Alimentazione sostenibile: quando principi e profitti possono coesistere?

-

l cibo è estremamente importante e plasma la nostra salute, contribuendo alle attività economiche nelle quali viviamo. Tuttavia, gli attuali sistemi di produzione alimentare possono essere molto più dannosi per l’ambiente, rispetto al trasporto utilizzato per portarlo sulla nostra tavola.

La produzione di cibo è attualmente responsabile di più di un quarto di tutte le emissioni globali di gas serra prodotte dall’uomo e metà di tutta la terra abitabile è sfruttata per l’agricoltura.

Parte di questa soluzione sta nel creare sistemi alimentari sostenibili, i quali mirano a fornire sicurezza alimentare e nutrizione in tutto il mondo in modo redditizio.

Profitto e principi possono coesistere?

Le aziende più innovative e di qualità, le quali sviluppano tecnologie e prodotti che permettono ai sistemi alimentari sostenibili di prosperare, possono essere enormemente redditizie.

Non c’è da meravigliarsi che i finanziamenti per le aziende agroalimentari abbiano raggiunto il massimo storico di 26,2 miliardi di dollari nel 2020.

Per questo motivo, abbiamo evidenziato tre aree in cui la rivoluzione alimentare sostenibile è pronta ad offrire rendimenti significativi a lungo termine:

1) Cibi a base vegetale

La produzione di carne è di gran lunga il peggior colpevole quando si tratta dell’insostenibilità dei sistemi alimentari odierni, rappresentando un sorprendente 14,5% di tutte le emissioni di gas serra prodotte dall’uomo.

Le cose vanno particolarmente male nella fase agricola, con processi come il cambio di destinazione d’uso dei terreni e l’allevamento di bestiame (insieme ai cambiamenti di biomassa, la deforestazione, la produzione di metano e l’uso di pesticidi che questi comportano) che rilasciano molti più equivalenti di anidride carbonica rispetto alla lavorazione, al trasporto, alla vendita al dettaglio e all’imballaggio.

Tutto ciò dimostra che, piuttosto che comprare a livello locale, la vera soluzione per un’alimentazione sostenibile è quella di sostituire del tutto la carne con alternative con un’impronta di carbonio complessiva molto più bassa. E per questo, gli alimenti a base vegetale sono perfetti, emettendo molto meno per chilogrammo di prodotto, rispetto a qualsiasi tipo di carne, in cima alla lista qui sotto.

Gli atteggiamenti dei consumatori sembrano allinearsi con questa realtà e questo è incoraggiante. Per esempio, Kearney mostra che le vendite globali di carne convenzionale sono sulla buona strada per diminuire costantemente nei prossimi due decenni, mentre le vendite di carne coltivata e di sostituti della carne vegani aumentano.

Un numero sempre maggiore di aziende alimentari a base vegetale sta cercando di far leva su questa consapevolezza per i propri piani di crescita. Due esempi significativi sono Beyond Meat e Oatly. Data la portata delle previsioni, le prospettive di crescita di questo tipo di aziende sono enormi.

2) Agricoltura intelligente

L’agricoltura intelligente si riferisce all’idea di portare i big data nel mondo dell’agricoltura, che si è a lungo basato sulla meccanizzazione avanzata.

Per avere un’idea della scala di sconvolgimento che stiamo guardando, basta guardare John Deere: un’azienda che sta facendo perno per diventare una piattaforma tecnologica con il loro trattore autonomo 8R, che permette agli agricoltori di occuparsi delle colture tramite un’app.

L’agricoltura intelligente è una parte vitale di qualsiasi sistema alimentare sostenibile. Infatti, non è una coincidenza che la dimensione del mercato stia per raggiungere 23,1 miliardi di dollari nel 2022 da soli 9,6 miliardi di dollari nel 2017.

3) Agricoltura verticale

L’agricoltura verticale è la pratica di coltivare le piante al chiuso in molti strati impilati. E poiché questo permette di controllare completamente le condizioni, offre una vasta gamma di vantaggi rispetto all’agricoltura tradizionale.

Dall’essere in grado di produrre colture in modo affidabile tutto l’anno indipendentemente dal tempo, al minimizzare l’uso di spazio, acqua, energia e pesticidi, consentendo alle aziende agricole di essere stabilite anche nell’ambiente più urbano.

L’agricoltura verticale è già diventata un’industria globale da 4,4 miliardi di dollari e deve ancora raggiungere il suo pieno potenziale. Infatti, le previsioni mettono già il valore dello spazio a un impressionante 15,7 miliardi di dollari entro soli tre anni.