Schneider Electric: costanti progressi verso gli obiettivi di sostenibilità del 2025

-

Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, ha annunciato oggi i risultati del suo programma di sostenibilità per il secondo trimestre del 2022.

L’indice Schneider Sustainability Impact (SSI) ha raggiunto i 4,17 punti su dieci: in linea per raggiungere l’obiettivo fissato per fine anno 2022, che è di 4,70 punti. Questo indice misura le prestazioni di Schneider Electric sulle metriche ESG, che riguardano l’ambiente, la società e la governance. Si misurano in dettaglio i progressi fatti per ognuno degli obiettivi locali e globali di sostenibilità legati agli impegni a lungo termine relativi al clima, all’uso delle risorse, alla fiducia, le pari opportunità, le nuove generazioni, le comunità locali.

La pubblicazione dei risultati dell’indice coincide oggi con l’Earth Overshoot Day, la data che segna il momento in cui si iniziano a consumare più risorse di quante la Terra ne possa recuperare. Il fatto che nel 2022 questo evento cada un giorno prima rispetto all’anno scorso è un duro richiamo alla necessità di affrontare con urgenza l’impatto negativo dell’umanità sul nostro pianeta.

“Il pianeta sta letteralmente bruciando. Dobbiamo prendere atto della realtà che abbiamo davanti e continuare ad accelerare i nostri sforzi per la sostenibilità” ha dichiarato Gwenaelle Avice-Huet, Chief Strategy and Sustainability Officer di Schneider Electric. “Siamo una impact company perché siamo convinti di poterci aiutare l’un l’altro con la tecnologia, la collaborazione e con relazioni basate sulla fiducia. Per progredire con il nostro programma Sustainability Impact non dobbiamo solo rispettare dei criteri ESG, dobbiamo coinvolgere tutto il nostro ecosistema di dipendenti, clienti, fornitori, partner e lavorare per andare avanti insieme”.

Sostenibilità: iniziative in evidenza per il secondo trimestre del 2022

  • Le soluzioni EcoStruxureTM di Schneider Electric hanno aiutato clienti e fornitori a fare significativi progressi nella decarbonizzazione e a ridurre le loro emissioni di CO2 di 318 milioni di tonnellate dal 2018 ad oggi. In giugno, Schneider Electric e Hitachi Energy hanno stretto un accordo per collaborare sullo sviluppo di soluzioni per l’elettricità pulita nell’abito delle rinnovabili, dei data center, del settore estrattivo e altri settori industriali.
  • Schneider Electric ha appena ampliato il suo impegno per la biodiversità ponendosi l’obiettivo di arrivare a usare solo legname non proveniente da deforestazione, in tutta la sua operatività e nella sua supply chain, entro il 2030.
  • Schneider Electric ha portato a un ulteriore 1,1 milioni di persone accesso a fonti di energia pulita nel secondo trimestre del 2022; in totale, sono oltre 6,4 milioni le persone cui è stata data questa possibilità a partire da gennaio 2021.
  • Nel 2022, l’82% dei dipendenti di Schneider Electric hanno dichiarato di sentirsi sereni rispetto alla necessità di riferire di condotte non etiche. E’ un buon progresso, di un punto rispetto all’anno scorso, sull’impegno a creare un ambiente di lavoro basato sulla fiducia e una cultura aziendale che stimola una comunicazione aperta.
  • Schneider Electric ha lanciato una “Sustainability School” per formare i dipendenti sui temi climatici e sociali e per incoraggiarli ad agire e avere un impatto positivo, in tutti gli aspetti delle loro vite.
  • Le persone di Schneider Electric nei vari paesi continuano a giocare un ruolo importante per assicurare che le iniziative di sostenibilità locali abbiamo il massimo impatto: alcuni esempio sono i progetti realizzati in Francia, USA, Cina, India.