Economia Green

La sfida di un mondo carbon neutral e il framework normativo europeo

-

Siccità, piogge intense, innalzamento del livello dei mari, acidificazione degli oceani e perdita della biodiversità: il cambiamento climatico esiste, è in corso e, soprattutto negli ultimi anni, sta mettendo a rischio l’integrità e lo sviluppo socioeconomico del nostro pianeta, esponendo tutti i Paesi a seri rischi finanziari. Intervenire, oggi, è… Continua »


Proteggere la biodiversità, proteggere le economie

-

L’importanza della biodiversità è appena percettibile, ma di ampio respiro. Traiamo beneficio da suoli ricchi, dall’impollinazione, dalle risorse naturali, dallo stoccaggio del carbonio e da molto altro ancora. Eppure le attività umane hanno ridotto la fauna selvatica del pianeta in media del 68% rispetto a 46 anni fa. Siamo sempre… Continua »


La transizione energetica: un percorso a ostacoli, ma in accelerazione, verso l’azzeramento netto delle emissioni

-

Il ruolo chiave delle tecnologie pulite nella sesta ondata industriale, insieme alla digitalizzazione/IA e alla robotica, è ormai sempre più riconosciuto (Figura 1). Siamo solo all’inizio di un processo che vedrà le tecnologie green occupare un posto sempre più centrale negli investimenti pubblici e privati nei prossimi decenni.   Figura… Continua »


Donne sempre più protagoniste nel mondo automotive

-

Il mercato automotive oggi parla sempre più al femminile, grazie a un numero crescente di manager donna che apporta un valore aggiunto alle aziende per cui opera. Resta ancora un gap da colmare soprattutto per le posizioni di vertice nel mondo automotive, ancora per lo più appannaggio di uomini. Sul… Continua »


Climate Change, il framework europeo e i nuovi rischi emergenti

-

Gli ultimi 10 anni hanno registrato un alto numero di catastrofi naturali come alluvioni, terremoti, siccità, tifoni. Nel rapporto pubblicato in occasione dell’International Day for Disaster Risk Reduction del 2020, si evince che queste calamità abbiano provocato circa 1,23 milioni di vittime, con conseguenti perdite economiche globali di circa 2,97 trilioni… Continua »


L’impatto della “greenflation” sulle materie prime

-

Nel 2021, le materie prime hanno sovraperformato rispetto a obbligazioni e azioni per la prima volta in quasi un decennio. Anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina, queste tendenze sembravano destinate a continuare nel 2022 a causa delle scorte molto basse, del miglioramento della domanda e di una tiepida risposta dell’offerta a… Continua »


La traiettoria è ancora più importante del suo punto di arrivo: Considerazioni sull’ultimo rapporto IPCC presentato lunedì

-

Un rapporto molto atteso, in quanto l’IPCC è stato talvolta criticato, erroneamente a nostro avviso, per essersi concentrato troppo sull’allarmante diagnostica sul clima e non abbastanza sulle possibili soluzioni. Il tempo sta per scadere e il margine di azione ora è molto stretto. Ogni anno che passa senza un’azione adeguata… Continua »


Il conflitto tra Russia e Ucraina spinge verso l’energia green

-

L’invasione della Russia in Ucraina, seguita da un livello crescente di sanzioni imposte dall’Occidente, ha aumentato la volatilità nei mercati dell’energia. Analizzare i dati e concentrarsi su come potrebbe essere il mondo dopo una crisi può aiutarci a evitare di reagire in modo eccessivo alla volatilità a breve termine e… Continua »


Energia, la Cina ha scelto l’idrogeno

-

La Cina è consapevole dell’impatto ambientale del carbone e di altri combustibili fossili utilizzati nella sua industria. Di conseguenza, per creare un futuro più verde, il Paese ha intrapreso un percorso di decarbonizzazione puntando su nuove fonti energetiche, tra cui l’idrogeno. È per questo che pochi giorni fa, Pechino ha… Continua »


I produttori di energia, la chiave di volta per una transizione climatica di successo

-

Non abbiamo più tempo. Secondo un’analisi eseguita dalla NASA, la temperatura media globale è aumentata di poco più di 1 ⁰C dal 1880. Al ritmo attuale delle emissioni, potremmo raggiungere 1,5 ⁰C entro 15 anni. A seguito della COP26, 118 Paesi hanno aggiornato i loro “contributi determinati a livello nazionale”… Continua »