News

La crisi del governo britannico

Richard Flax -

Intorno alla Brexit si è scatenata una girandola di dimissioni che hanno messo in dubbio la stessa leadership di Theresa May. Le più rumorose sono state quelle di Boris Johnson (Ministro degli Esteri e demiurgo della Brexit) e di David Davis, vecchio conservatore capofila degli euroscettici, incaricato proprio di gestire… Continua »


Il prossimo rallentamento economico sarà il giudice di pace

Didier Saint-Georges -

L’arrivo al potere in Italia di una coalizione tra il M5S e la Lega ha messo in allarme i mercati finanziari a maggio. Dopo che è trapelata la notizia che negli scenari configurati dalla coalizione rientrava anche un progetto di uscita dall’euro è partita una raffica di colpi di scena… Continua »


Digitalizzazione e cloud i temi più interessanti nel tech

Mark Hawtin -

Il settore della tecnologia nel complesso sta attraversando un cambiamento epocale superando le attese di tutti, guidato da alcuni temi concentrati in particolar nei segmenti dell’immagazzinamento dati e del Software-as-a-Service (Software come servizio, o SaaS). Ques’tultimo ambito è in fase di accelerazione grazie all’avento di nuove tecnologie come ad esempio… Continua »


UBS AM, l’aumento della volatilità e l’incertezza geopolitica incrementano il rischio e creano nuove opportunità nel panorama globale degli investimenti

-

UBS Asset Management ha pubblicato il report “Panorama: mid-year” che evidenzia rischi e opportunità per tutte le asset class “Una nuova combinazione di tendenze di mercato sta incrementando sia rischi sia opportunità, costringendo gli investitori a lavorare di più per trovare rendimenti interessanti che siano risk-adjusted e ben bilanciati. I… Continua »


L’economia statunitense in stile Beep Beep

Patrick Zweifel, Steve Donzé -

Quando l’economia statunitense si rigira, ci sono scarse prospettive di una rete di sicurezza fiscale. E difficilmente anche l’azienda America verrà in soccorso. L’economia statunitense sta correndo a tutta birra verso il dirupo? La buona notizia è che se è davvero così, ci vorrà ancora del tempo: difficile che si… Continua »


La perdita di quote di mercato francesi in Africa alimenta i profitti di numerosi paesi europei, Cina e India

Coface -

Nel 2017, la Francia ha perso il proprio status di primo fornitore europeo del continente africano a beneficio della Germania. Mentre la bilancia commerciale rimane in eccedenza (ad eccezione del 2008 e 2012, quando i prezzi del petrolio hanno raggiunto massimi storici), dal 2000 le quote di mercato all’esportazione della… Continua »


Gli squilibri commerciali a livello globale

DWS Asset Management -

Nel recente dibattito sul commercio globale, gli Stati Uniti sono sembrati piuttosto isolati. Tuttavia, potrebbero contare su alcuni potenti alleati. E non stiamo parlando di Mosca. A livello di commercio globale, la Russia è piuttosto piccola, quando si parla di transazioni delle partite correnti. Le partite correnti sono costituite dalle… Continua »


Italia: incertezza estiva

Alessandro Tentori -

Continua il periodo di incertezza sui mercati Italiani, nonostante una stabilizzazione dei fondamentali economici dopo un rallentamento nella prima metà dell’anno. Facciamo il punto della situazione prima della “pausa estiva”. Il sentiment generale sui mercati Italiani è peggiorato sensibilmente nel secondo trimestre a seguito di un marcato – e per… Continua »


Politiche espansive incentivano la crescita USA

Darrell Spence, Jared Franz -

L’economia USA, dopo una maratona di espansione lunga nove anni, potrebbe aver trovato quest’anno nuove energie. Grazie ai tagli alle tasse di fine 2017 e all’aumento della spesa federale approvata a febbraio, l’economia del Paese sembra aver trovato nuove forze proprio quando la lunga fase di ripresa seguita alla crisi… Continua »


Columbia Threadneedle, guerra commerciale e potenziali effetti

Krishan Selva -

L’impatto delle tariffe del 25% imposte dagli Stati Uniti su $ 50 miliardi di importazioni dalla Cina (introdotte dal 6 luglio) potrebbe essere quello di ridurre la crescita del PIL cinese dello 0,1%, sarebbe quindi piuttosto irrilevante. La recente retorica su ulteriori $ 200 miliardi, così come i commenti di… Continua »