Lista delle priorità per il Labour in UK. I cittadini si aspettano progressi reali sul clima

-
- Advertising -

“Le imprese vogliono chiarezza, stabilità, impegno e risultati da parte del governo eletto” scrive Eliot Whittington (Università di Cambridge)

Ma c’è ancora una notevole incertezza su cosa significherà per il Regno Unito il cambiamento climatico e lo sviluppo dell’economia verde. Naturalmente, l’incertezza è inerente a qualsiasi cambiamento, ma è stata una caratteristica ricorrente di questa campagna elettorale il fatto che i principali partiti, sia laburisti sia conservatori, non hanno davvero definito il modo in cui stabiliranno le priorità e affronteranno quella che è innegabilmente un’agenda impegnativa. per qualsiasi governo.

- Advertising -

È quindi utile fare il punto sui piani verdi del prossimo governo e sul livello di impegno che sarà manifestato, nonché sull’accoglienza che potrebbero ricevere. Sappiamo che questi temi, e in particolare la riforma energetica, sono in cima alla lista delle priorità per il Labour. Great British Energy e la promessa di decarbonizzare l’energia elettrica del Regno Unito costituiscono una delle cinque “missioni” chiave del partito. Lo stesso Keir Starmer, sebbene meno schierato, sembra entusiasta e genuino nel suo impegno su questi temi.

E sappiamo che gran parte della coalizione di elettori che ha portato i laburisti al governo si aspetta e chiede di vedere progressi reali nell’azione per il clima. La pressione sul partito laburista affinché agisca dall’interno e dall’esterno è reale e considerevole. Ma anche il Partito conservatore ha la sua parte di ambientalisti impegnati e, come mostrano i sondaggi del Conservative Environment Network e di altri, c’è una significativa maggioranza di sostegno alla protezione ambientale tra gli elettori conservatori. Tuttavia, nonostante ciò, i risultati sono stati discontinui, con notevoli successi e fallimenti, sia in base agli obiettivi climatici, sia anche in base agli obiettivi che il governo si è prefissato. Sotto la guida di Rishi Sunak, questa performance discontinua si è trasformata in una netta mancanza di leadership.

- Advertising -

I postumi finanziari della pandemia, un’economia che languisce con una produttività stagnante, servizi pubblici sottofinanziati e in rovina, la polarizzazione della politica nazionale e globale, la rivoluzione dell’intelligenza artificiale che ha sconvolto i modelli economici precedenti, il conflitto ai confini dell’Europa, la disuguaglianza e l’inflazione hanno messo il Paese in difficoltà finanziarie sempre più disperate.

La visibilità relativamente limitata sulle scelte difficili e sui compromessi che il governo entrante si appresta a proporre significa che ci sono anche interrogativi su come eventuali nuovi piani e azioni verranno accolti dal pubblico più ampio. C’è un desiderio tangibile di cambiamento, ma un entusiasmo relativamente limitato per il Labour. Quanta pazienza ha il Paese per gli investimenti iniziali e le decisioni che potrebbero richiedere tempo per essere ripagati?

Un’altra cosa che non è chiara è la forma delle pressioni politiche da parte dell’opposizione. Sappiamo che questa campagna ha visto un forte aumento del sostegno a Reform UK – un partito che si è allontanato dal consenso mainstream per opporsi all’azione per il clima – anche se è ancora da dimostrare quanta stabilità e sostanza tale sostegno sia ancora da dimostrare. Altri partiti, come i Verdi e i Liberal Democratici, spingeranno il governo a essere più ambizioso – ma come agirà il Partito conservatore? Una lunga tradizione di conservazione e ambientalismo all’interno del Partito conservatore, apprezzata da molti dei suoi sostenitori, sembra in pericolo.

Questo livello di volatilità e incertezza mette a disagio le imprese. C’è un’enorme quantità di sostegno alle imprese e di voglia di investire nello sviluppo dell’economia verde del Regno Unito. Ma se il governo sarà confuso e inefficace respingendo questo sostegno, renderà più difficile per le imprese avere la fiducia necessaria.