Ubi Pramerica Sgr

-

Un semestre di “raccolta” e un nuovo record di masse gestite

· Nei primi sei mesi del 2016 la raccolta netta di UBI Pramerica SGR ha raggiunto i 2,6 miliardi di euro.

· Il patrimonio gestito, alla fine del semestre, ha raggiunto i 45,2 miliardi di euro che rappresentano un nuovo record di masse gestite dalla Società.

UBI Pramerica SGR, la società di gestione del risparmio nata dalla joint venture tra il Gruppo UBI Banca e Pramerica Financial, chiude il primo semestre 2016 con una raccolta netta, al netto di duplicazioni, di 2,6 miliardi di euro (di cui 0,6 miliardi raccolti nel mese di giugno) che rappresenta il 6,1% rispetto al patrimonio gestito di fine 2015.

Il patrimonio gestito da UBI Pramerica ha raggiunto così, al netto di duplicazioni, i 45,2 miliardi di euro, superiore del 6,4% rispetto al dato di fine 2015.

“Questo risultato – commenta Andrea Ghidoni, Amministratore Delegato e Direttore Generale di UBI Pramerica – conferma la qualità della nostra gestione e la professionalità delle selezionate reti distributive. Tra i driver di crescita di UBI Pramerica sono certamente da evidenziare lo spiccato orientamento all’innovazione in termini di prodotto, il forte radicamento sul territorio grazie anche all’appartenenza al gruppo bancario UBI Banca e, non ultima, la partnership industriale con Pramerica Financial, uno delle maggiori istituzioni statunitensi che differenza la SGR nel panorama del risparmio gestito italiano. In un contesto di mercato molto difficile, gli investitori hanno apprezzato la flessibilità e la visione di lungo termine delle nostre soluzioni: nel corso del primo semestre UBI Pramerica SGR ha lanciato 2 nuovi comparti sicav, 2 nuovi fondi di diritto italiano, 2 nuove classi sicav dedicate all’offerta tramite promotori finanziari e private banker e infine una nuova linea di gestione patrimoniale articolata in quattro diversi profili di rischio”.


Il contenuto di questo testo (come di tutta la sezione “Sala stampa”) non impegna la redazione de Lamiafinanza: la responsabilità dei comunicati stampa e delle informazioni in essi contenute è esclusivamente delle aziende, enti e associazioni che li firmano e che sono chiaramente indicati nel titolo del testo.