News

Il protezionismo USA e la fiducia del mercato

Larry Hatheway -

Le recenti dimissioni di Gary Cohn, il consigliere economico di Trump, dimostrano come il rischio politico sia diventato più importante. La preoccupazione per gli investitori è la possibilità di un passaggio degli Stati Uniti da una posizione pro-impresa (tagli alle tasse, deregolamentazione) verso una più protezionistica. Tra i possibili sostituti… Continua »


Bank of England: commento di Lombard Odier IM

-

Come ampiamente atteso, la Bank of England (BoE) ha lasciato invariato il tasso di interesse allo 0,5%. Sia la dichiarazione che le minute confermato che i dati pubblicati dopo il Report sull’Inflazione di febbraio non hanno avuto un forte impatto sull’outlook della BoE nel medio termine e “sono stati ampiamente… Continua »


Commento di State Street sulla decisione di politica monetaria della Bank of England

-

A seguito del meeting odierno del Comitato per la Politica Monetaria (MPC) di Bank of England (BoE), Michael Metcalfe, responsabile globale macro strategy di State Street Global Markets, ha così commentato. Commento di Metcalfe: “Avendo già posto le basi con il report sull’inflazione di febbraio, il dissenso manifestato nel meeting… Continua »


La FED aumenta i tassi dello 0,25%

-

I gestori di Fidelity International, Nick Peters e Tim Foster commentano la decisione della banca centrale americana. Nick Peters, Gestore multi-asset di Fidelity International:La Fed ha votato all’unanimità a favore di un rialzo del 0,25% a marzo. In buona sostanza, il FOMC è ora equamente diviso fra tre e quattro… Continua »


Commento di State Street sul meeting FED

-

A seguito del meeting del Federal Open Market Committee (FOMC) della FED, Michael Metcalfe, responsabile globale macro strategy di State Street Global Market, Sophia Ferguson, senior portfolio manager active fixed income and currency di State Street Global Advisors, e Antoine Lesné, responsabile strategia e ricerca EMEA di SPDR ETFs, hanno… Continua »


Fed, Jerome Powell prudente al suo primo meeting

Mark Nash -

La Fed ha aumentato i tassi di 25 punti base, tuttavia i cambiamenti introdotti potrebbero essere meglio descritti in generale come “rumore di sottofondo”, dato che i dati leggermente più deboli hanno permesso al nuovo Presidente della Fed, Jerome Powell, di non assumersi troppi rischi nella sua prima decisione ufficiale.… Continua »


FED: commento di Lombard Odier IM

Charles St. Arnaud -

In linea con previsioni del mercato e di Lombard Odier IM, il Federal Open Market Committee (FOMC) ha alzato i tassi d’interesse di 25 punti base in un range dell’1,50-1,75%. Il tono utilizzato nella dichiarazione è stato relativamente rialzista, con il FOMC che ha riconosciuto il fatto che “negli ultimi… Continua »


Brexit: It’s the final countdown

-

A un anno dal via ufficiale alla Brexit, Hermes IM discute sui possibili scenari di questo conto alla rovescia finale. Saker Nusseibeh, Chief Executive Riguardo alla Brexit si è discusso molto dal punto di vista emotivo, ma poco rispetto ai fatti o alla logica. Il risultato è che la discussione… Continua »


Gli orsi hanno mangiato Riccioli d’oro?

David Eiswert -

Mentre il cambiamento di scenario è una certezza assoluta se si considera l’evoluzione dei cicli economici ed azionari, l’aumento della volatilità e la correzione dei mercati azionari globali di febbraio hanno mostrato ancora una volta quanto questi ultimi tendano a reagire alle inversioni di tendenza nel breve termine. In questo… Continua »


L’inflazione non deve far paura

Juan Valenzuela -

I timori verso un ritorno dell’inflazione hanno portato ad un rialzo consistente della volatilità all’inizio di quest’anno, ma niente paura, non c’è alcuna accelerazione in vista da parte delle Banche centrali. E’ alquanto improbabile, infatti, che l’indice dei prezzi al consumo registri un balzo talmente significativo da influenzare la rotta… Continua »