Il retail europeo sta finalmente superando il Covid

-

Il settore della vendita al dettaglio in Europa è stato scosso dal Covid, ma abbiamo buone ragioni per credere che si stia stabilizzando, aiutando le economie europee nel secondo semestre del 2023, insieme a un settore dei servizi in crescita.

0%. Secondo i dati recentemente pubblicati per il mese di maggio 2023, le vendite al dettaglio in Germania sono cresciute esattamente dello 0% in termini reali dall’ultimo mese pre-Covid, febbraio 2020 [1]. In termini nominali, invece, grazie all’inflazione, le vendite sono cresciute di molto, ben il 17%. Ma questo non significa che i consumatori stiano ottenendo di più: la quantità di beni ricevuti è rimasta invariata. Eppure, questa situazione non sembra aver preoccupato troppo il consumatore tedesco. In 15 dei 42 anni dal 1980, le vendite al dettaglio sono diminuite in termini reali rispetto alla media dell’anno precedente. Alla luce di ciò, è quasi positivo che le vendite al dettaglio tedesche si stiano nuovamente stabilizzando, come mostra il nostro Grafico della Settimana.

Bisogna anche considerare il forte calo delle vendite al consumo rispetto ai massimi precedenti durante gli anni del Covid. Il grafico da solo non offre motivi sufficienti per affermare che la stabilizzazione della Germania sarà duratura. Ma ce lo aspettiamo, per un semplice motivo: mentre l’inflazione, soprattutto dei beni, è già in calo, molti lavoratori iniziano solo ora a godere dei salari più alti negoziati negli ultimi mesi. Ciò significa che molti di loro dovrebbero godere di un aumento del loro potere d’acquisto reale nei prossimi mesi. Non solo in Germania, ma anche in altre parti d’Europa.

Il grafico mostra anche quanto le dinamiche di acquisto differiscano all’interno dell’Europa, sia per le divergenze nella gravità dei crolli dovuti al Covid, sia per le misure di sostegno adottate dai governi negli anni successivi. Anche le diverse strutture economiche potrebbero essere state un fattore. La Spagna, certamente, combina entrambe le cose: ha sofferto in modo sproporzionato le conseguenze dirette e indirette del Covid a causa del ruolo che gioca il turismo nella sua economia, ma ora sta anche beneficiando dalla rinata voglia di viaggiare degli europei. Questa spinta si riflette non solo nel settore del commercio al dettaglio, ma anche in altri segmenti di consumo, in particolare nei servizi, dove continuiamo a prevedere una ripresa più forte rispetto al commercio al dettaglio. In Europa nel suo complesso i consumi privati dovrebbero riportare la crescita nei prossimi trimestri.

[1] Maggio 2023 rispetto a febbraio 2020, vendite al dettaglio ex auto e ricambi auto.