificarsi delle oscillazioni quotidiane dei listini azionari sembrano tracciare un’evoluzione verso un contesto di mercato diverso rispetto a… Continua »


2018, crescita globale prossima al 4%. Nessun freno da dazi

Gero Jung -

È improbabile che le restrizioni commerciali decise di recente cambino il nostro scenario di base che prevede un’attività economica globale solida e in continua espansione oltre a una crescita globale prossima al 4%. Nel dettaglio, l’impatto diretto dei dazi stabiliti dall’amministrazione USA e dal governo cinese è solo di second’ordine.… Continua »


Stati Uniti e Cina, più parole che fatti?

Gilles Pradère -

A marzo, i mercati finanziari hanno registrato oscillazioni moderate, ma tipiche, di avversione al rischio. Le azioni hanno ceduto terreno, perdendo il 3-4% circa negli Stati Uniti, in Europa e nei paesi emergenti. Anche le obbligazioni high yield hanno accusato una lieve sottoperformance, mentre le controparti high grade hanno evidenziato… Continua »


Piuttosto che la geopolitica, sembra che siano le dinamiche della domanda e dell’offerta a spiegare cosa sta accadendo negli ultimi tempi sui mercati petroliferi

-

Piuttosto che la geopolitica, sembra che siano le dinamiche della domanda e dell’offerta a spiegare cosa sta accadendo negli ultimi tempi sui mercati petroliferi. Le tensioni geopolitiche stanno di nuovo salendo. Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio stanno aumentando. Una coincidenza? Il mercato petrolifero sta scontando un’ulteriore escalation delle… Continua »


Trump: tra distensione e nuove tensioni

Olivier De Berranger -

Parlando la settimana scorsa del «metodo Trump», a base di forzature mediatiche ed esagerazioni verbali cui fanno poi seguito considerazioni dai toni più moderati, eravamo giunti alla conclusione che il metodo – nonostante tutto – è negoziale. Ne abbiamo avuto la riprova la scorsa settimana osservando un Presidente americano di… Continua »


Moat investing: sovraperformare il mercato più ampio con i fondi indicizzati

Dominik Poiger -

Sovraperformare il mercato con i fondi indicizzati: una contraddizione in termini? Per nulla. Il fatto che la maggior parte dei fondi a gestione attiva sottoperformi i propri indici di riferimento nel lungo periodo non significa assolutamente che gli investitori debbano semplicemente seguire il mercato per conseguire i più elevati rendimenti… Continua »